lupi-in-val-colla-segnalazioni-troppo-vaghe-dal-cantone
Ti-Press
Servono protezioni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova

Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
Ticino
4 ore

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’.
Bellinzonese
4 ore

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
4 ore

Il Plr: ‘Un Piano d’azione per razionalizzare la luce pubblica’

Illuminazione e lotta agli sprechi, con una mozione Michela Ris chiede al Cantone di fare la sua parte. Nostra panoramica nei Comuni, che fanno già molto
Luganese
14 ore

Lugano apre Palazzo Civico per ricordare Marco Borradori

Si svolgerà nel patio la cerimonia richiesta dalla Lega e fatta propria dal Municipio a un anno dalla scomparsa dell’ex sindaco
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, i vincitori del tiro sportivo di Pro Militia

Alla manifestazione hanno preso parte una quarantina di tiratori. Ospite anche il direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi
Locarnese
15 ore

Locarnese, slitta la passeggiata degli ‘Amis da la forchéta’

La manifestazione sarà riproposta il 22 ottobre in una veste nuova e con numero limitato di persone
Locarnese
16 ore

Film per le famiglie domenica in Piazza Grande

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, torna la proposta cinematografica promossa dal Gruppo genitori
Mendrisiotto
16 ore

Il Gruppo Progetto Monte organizza merenda, spettacolo e musica

L’appuntamento, organizzato con il sostegno del Comune di Castel San Pietro, è in piazza della Chiesa a Monte domenica 14 agosto, dalle ore 17 alle 19
Locarnese
16 ore

Monte Comino, domenica torna la festa popolare

Appuntamento in quota al Grotto al Riposo romantico; carne alla griglia, musica e intrattenimenti per i più piccoli nel programma della giornata
Mendrisiotto
16 ore

Chiasso, la piscina quadrata non riaprirà

La decisione è stata presa a titolo precauzionale a seguito della perdita di cloro. Da metà settembre la vasca sarà oggetto di analisi approfondite
Grigioni
16 ore

Un Ferragosto alpino a San Bernardino

Ricca offerta di attività per famiglie in centro al paese e nei dintorni
Luganese
16 ore

Alla Resega sbarcano due nuove macchine del ghiaccio

Le ENGO IceTiger, che vanno a propulsione elettrica, permetteranno di ripulire la superficie della Cornèr Arena in pochissimo tempo
Bellinzonese
16 ore

Il gruppo cornisti di Corzoneso si esibisce a Quinto

Il concerto, organizzato dal Consiglio parrocchiale con il patrocinio del Comune, si terrà lunedì 15 agosto alle 10.45
laR
 
04.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:29

Lupi in Val Colla, ‘segnalazioni troppo vaghe dal Cantone’

Sul servizio sms di avvistamenti e tracce del predatore il capo Ufficio caccia e pesca ne ribadisce l’importanza e lo scopo: aumentare le protezioni

"Avvistamento di lupo in Val Colla, aumentare sorveglianza (29 aprile 2022)"; "Probabile predazione all’Alpe Corte, Certara (12 giugno 2022)". Sono queste alcune delle informazioni inviate via sms dall’Ufficio consulenza agricola del Cantone agli abbonati al servizio. Tra gli utenti c’è Yula Stucki, con una fattoria a poche centinaia di metri dal villaggio di Curtina, in Val Colla, che il lupo lo vive ogni giorno nei suoi incubi, dopo quel tragico 12 gennaio 2021, quando un esemplare ‘femmina 67’ – come hanno accertato le analisi – ha sbranato quattro delle sue 39 capre. «Quel che non capisco – spiega la nostra interlocutrice – è per quale motivo il Cantone dirama messaggi così equivoci, parla di predazioni ma poi non vengono precisate dove e come e soprattutto, dopo non se ne sa più nulla e non si sa se è lo stesso lupo o più lupi a essere entrati in azione. Si vive nell’angoscia, senza avere informazioni più precise. Talora si dice "avvistamento in Val Colla", ma è troppo vago, perché può essere da qui fino alla cima del San Lucio...».

‘Non esistono più zone franche’

Abbiamo girato la critica al capo dell’Ufficio caccia e pesca, Tiziano Putelli: «Il sistema sms è stato voluto soprattutto per gli allevatori. È vero che i messaggi sono un po’ succinti, ma sono l’esito delle informazioni che si hanno in un preciso momento e che vengono dunque inviate in modo tempestivo, in tempo reale. Quando raccogliamo indicazioni di una certa attendibilità sulla presenza di un lupo o di possibili predazioni su animali selvatici, così come su animali da reddito, noi – nel dubbio o nella certezza – mandiamo l’sms». Prosegue Putelli: «È importante e utile chiarire. Se guardiamo alla strategia "Lupo in Svizzera", già la cartina indica come tutto il Ticino sia potenzialmente sottoposto al rischio denominato "Grandi predatori". Il servizio sms vuole dunque avvertire gli allevatori, in caso di avvistamenti, e segnalare loro di aumentare le protezioni. Che oggi devono essere applicate. Non ci si può più permettere di sperare di essere in una "zona franca". Quand’anche non abbiamo nessun riscontro genetico sulla presenza di un lupo, ma solo delle foto o delle tracce, non possiamo fare altro che fornire queste informazioni parziali. Alle conferenze pubbliche organizzate dal nostro Ufficio qualcuno ha obiettato, sostenendo che si attendeva successivamente all’informazione una revoca del messaggio, ma va evidenziato che noi non siamo in grado di dire se il pericolo cessi improvvisamente. È impossibile avere una mappatura di dove si trovino con esattezza i lupi». La situazione è preoccupante? «I dati sono in linea con gli altri anni: le predazioni registrate in Ticino sono state circa 20 nel 2020; 10 nel 2021 e quest’anno 25. La situazione non è fuori controllo. La Confederazione ha stanziato 5,7 milioni per aiutare gli allevatori a sostenere i costi di protezione del bestiame dai grandi predatori e il Consiglio di Stato mezzo milione».

Intanto, Yula Stucki offre un’istantanea della sua quotidianità a Curtina, dove oltre alle capre – che oggi e fino al prossimo settembre si trovano protette in un’alpe del Canton Uri – possiede con il marito 13 pecore e un cavallo. «Dallo scorso 29 aprile ricevo quasi un sms alla settimana su avvistamenti di lupi, tra casi sospetti e accertati». Ma come vi proteggete da queste insidie? «Cani da protezione non ne abbiamo perché la loro gestione ci procurerebbe persino un problema superiore a quello del lupo. Abbiamo invece eretto vicino alla stalla un recinto in ferro con reti di armatura alte quattro metri». E da allora non è più successo nulla? «Fortunatamente no. Quella che ha predato le nostre pecore era una femmina, è stata registrata con il numero 67. La nostra preoccupazione è giornaliera. Sebbene io abbia il gps sulle capre, così vedo dove vanno e quando le vedo muoversi a destra e a manca significa che qualcosa non va e potrebbe esserci qualche pericolo. Adesso tutti parlano dei risarcimenti disposti dallo Stato, ma l’ansia non ce la ripagano i soldi. Continuiamo a ripetercelo: "è successo una volta e probabilmente accadrà ancora", nonostante tutte le misure di precauzione che prendiamo. Mia figlia in questi giorni è a Spruga in Valle Onsernone e l’altra sera mi ha raccontato che c’erano due lupi davanti alla cascina. Stanno diventando troppi... e non temono nulla». Yula Stucki con il marito gestiva in passato, tra il 2014 e il 2015, l’Alpe Rompiago in Capriasca che proprio lo scorso luglio ha ricevuto la sgradita visita di un lupo, che ha ucciso alcune capre. «Noi siamo a tutt’oggi "hobbysti", mentre mia figlia Eithlyn sta terminando la scuola di agricoltore nel Grigioni. Vorrà avere un giorno, assieme alle capre e alle pecore, anche mucche. Guarda avanti con fiducia».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
avvistamenti lupo sms ufficio caccia val colla
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved