20.09.2022 - 18:30
Aggiornamento: 19:24

Sostenuta la futura sede di Scudo a Viganello

Concesso dal Gran Consiglio al Servizio di cure a domicilio del Luganese il contributo di 2,5 milioni di franchi per ristrutturare Villa Rava

sostenuta-la-futura-sede-di-scudo-a-viganello
Ti-Press/Archivio
Via libera dal Cantone alla nuova sede nel bene culturale protetto

Concesso dal Gran Consiglio al Servizio cure a domicilio del Luganese (Scudo) il contributo unico a fondo perso di 2,5 milioni di franchi per ristrutturare la nuova sede che troverà spazio nella Villa Bolla Rava di Lugano, quartiere Viganello. L’attuale sede del servizio si trova in uno stabile in affitto in via Brentani 11 a Lugano. Con l’aumento dell’attività, Scudo negli anni ha acquisito nuovi spazi in affitto in alcune sotto-sedi, creando però una situazione non idonea dal punto di vista logistico. La Città di Lugano, dal canto suo, ha concesso tramite convenzione un diritto di superficie per 50 anni al canone annuo di 1 franco della Villa Bolla Rava di sua proprietà e situata a Viganello accanto alla casa per anziani La Meridiana.

Per tale concessione vengono poste le condizioni che l’area riguardante la villa, inclusa la corte interna, venga utilizzata per l’insediamento della sede di Scudo e che la beneficiaria del diritto assuma le spese di ristrutturazione della villa. Il sostegno da parte del Cantone all’intervento a questa ristrutturazione si basa sulla volontà di garantire a tutti i cittadini le stesse possibilità di accesso alle prestazioni, indipendentemente dal loro domicilio o dalla loro situazione economica. Come noto, Cantone e Comuni, tramite il contratto di prestazione, si assumono una parte dei costi d’esercizio del servizio (20% Cantone / 80% Comuni), mentre il resto è finanziato dalle assicurazioni malattia e dagli utenti stessi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved