22.09.2022 - 10:53
Aggiornamento: 27.09.2022 - 19:16

Pesca artigianale e acquacoltura in una mostra itinerante

Il percorso dell’esposizione organizzata dai Fotoclub di Bellinzona, Lugano e Chiasso parte sabato 24 settembre da Lugano

pesca-artigianale-e-acquacoltura-in-una-mostra-itinerante
Alcuni scatti

Parte da Lugano, e raggiungerà in seguito Chiasso e Giubiasco, la mostra ‘Proteggere le risorse ittiche: proteggere la vita’ realizzata in collaborazione tra FotoClub Turrita, FotoClubLugano e Foto-Cine Club Chiasso.

Nel 2022 si celebra l’Anno internazionale della pesca artigianale e dell’acquacoltura allo scopo di focalizzare l’attenzione mondiale sul ruolo che i pescatori su piccola scala, gli allevatori di pesce e i lavoratori del settore della pesca svolgono nella sicurezza alimentare ed economica, nella nutrizione e nella tutela ambientale. I soci dei tre club si sono pertanto cimentati nella realizzazione di una serie di fotografie ispirata al ciclo del pescato, con scatti realizzati nei pressi di fiumi e laghi della regione, ma anche in luoghi più esotici. Al centro ci sono sempre loro, i pesci nelle varie fasi della loro vita, e i pescatori o gli allevatori con molte loro sfaccettature. Le decine di immagini scattate dai soci dei tre foto-club sono state sottoposte a una giuria (composta da un fotografo e da rappresentanti del settore della pesca e della comunicazione) che ha individuato i 28 scatti scelti per essere esposti.

La mostra sarà inaugurata sabato 24 settembre alle 11 al Belvedere di Riva Antonio Caccia a Lugano (di fronte al Lac) alla presenza di rappresentanti dei tre club e della giuria. La partecipazione è libera e anche in seguito sarà possibile ammirare le foto gratuitamente e senza orari. Dal 3 al 29 ottobre le immagini si sposteranno lungo Corso San Gottardo, a Chiasso e dal 30 ottobre al 4 dicembre in piazza Grande, a Giubiasco.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved