26.10.2022 - 14:07
Aggiornamento: 01.11.2022 - 17:56

Manno, giornata di pet therapy con i familiari curanti

La organizza il 12 novembre la sezione Sottoceneri di Croce Rossa Svizzera al Centro diurno terapeutico

manno-giornata-di-pet-therapy-con-i-familiari-curanti
Crss
L’attività in piazza Dante

In occasione della Giornata intercantonale dei familiari curanti, che ricorre il 30 ottobre, la sezione del Sottoceneri di Croce Rossa Svizzera organizza il 12 novembre, al Centro diurno terapeutico di Manno, una giornata di pet therapy. In collaborazione con l’Associazione Svizzera Cani da terapia verranno svolte attività con i familiari curanti che possono ricevere sostegno anche da questo tipo di approccio che potrà essere richiesto, se desiderato, presso il loro domicilio. Sabato 22 ottobre, invece, parte del team del Centro diurno terapeutico, tra cui la responsabile della struttura Daniela Saredo Parodi, ha partecipato allo spazio aperto organizzato in occasione dell’iniziativa intercantonale della Giornata dei familiari curanti, in piazza Dante a Lugano.

La Sezione del Sottoceneri è attiva sul fronte del sostegno ai familiari curanti dal 1999, con l’apertura del suo primo Centro diurno che dal 2011 è stato riconosciuto come Centro diurno terapeutico con un servizio socio-sanitario assistenziale e terapeutico che ha la finalità di contribuire al miglioramento della qualità di vita dell’anziano, evitando o ritardando la sua istituzionalizzazione. È inoltre stato attivato uno spazio di ascolto gratuito, dove si possono approfondire tematiche legate alle malattie, alle varie difficoltà nella gestione della relazione con il familiare da curare, alle preoccupazioni, alle fatiche del quotidiano e altri temi connessi ai bisogni dei familiari. Anche il Servizio visite e il Servizio trasporti alleggeriscono il carico quotidiano delle famiglie. Durante il 2021 sono state svolte 4’112 ore per le visite e 14’866 ore per i trasporti, con 248’955 chilometri percorsi per trasportare le persone con difficoltà motorie, presso le strutture sanitarie.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved