ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
7 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
9 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
9 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
9 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
9 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
10 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
10 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
10 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
11 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
11 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
11 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Bellinzonese
11 ore

EspaceSuisse, assemblea e conferenza a Bellinzona

Giovedì 9 febbraio nella sala del Consiglio comunale è prevista una serata pubblica sul tema ‘La pianificazione del territorio di fronte alle nuove sfide’
Locarnese
11 ore

Gordola fa Carnevale al Centro manifestazioni e nei bar

Da giovedì a sabato con Re e Regina Zeca animazioni per tutte le età, abbondanti libagioni e dj set con entrata gratuita
Locarnese
11 ore

Gordemo, arriva (con gusto) il Carnevale in piazza

Libagioni protagoniste ai festeggiamenti, previsti domenica prossima, 5 febbraio, grazie alla Società Ricreativa
Locarnese
11 ore

Campo Vallemaggia, fondi al recupero di edifici e muri a secco

Dalla Fondazione per la tutela del paesaggio un sostegno economico a favore della salvaguardia dei preziosi paesaggi culturali nelle regioni di montagna
31.08.2022 - 18:05
Aggiornamento: 01.09.2022 - 14:47

Palestra e cattiva gestione, l’accusa chiede due condanne

Reati societari: proposti 18 mesi sospesi per l’imprenditore e 6 mesi sospesi per l’amministratrice. Le difese: vanno assolti. Domani la sentenza

di Guido Grilli
palestra-e-cattiva-gestione-l-accusa-chiede-due-condanne
Ti-Press
Per la pubblica accusa il danno societario è stato di oltre 400mila franchi

Compiti svolti. Il dirigente 62enne della società che gestiva la palestra del Luganese davanti alle Assise correzionali di Lugano per reati societari, incalzato ieri dal giudice Marco Villa a presentare alla Corte il business plan sugli investimenti di 10 milioni per il rinnovo del centro, ha depositato le carte richieste. I lavori sono iniziati nell’aprile 2017 e in novembre dello stesso anno i primi clienti hanno potuto iniziare gli allenamenti, seppure lo stabile fosse agibile solo parzialmente – ha spiegato l’imprenditore – che ha indicato nell’agosto-settembre 2018 l’inaugurazione vera e propria, precisando che l’investimento iniziale era di 8 milioni.

‘Senza più liquidità? La situazione era perfettamente sotto controllo’

Il giudice Marco Villa, durante l’interrogatorio, ha chiesto all’imputato: «Ma come ha fatto a non accorgersi che già da maggio 2017, dopo pochi mesi, la società era senza liquidità e che aveva già utilizzato tutto il capitale societario e aveva già attestati di carenza beni?». «Non dovevo accorgermi di nulla, dal momento che c’erano i finanziamenti garantiti e non mi risultano attestati di carenza beni. La situazione era perfettamente sotto controllo», ha risposto il 62enne.

L’amministratrice unica – coimputata – ha smentito le affermazioni dell’imprenditore, secondo cui il 62enne le avrebbe proposto di ricoprire la carica societaria per offrirle un’opportunità professionale. «Purtroppo ho accettato, ma mai mi sarei immaginata di ritrovarmi in una situazione tale. Io non ho mai voluto lavorare per lui», ha dichiarato la donna 37enne. Che ha ribadito: «Non ero a conoscenza di nulla».

Il procuratore pubblico, Daniele Galliano, nella sua requisitoria ha evidenziato come la denuncia penale al Ministero pubblico sia arrivata dall’Istituto delle assicurazioni sociali, dopo aver constatato presunte irregolarità nell’ambito della liquidazione della società anonima che gestisce la palestra, di qui l’inchiesta avviata a carico dell’imprenditore e della amministratrice unica. «Un insufficiente capitale sociale, il capitale – 100mila franchi – volatizzato in appena due mesi; una società già destinata a fallire con un preciso disegno, una società per la quale l’imprenditore ha deciso di non figurare come amministratore unico, dando incarico alla coimputata». Il pp Galliano ha puntato l’indice contro il sovra-indebitamento della società, una società «chiaramente con l’acqua alla gola». È manifesto – ha sottolineato il procuratore pubblico – che de facto a gestire la società era il 62enne italiano, era lui il "deus ex machina", era lui che decideva tutto e non certo l’amministratrice unica 37enne. Per quanto attiene alla donna, imputata pure dei reati societari, il magistrato ha comunque rimproverato di essersi disinteressata della gestione e dell’amministrazione della società anonima: «Poteva almeno controllarla, cosa che non ha fatto, anche se si capisce che nell’accettare di diventare prestanome volesse fare solo un favore al 62enne, ma è stata negligente nei suoi doveri dettati dal codice delle obbligazioni».

Il pp Galliano ha chiesto per il 62enne una condanna per i diversi reati societari, tra cui quello più grave di amministrazione infedele, a 18 mesi di detenzione, posti al beneficio della sospensione per un periodo di prova di tre anni. «Il suo agire ha presupposto una strategia, aveva il preciso intento di far fallire la società anonima, dal punto di vista soggettivo la sua colpa è grave. Il movente? Il guadagno: realizzare il rinnovo della palestra in un minor tempo possibile e con i minori costi. Con un risparmio, a conti fatti, di oltre 400mila franchi». Per la donna, il magistrato ha invece proposto una pena di 6 mesi con la sospensione condizionale per un periodo di prova di due anni.

Dal banco delle difese l’avvocato Costantino Castelli, patrocinatore del dirigente, ha esordito: «La narrativa proposta dal magistrato non corrisponde ai fatti. Il mio assistito non era un organo della società e non aveva nessun potere di rappresentare la società e questo è un dato oggettivo». «È un serio imprenditore, non un faccendiere dedito a fallimenti», ha proseguito il legale. Ha poi evidenziato Castelli: «Che una società abbia accumulato debiti non presuppone il reato di amministrazione infedele». Infondata, inoltre, a mente del difensore, l’imputazione di cattiva gestione. Respinta dal legale anche la tesi dell’eccedenza di debiti. «Semmai si può parlare di una momentanea mancanza di liquidità». L’avvocato Castelli ha chiesto alla Corte, in conclusione, la piena assoluzione dell’imputato.

Stessa conclusione e richiesta finale quella formulata dall’avvocato Giovanni Molo, in difesa dell’amministratrice unica della società anonima che gestiva la palestra, al termine della sua arringa. «La mia assistita non è una cosiddetta "uomo di paglia" e non appartiene al mondo del commercio, ha assunto l’incarico in situazioni del tutto straordinarie. È vero che ha violato il codice delle obbligazioni, ma questo non significa che abbia compiuto un reato perseguibile penalmente». Ergo, la richiesta di proscioglimento da tutti i reati contenuti nell’atto d’accusa. La sentenza è stata annunciata per domani alle 15.

Leggi anche:

I vertici di una palestra luganese in aula per cattiva gestione

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved