ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
14 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
16 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
21 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Luganese
08.09.2022 - 08:30
Aggiornamento: 16:26

Un quartiere senza... sbocco (o quasi) tra Savosa e Porza

Previsto sul primo comune, ma avversato dal secondo per una questione di traffico di attraversamento ‘indotto’

un-quartiere-senza-sbocco-o-quasi-tra-savosa-e-porza
Ti-Press/Crinari
L’ex Laboratorio

Si trascina ormai da anni senza esito una operazione edilizia prevista (dai promotori) nella pregiata zona di Rovello, Savosa, ma avversata, oltre che dai confinanti, dal Comune di Porza. La singolare situazione, attualmente ancora al vaglio del Consiglio di Stato, riguarda il fondo dove operava il ben conosciuto Laboratorio bioanalitico, che svolgeva analisi di diverso genere, situato in via Vira 1, in pratica nelle adiacenze del Parco Vira, dopo il campo da calcio per chi conosce la zona. Un’area di una certa valenza anche naturalistica, presso il Colle San Maurizio: il Laboratorio bioanalitico Sa, che era presieduto dal dottor Damiano Castelli – conosciuto per la sua attività nell’ambito della Croce Rossa svizzera – nel 2011 cambiò nome in Bl service Ag, società peraltro sciolta lo stesso anno. La ditta è dunque chiusa da anni alcuni anni e ora per il fondo in questione – compresi alcuni spazi verdi circostanti – sembrava arrivato il momento dell’edificazione. Ben 18 case erano sulla carta dei progetti di Implenia Sa, chiamate a riempire intensivamente il fondo.

Sul confine delle buone ragioni

Sembrava, perché la domanda di costruzione non è passata come una lettera alla posta. Da parte del Municipio di Savosa non sono sorte particolari obiezioni: il fondo è infatti regolarmente edificabile, e per l’autorità locale la domanda rispettava i diritti dei proprietari. Non così l’hanno pensata alcuni confinanti e soprattutto il Municipio del vicino Comune di Porza, spaventati sia dalla densità della costruzione, sia dal traffico indotto per il cantiere – sono stati stimati mille viaggi di camion – sia dei futuri, eventuali residenti. Fattore quest’ultimo particolarmente temuto dai vicini di Porza: il fondo in questione infatti non dispone di un accesso veicolare diretto al resto della rete stradale di Savosa, ma unicamente a quella dei vicini di Porza, oltretutto attraverso una strada – via Borsari-Wälti – il cui transito è riservato ai ’confinanti autorizzati. Un bel rompicapo insomma, per questa ‘punta’ di Savosa incuneata nel territorio di Porza. Ognuno ha le sue buone ragioni. Da noi interpellato, il Municipio di Savosa fa presente che a Piano regolatore il fondo è edificabile R2 da una trentina d’anni, e quindi anche volendo non avrebbe potuto negare la domanda di costruzione. A finire sotto il tiro dei ricorsi, per una variante di Pr, c’è invece – accanto alla domanda di costruzione delle case – un allargamento della via Vira proprio al confine con Porza. Dove, si capisce, la situazione è percepita diversamente.

Da 18 a 14 case

Il sindaco di Porza, Franco Citterio, così ci spiega questa insolita battaglia che il suo Municipio sta ingaggiando... oltre confine. «Diciamo che abbiamo reagito preoccupati, come Comune ma anche sentendo nostri concittadini che abitano sul confine. Fondamentalmente il progetto nasce sì, sul territorio di Savosa, è un progetto importante, ma l’unica via d’accesso è una strada nostra, molto stretta e costruita per i confinanti, che è già toccata da traffico parassitario, come scorciatoia tra Massagno e Tesserete». C’è stata, chiediamo una trattativa tra Porza e Savosa? «A dire il vero – risponde Citterio – noi abbiamo parlato con i promotori che in un primo tempo sembravano aver recepito i nostri argomenti, ma poi sono rimasti sulle loro posizioni». Il progetto per la verità è stato ridimensionato (da 18 a 14 case) ma non, secondo Citterio in modo significativo. Come uscirne? Volendo evitare le strade di Porza, secondo Franco Citterio un paio di alternative ci sarebbero. «La strada sterrata che corre di fianco al Parco Vira: ci dicono che è pedonale, ma insomma se si vuole costruire... Un’altra possibilità sarebbe quella di salire dalla rotonda dietro all’Ospedale Civico, fino a strada San Maurizio, per poi realizzare un allacciamento a via Vira». Lambendo, come se non bastasse, pure il territorio della Città di Lugano. Un classico esempio di come la frammentazione del territorio in molti Comuni, un fatto storico per la collina luganese, possa creare alcune complicazioni nell’organizzazione del territorio e della viabilità. «Possibilità ci sono, e chiaramente fra comuni si cerca sempre di dialogare, ma in questo caso, diciamo così, noi e Savosa vediamo le cose in modo diverso».

Chiamato a fare da arbitro nella tenzone fra i due comuni (e soprattutto il promotore immobiliare) il Consiglio di Stato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved