Luganese

Dal Cantone un sussidio di 1,8 milioni per opere delle Ail

Finanzierà condotte di trasporto per l’acqua potabile nei Comuni di Monteceneri, Ponte Capriasca, Origlio, Cureglia, Vezia e nella Città di Lugano

Parola al Gran Consiglio
(archivio Ti-Press)
13 ottobre 2023
|

Le Azienze industriali di Lugano (Ail) Sa riceveranno un sussidio di 1'875'509 franchi per la realizzazione di opere di approvvigionamento idrico. Il Consiglio di Stato ha presentato il messaggio al Gran Consiglio. Le opere consistono in condotte di trasporto per l’acqua potabile di valenza strategica nei Comuni di Monteceneri, Ponte Capriasca, Origlio, Cureglia, Vezia e nella Città di Lugano. Il loro potenziamento, spiega il Cantone in un comunicato stampa, “si è reso necessario per garantire nei decenni a venire la fornitura al comprensorio del Luganese e a diversi Comuni serviti dall’ente esecutore, le Ail Sa. Le opere sono parte integrante del Pcai del Luganese, adottato dal Consiglio di Stato con Risoluzione 1784 del 23 marzo 2011”.

Il Piano cantonale di approvvigionamento idrico del Luganese rappresenta una pianificazione complessa e lungimirante, che garantirà un approvvigionamento sicuro nella qualità e nella quantità anche per le generazioni future. L’ampia rete di interscambio idrico prevista dal Pcai-L servirà un bacino di utenza che va oltre la Città di Lugano e che si estende a numerosi Comuni, fino a Morcote e Bissone.

La Legge sull’approvvigionamento idrico (LApprI) del 1994 disciplina invece le opere di approvvigionamento idrico che possono beneficiare dei sussidi cantonali, in particolare quelle di interesse regionale o sovracomunale definite dal piano cantonale di approvvigionamento idrico.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE