ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
25 min

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
40 min

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
5 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
8 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
8 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
8 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
9 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
10 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
10 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
10 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
20.08.2022 - 17:44
Aggiornamento: 21.08.2022 - 16:31

I giovani della ‘Quinta Svizzera’ vanno trattati con fiducia

È uno dei messaggi chiave del 98° congresso degli svizzeri all’estero. A Lugano, durante i lavori, si è parlato anche di voto ai sedicenni

i-giovani-della-quinta-svizzera-vanno-trattati-con-fiducia
Keystone
Ignazio Cassis e Filippo Lombardi

Il mantenimento della democrazia svizzera richiede il coinvolgimento dei giovani, compresi quelli della ‘Quinta Svizzera’. Se i giovani svizzeri all’estero vogliono partecipare alla vita politica, devono essere trattati con fiducia.

Questi sono due dei messaggi chiave del 98° Congresso degli svizzeri all‘estero a Lugano. La sessione plenaria di oggi si è concentrata sul futuro della democrazia. A Lugano, il presidente della Confederazione, Ignazio Cassis, ha riconosciuto l’importante ruolo svolto dagli svizzeri all’estero nell’ulteriore sviluppo della democrazia: con la loro prospettiva esterna, essi contribuirebbero a far sì che la Svizzera – che è in ogni caso un modello democratico – impari dagli altri Paesi. Durante il congresso, Cassis ha incontrato anche una delegazione di giovani della ’Quinta Svizzera’.

Contatto diretto, incontro personale, ricerca comune di soluzioni: dopo la lunga pausa causata dalla pandemia, il 98° Congresso degli svizzeri all’estero del 20 agosto ha, per la prima volta, riunito a Lugano i rappresentanti della Quinta svizzera per uno scambio diretto sul futuro della democrazia.

«Oggi abbiamo sperimentato in tempo reale il significato della democrazia: scambiare opinioni e discutere al di là di tutte le divergenze e indipendentemente dal fatto che si viva in Svizzera o all’estero, che si sia cittadini svizzeri o meno». Con queste parole, la direttrice dell’Organizzazione degli Svizzeri all’estero (Ose) Ariane Rustichelli ha ringraziato i presenti al termine dell’assemblea plenaria tenutasi al Palazzo dei congressi di Lugano.

Ieri, il Consiglio degli Svizzeri all’estero aveva fissato un primo obiettivo politico con la sua risoluzione indirizzata al Consiglio federale sulla libera circolazione delle persone alla luce del dialogo interrotto con l’Ue.

Voto a 16 anni: ‘Fidatevi dei giovani e lasciate che si organizzino da soli’

Nel suo intervento conclusivo, Ariane Rustichelli ha fatto riferimento in particolare all’età di voto a 16 anni, sulle opportunità e rischi del quale due rappresentanti del Parlamento dei Giovani svizzeri all’estero (Ypsa; Youth Parliament of the Swiss Abroad), si erano espressi a inizio giornata. I giovani tendono a pensare che l’abbassamento dell’età di voto favorisca «la loro partecipazione e il loro interesse per la politica» ha dichiarato Ariane Rustichelli.

Al contrario, «i politici affermano spesso che questo fattore abbia un impatto minimo o inesistente» ha proseguito la direttrice dell’Organizzazione degli Svizzeri all’estero a Lugano: «Dovremmo invece fidarci dei giovani e lasciare che si organizzino da soli».

«Per la nostra democrazia l’impegno attivo dei giovani della Quinta Svizzera è essenziale», Filippo Lombardi, il presidente dell’Ose, ha tratto una conclusione simile: «Per me, quale tpresidente dell’Organizzazione degli svizzeri all’estero, il Congresso è un momento importante».

E ha espresso un ringraziamento particolare alle giovani e i giovani svizzeri all’estero: «Affinché la nostra democrazia, unica nel suo genere, possa continuare a evolvere, abbiamo bisogno del contributo e dell’impegno attivo dei giovani della Quinta Svizzera».

Il presidente dell’Organizzazione degli svizzeri all’estero ha reso omaggio allo speciale incontro del presidente della Confederazione Ignazio Cassis con i giovani svizzeri e le giovani svizzere all’estero del campo estivo Ose ‘Swiss Challenge’, che hanno fatto tappa a Lugano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved