Chiasso
02.05.2017 - 23:05
Aggiornamento: 15.12.2017 - 17:11

Chiasso, votate a maggioranza le luci per lo stadio Riva IV

di Prisca Colombini
chiasso-votate-a-maggioranza-le-luci-per-lo-stadio-riva-iv
Davide Agosta

Lo stadio Riva Iv di Chiasso avrà un nuovo impianto di illuminazione. Il credito di 560mila franchi è stato concesso questa sera dal Consiglio comunale con 26 favorevoli, 13 contrari e 6 astenuti al termine di una lunga discussione e dopo il voto nominale. Tra il pubblico anche alcuni dirigenti e una ventina di tifosi rossoblu che anche in questa occasione hanno voluto manifestare la loro vicinanza alla loro squadra del cuore. Grazie al credito ottenuto ieri sera, il sodalizio rossoblu dovrebbe avere abbattuto tutti gli ostacoli per l’ottenimento della licenza per disputare gli incontri di Challenge League. Licenza negata lunedì in prima istanza dalla Sfl.

Tutti gli interventi in aula hanno di fatto ripreso le osservazioni presentate nei rapporti commissionali. Tra questi, in particolare la tempistica della presentazione del messaggio, essendo la richiesta della Sfl nota dal 2012, e i costi dell’investimento e della partecipazione della società. Il Consiglio comunale non ha risparmiato critiche al sindaco Bruno Arrigoni (capodicastero sport nella scorsa legislatura) e all’attuale responsabile del dicastero, nonché ex presidente del Fc, Davide Lurati. «La tempistica è stata dell’ultimo minuto per fare un favore al Fc Chiasso – sono state le parole del sindaco –. Così come lo abbiamo fatto al nuoto con il pallone, al tennis con i campi e all’hockey con la rasoghiaccio. Ogni municipale e consigliere comunale deve volere bene alle proprie società: se si può fare un piacere è bene poterlo fare». L’esecutivo ha fatto propri i vincoli formulati dalla commissione della gestione nel suo rapporto di maggioranza. La società verrà quindi chiamata a partecipare alla spesa con un aumento dell’affitto, che arriverà a 80mila franchi annuali e otterrà il credito solo se otterrà la licenza (in caso contrario, lo stesso sarà congelato) e solo se avrà versato i canoni d’affitto. I lavori, ha fatto sapere Davide Lurati, «inizieranno il 1° giugno, dato che la Sfl si esprimerà in seconda istanza il 31 maggio». 

© Regiopress, All rights reserved