ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
11 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
12 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
17 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
20 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
20 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
20 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
24.11.2022 - 13:37
Aggiornamento: 18:52

Lugano, impossibile stabilire se ci sia stato errore medico

Riaperta la fase istruttoria per approfondire il caso dopo che la radiologa ha detto, per la prima volta a processo, di non aver visto né ordinato il test

lugano-impossibile-stabilire-se-ci-sia-stato-errore-medico
Ti-Press/Archivio
Un esame ordinato all’insaputa dell’imputata

Ci vogliono ulteriori approfondimenti per stabilire le eventuali responsabilità della radiologa 52enne residente a Lugano nel presunto errore medico che provocò gravi danni di salute e l’asportazione di un seno alla donna visitata nel 2019 alla clinica Moncucco. Occorrerà un altro dibattimento per il quale verrà richiesta, forse, una nuova perizia oppure l’audizione della perita che ha allestito il referto. Lo ha stabilito il giudice Siro Quadri oggi, nella giornata in cui era attesa la sentenza. Nel processo celebrato lo scorso 9 novembre, infatti, per la prima volta, la radiologa ha detto di non essere stata a conoscenza della tomosintesi (mammografia a raggi X) chiesta ed effettuata sulla paziente, ma ordinata da un altro medico. Un elemento nuovo, questo, che ha impedito al giudice di stabilire le eventuali responsabilità dell’imputata, che oggi lavora in uno studio privato.

L’esame aveva evidenziato indizi

L’imputata, lo ricordiamo, ha contestato il decreto d’accusa allestito dal procuratore pubblico Zaccaria Akbas, con la relativa condanna a 120 aliquote giornaliere, in altre parole sei mesi sotto forma di pena pecuniaria di 61’200 franchi. Il referto peritale, ha ricordato il rappresentante dell’accusa in aula penale, aveva già stabilito che la tomosintesi evidenziava una opacità anomala, visibile su due immagini, e questo avrebbe imposto un altro approfondimento, come una nuova ecografia ed eventualmente una nuova mammografia dello stesso genere sei mesi dopo. Perché? Perché le analisi svolte all’insaputa della radiologa hanno evidenziato diversi indizi di un possibile tumore. Nella requisitoria pronunciata lo scorso 9 novembre, il procuratore pubblico ha ribadito la stessa richiesta di pena, confermando la svista diagnostica, o meglio, l’omissione a carico della dottoressa. Filippo Ferrari, legale della 52enne, nell’arringa, ha invece messo in dubbio gli accertamenti svolti e, per la sua assistita, ha chiesto il proscioglimento dal reato di lesioni colpose.

Il giudice vuole fare chiarezza

Il fatto nuovo è emerso soltanto al processo celebrato a Mendrisio, siccome l’imputata, come suo diritto, durante le indagini si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Da qui, la decisione del giudice Quadri, che, tecnicamente ha riaperto la fase istruttoria, vuole capire se l’imputata avrebbe comunque potuto riconoscere gli indizi di tumore al seno anche senza la tomosintesi, per quali ragioni la 52enne non ha ordinato l’esame e se avrebbe dovuto farlo.

Leggi anche:

Quel tumore non visto: nei meandri dell’arte medica

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved