ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
24 min

L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte

Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
1 ora

Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia

Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Morbio Inferiore
1 ora

Festa della Madonna di Lourdes, due appuntamenti al Santuario

Sabato 11 è previsto il Cenacolo del Movimento sacerdotale mariano, mentre domenica 12 il santo rosario meditato e la santa messa del pellegrino
Ticino
1 ora

Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione

Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
1 ora

Al Festival scacchistico prevalgono Berardi e Patuzzo

Il Memorial Barbero si è tenuto domenica 5 febbraio a Sorengo
Luganese
1 ora

Lugano, un libro sulle aziende a conduzione familiare

L’Unione Cristiana Imprenditori Ticinesi presenterà all’Hotel Dante, una pubblicazione di Alessandro Scaglione
Mendrisiotto
1 ora

Entra in Svizzera nonostante l’espulsione: preso e processato

Per l’uomo vigeva il divieto di entrare nel nostro Paese. La Corte ha optato per l’espulsione immediata senza pena detentiva.
Ticino
1 ora

Blacklist morosi di cassa malati sospesa per tutto il 2023

La conferma arriva dal governo dopo la riunione della Piattaforma Cantone-Comuni: alla riattivazione della procedura, però, cambierà qualcosa
Bellinzonese
2 ore

I Puffi arrivano in esclusiva al Carnevale di Faido

I bagordi avranno luogo da mercoledì 22 a sabato 25 febbraio, quando la palestra si trasformerà nel villaggio di ‘Pufflandia’
Mendrisiotto
2 ore

Tornano i buoni pasto a Castel San Pietro

I residenti che ricevono una rendita Avs potranno richiedere, dal 13 febbraio, un tagliando di 20 franchi da utilizzare negli esercizi pubblici del paese
24.08.2022 - 17:49
Aggiornamento: 18:54

Lite a Ponte Tresa, il gerente non pagava l’affitto da un anno

Il proprietario dello stabile, in cui è avvenuta l’aggressione, aveva ricevuto numerose lamentele dal vicinato e ha intimato un aut-aut al 48enne

di Guido Grilli
lite-a-ponte-tresa-il-gerente-non-pagava-l-affitto-da-un-anno
Ti-Press
Il bar in cui è avvenuta la furibonda lite

"Oggi chiuso". Così si legge da stamane sulla porta d’ingresso a vetri del Bar San Marco di Ponte Tresa, dove ieri sera attorno alle 19 si è accesa una violenta lite che ha portato in carcere il gerente dell’esercizio pubblico situato in via Lugano 25, un 48enne domiciliato nel Varesotto con l’accusa di tentato omicidio intenzionale, lesioni gravi e aggressione, dopo aver sferrato diversi pugni contro un cliente diffidato dal locale, un 42enne ritenuto problematico da molti, domiciliato nel Luganese, ricoverato con gravi ferite al volto ma che fortunatamente non si è mai trovato in pericolo di morte.

Tanti pugni, ma la vittima non è mai stata in pericolo di morte

Il gerente del bar, unitamente a un suo collaboratore, una sorta di cameriere – denunciato a piede libero per aggressione: nel grave alterco avrebbe partecipato con un ruolo di secondo piano – è già stato interrogato dalla procuratrice pubblica, Marisa Alfier, titolare dell’inchiesta che ne ha disposto la carcerazione. Intanto, da nostre fonti si apprende che il 48enne non pagava l’affitto del bar al proprietario dello stabile da un anno, salvo qualche pagamento negli ultimi mesi, e che aveva ricevuto un preciso aut-aut che lo invitava a saldare gli arretrati, pena la diffida e la rescissione del contratto. Un esito, quest’ultimo, che dopo il fatto di sangue avvenuto ieri sera appare ormai scontato. Eppure, le diverse persone da noi interpellate tra i commerci allineati su via Lugano 25 definiscono il 48enne «un tipo gentile, tranquillo». Qualcuno si dice «sinceramente dispiaciuto». La dinamica dell’alterco è al vaglio degli inquirenti. Sembra comunque che il 48enne italiano, che aveva preso in gerenza il San Marco da circa tre anni, dalla metà del 2019, dopo aver lavorato come aiuto cameriere per il precedente proprietario, fosse confrontato con difficoltà economiche e pertanto messo a dura prova dal profilo professionale, ciò che potrebbe avergli procurato parecchio stress. Frontaliere e assiduo lavoratore, tuttavia non è riuscito a risollevare le sorti finanziarie di un bar che, stando al vicinato, non godeva di buone critiche, anzi. «Un tempo era un rispettoso tea room, con pasticcini, negli ultimi tempi è diventata piuttosto una "bettolaccia"», dichiara un signore della zona.

Il 48enne ieri sera si sarebbe trovato dietro al bancone verso le 19 – un bancone largo pochi metri, di color bianco – quando sull’uscio dell’esercizio pubblico si è affacciato il 42enne. Con una frase del tipo "tu qui non puoi entrare", lo avrebbe ammonito il gerente alludendo alla diffida dal locale intimatagli da un po’. A queste parole, il 42enne si sarebbe scagliato contro di lui rovesciando qualche bicchiere. Di qui il gerente avrebbe perso letteralmente le staffe e, anziché chiamare la polizia o invitare alla calma l’avventore, lo avrebbe colpito a più riprese con una serie di pugni, cagionandogli gravissime ferite al volto (secondo i medici rischia di perdere un occhio). All’aggressione avrebbe preso parte, ma con toni decisamente minori, anche il collega 39enne. «I miei genitori hanno avuto per anni un bar e me lo hanno sempre detto: mai reagire alle provocazioni dei clienti. Quando accade, occorre fare un passo indietro, rinunciare a qualsiasi reazione», assicura un pensionato che abbiamo incontrato in via Lugano 25. Una saggezza e un buon senso che il gerente avrebbe invece completamente ignorato.

Leggi anche:

Ponte Tresa, diffidato entra nel bar e scoppia la lite

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved