25.08.2022 - 14:56
Aggiornamento: 18:10

‘Passaggio del 46° parallelo a nord di Lugano da valorizzare’

In un’interrogazione al Municipio il consigliere comunale Lorenzo Pianezzi invita la Città a fare di questa attrattiva un punto di richiamo turistico

passaggio-del-46-parallelo-a-nord-di-lugano-da-valorizzare
Ti-Press
Turismo, strategie per promuoverlo

Non ritiene il Municipio di Lugano che sia opportuno e praticabile istituire un "Punto di richiamo turistico" che sottolinei il passaggio del 46° parallelo nord a Lugano? È possibile sviluppare ulteriormente questa attrattiva, per esempio coinvolgendo altre realtà che nel mondo sono attraversate dal 46° parallelo? Non ritiene il Municipio, di dover investire maggiormente in nuove forme di prodotti turistici, al fine d’incuriosire e attrarre nella nostra città il possibile turista ancora indeciso sulla sua destinazione nel nostro cantone? Sono le domande contenute in un’interrogazione rivolta al Municipio di Lugano, a firma del consigliere comunale del Gruppo Il Centro, Lorenzo Pianezzi.

Altre città lo hanno fatto

"Mai come in questo periodo il turismo necessita di nuove attrazioni e prodotti – osserva l’autore dell’interrogazione. Che prosegue: "Numerosissimi sono i turisti che durante il 2020 e il 2021 hanno trascorso le proprie vacanze in Ticino e a Lugano. Con la diminuzione delle restrizioni legate alla pandemia e il ripristino dei voli di linea è importante riuscire a rimanere attrattivi per opporsi con successo alla forte concorrenza estera. Per questa ragione è più che opportuno che Lugano investa in nuovi prodotti e in nuove idee, così da avere sempre una nuova offerta turistica da proporre di anno in anno. Una di queste attrazioni potremmo ritrovarla nel fatto che a Lugano passa il 46° parallelo nord. Da informazioni raccolte sembra che attraversi uno dei monumenti più belli della Svizzera: la magnifica chiesa di S. Maria degli Angioli caratterizzata dagli affreschi di Bernardino Luini. Questo parallelo tocca anche altre città e regioni dell’Europa, dell’Asia e del Nord America e diverse di esse sono riuscite a trasformare questa casualità in una vera e propria attrazione turistica. Anche a Lugano si potrebbe pertanto evidenziare la presenza del 46° parallelo con la posa di un cartello, di un obelisco (come a Torino, città legata al 45° parallelo), di una striscia dorata (come a Parigi nella chiesa di Saint-Sulpice a indicare la Linea della Rosa di invenzione romanzesca) o di altro ancora".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved