ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
4 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
9 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
14 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
23 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
30.11.2022 - 20:11

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza

le-oasi-di-vezia-idee-per-un-paese-piu-visibile
Ti-Press
Il Parco di Villa Morosini

Che cosa rende un paese piacevole da vivere? I servizi, certo. Il paesaggio, perché no. Ma sono i punti d’incontro, di sosta, di passaggio a rendere speciale un posto. Una panchina, una fontana, uno spiazzo alberato, per cominciare. È in questa direzione che si è mosso il Comune di Vezia attraverso un progetto chiamato "Laboratorio di villaggio", in collaborazione con Espace Suisse, associazione per la pianificazione del territorio. Alla base c0è un vasto coinvolgimento della cittadinanza chiamata a esprimere desideri, critiche, suggestioni ma anche offerte concrete, per esempio mettendo a disposizione un angolino del proprio terreno. I primi risultati sono stati presentati in una conferenza pubblica presso il Centro Civico. Le urgenze individuate vanno dallo stare insieme, spazi aggregativi in senso lato, alla possibilità di spostarsi più agevolmente, all’eccesso di cemento e la relativa scarsità di verde, tutti suggerimenti che dovrebbero portare a delle "oasi", suddivise in tre livelli di importanza.

Una quarantina le persone che il Municipio è riuscito a coinvolgere in questa prima fase del lavoro, in gran parte quelle presenti alla serata pubblica introdotta dal sindaco di Vezia Roberto Piva. Il vicesindaco Alan Vismara che ci spiega il senso della procedura. «Il progetto di Laboratorio del villaggio nasce dalla necessità del Comune di affrontare determinate sfide, in particolare la scheda R6 del Cantone che impone a tutti i Comuni una verifica delle zone edificabili e la stesura di un Pac, che è un documento strategico per la pianificazione del territorio. Così abbiamo pensato a un workshop con i cittadini e pure le aziende del territorio. L’obiettivo era capire cosa manca, quali sono i punti critici e quelli forti. All’interno di questo laboratorio organizzato da Espace Suisse, sono emersi diversi elementi, da quelli più ovvi come la strada cantonale che è una ferita nel nostro paese, a quelli più piccoli, come la sensazione che non ci sia territorio per il cittadino. Spazi come panchine, fontane, piccole cose che però in realtà fanno subito la differenza». Come procedere allora? «Il documento di Espace Suisse dice che bisogna intervenire su tre livelli: le oasi di prossimità, le oasi generatrici e l’oasi centrale, che è la via San Gottardo, temi che chiaramente hanno una complessità diversa. Oggi ci concentriamo sul primo livello, la prossimità, che sostanzialmente è un appello alla cittadinanza, a continuare questo lavoro con noi. Il Comune farà da team leader, poi però ci aspettiamo che proprietari, privati, aziende partecipino alla restituzione del territorio ai suoi cittadini. Noi abbiamo ipotizzato tre modi per poterlo fare: attraverso un’idea, o la messa a disposizione di un terreno privato, magari solo in determinate fasce orarie, o ancora finanziando queste opere».

Dalla sala sono arrivati applausi ma anche qualche osservazione critica, riguardo ad opere importanti finora non decollate - in particolare la riqualifica di via San Gottardo - e la qualità di questi interventi.Su quest’ultimo punto la rappresentante di Espace Suisse, Francesca Pedrina, ah consigliato di lasciare libera espressione alla spontaneità degli abitanti, che spesso sorte i migliori risultati. Il lavoro continua e il Municipio promette di mettere presto mano alle opere proposte, sperando nella collaborazione dei privati interessati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved