chiasso-confina-le-luci-rosse-in-una-zona-ad-hoc
(foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Campeggi, nel 2021 il boom, ora il rientro nei ranghi

Dopo il milione e più di pernottamenti del 2021, la situazione dovrebbe tornare a livelli pre-pandemici. Patelli: ‘Inizio più che positivo’
Bellinzonese
1 ora

Strade e centri commerciali: cosa si è fatto e cosa manca

Sant’Antonino: il punto sulla viabilità dieci anni dopo la pianificazione che ha dimezzato l’area di vendita massima
Ticino
11 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
13 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
14 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
14 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
14 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
14 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
14 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
15 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
15 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
09.11.2018 - 05:50

Chiasso confina le luci rosse in una zona ad hoc

Il Municipio cittadino mette dei paletti a Piano regolatore alle attività moleste e traccia la mappa delle antenne di telefonia

di Daniela Carugati

Il Municipio di Chiasso ha deciso di mettere dei paletti. Al bivio fra attività molesta e no ha voluto operare dei distinguo e li ha ancorati al Piano regolatore (Pr). Lo ha fatto disegnando così la geografia delle aree ‘off limits’ a rumori, radiazioni – incluse quelle da antenne per la telefonia –, e... fastidi di tutt’altra natura. Due i campi sensibili individuati dall’autorità comunale: il primo circoscrive, appunto, l’ambito della comunicazione mobile, il secondo quello dello svago a luci rosse. Ed è in quest’ultimo caso che l’esecutivo ha tracciato una sorta di confine immaginario sulla mappa della città. Una scelta regolata da un nuovo quanto puntuale articolo inserito nelle Norme di attuazione di Pr. Se il Consiglio comunale darà via libera, quindi, l’esercizio della prostituzione in futuro sarà possibile solo nel comparto a nord di via Porta, ovvero a ridosso dell’area doganale di Brogeda, fino a via P. e L. Chiesa.

Postriboli, saloni per massaggi erotici, club privé si potranno insediare unicamente in quella porzione di Chiasso, che è stata, peraltro, ristretta rispetto alle intenzioni iniziali (che comprendevano una già ‘tormentata’ via Odescalchi). Del resto, è lì, in una zona che la pianificazione definisce come amministrativa commerciale intensiva – a 7 piani –, che già oggi si concentrano i luoghi del piacere, un paio in particolare. Ed è sempre lì, al numero 3 di via dei Pedroni, che si è progettato un nuovo edificio su 5 piani dedicato per intero alle operatrici del cosiddetto mestiere più vecchio del mondo. Una operazione da 3,7 milioni e una ventina di camere, con area ‘spa’ e ristoro, ancora sul tavolo del Municipio e in attesa del parere cantonale, ma che non sembra avere incontrato delle resistenze particolari.

Sia chiaro, la giurisprudenza è netta su questo fronte: le attività di prostituzione sono legali, ma, rammenta lo stesso esecutivo, considerate “moleste” e “incompatibili con le zone residenziali”, senza trascurare i luoghi sensibili come scuole, case anziani, parchi o chiese (solo per citarne alcuni). Non rimane, di conseguenza, che intervenire sul Piano regolatore – altra cosa sono le competenze degli enti locali quanto a rispetto dell’ordine pubblico – per “proteggere la collettività” dai riverberi delle luci rosse. Soprattutto laddove tali presenze risultano in contrasto con la vocazione pianificatoria dell’area.

E qui l’autorità chiassese ha ritenuto di distinguere anche il carattere delle immissioni moleste. Perché ce ne sono di “natura materiale” – è il caso di decibel, vibrazioni ed esalazioni –, subito individuate, e di tipo “immateriale”, che vanno a urtare, esplicita l’esecutivo, la sensibilità degli abitanti del posto. È in questa categoria che rientra la prostituzione. Ma non solo: nel declinare la definizione di ‘molestia’ la norma iscrive altresì i “servizi di ‘morte assistita’ e affini”.

Antenne per zone di priorità

Di altro tenore la geografia delle antenne per la telefonia che si stagliano nel paesaggio urbano chiassese. In questo caso il Municipio ha atteso che il quadro legislativo fosse definito: a mettere un punto fermo la sentenza del Tribunale federale che ha ribadito le competenze comunali nella salvaguardia della pianificazione. Quanto al criterio da applicare nel posizionamento degli impianti sul territorio locale – campo d’azione delle infrastrutture –, vale, come sancito dall’Alta Corte di Losanna, il ‘modello a cascata’. Modello che stabilisce una graduatoria per priorità. Quattro le zone individuate: quelle destinate al lavoro, le miste, le residenziali e miste e, in ultima analisi, le aree nel raggio di 150 metri da spazi occupati da bambini, anziani e ammalati. Alle società che gestiscono la telefonia spetta l’onere di dimostrare che “non sono disponibili ubicazioni nelle zone con priorità più alta”. Resistono i divieti su beni naturali e culturali ed edifici protetti, come nei nuclei (in particolare di Pedrinate e Seseglio). La rotta indicata a Piano regolatore da Chiasso ha già ricevuto luce verde dal Dipartimento del territorio. Non resta che dare la parola al legislativo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved