13.09.2022 - 11:35
Aggiornamento: 14:46

Lugano mette a concorso gli orti familiari comunali

Sono una cinquantina gli spazi ancora a disposizione a partire dal 1° gennaio 2023. Offerte da inviare entro il 14 ottobre

lugano-mette-a-concorso-gli-orti-familiari-comunali
archivio Ti-Press
Per coltivare pomodori e molto altro

La Città di Lugano ha aperto il concorso per l’assegnazione degli orti familiari comunali a partire dal 1° gennaio 2023. La precedenza sarà data agli attuali beneficiari che rispondono ai requisiti definiti dalla nuova ordinanza municipale per l’uso degli orti familiari in vigore dal 15 giugno. Può beneficiare di un orto comunale chi è domiciliato a Lugano, intende coltivare un orto a titolo privato e senza fini di lucro, non dispone di un terreno coltivato privato o pubblico e non svolge attività di coltivazione su fondi appartenenti a terzi. La precedenza viene data a chi beneficia di una rendita Avs o Ai.

A Lugano sono presenti circa 180 orti comunali situati a Breganzona, Viganello, Pregassona e Castagnola. Quelli non assegnati sono una cinquantina. La concessione in uso ha una durata di un anno e viene tacitamente rinnovata dalle parti per un ulteriore anno se non viene data disdetta con un preavviso di tre mesi. L’assegnazione ha una durata di 10 anni, dal 2023 al 2032, e il canone annuale dovuto dall’affittuario è di 120 franchi.

Il bando è pubblicato sul sito www.lugano.ch/concorsi o può essere ritirato nei Puntocittà del centro, di Pambio Noranco e di Pregassona. Il concorso scadrà il 14 ottobre. Le offerte sono da inviare all’amministratore e gestore degli orti comunali, GIpl-Gestione Immobiliare per Istituzionali, in busta chiusa con dicitura ‘Concorso orti 2022’. Se il numero di richieste che rispettano le condizioni di concessione dovesse essere maggiore degli orti disponibili, verrà allestita una lista d’attesa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved