ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 min

Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’

Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
15 min

Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia

Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
morbio inferiore
18 min

Dimissioni del vicesindaco, un subentrante entro fine mese

Il Municipio ha dato avvio alla procedura di designazione del successore di Matteo Mombelli
Locarno
1 ora

Voto ai 16enni e agli stranieri, ‘la Città cosa ne pensa?’

Lo chiedono con un’interrogazione al Municipio i consiglieri comunali dei Verdi Buzzi, Machado, Antunovic e Mileto
Mendrisiotto
1 ora

A Morbio Inferiore due giorni per festeggiare il Carnevale

L’appuntamento è per sabato 18 febbraio al campo sportivo e per domenica 19 sul piazzale della casa comunale
Locarno
1 ora

La vita e l’opera di Pietro Morettini alla Biblioteca

Appuntamento giovedì alle 18.15, a Palazzo Morettini. Relatore sarà Marino Viganò, dottore in storia militare
Ticino
2 ore

Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani

La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Mendrisiotto
3 ore

Giovani e sportivi a Chiasso, la gran parte è ticinese

Passate in rassegna le società attive sul territorio comunale, è emerso che gli atleti provenienti dall’estero sono la minoranza
Luganese
4 ore

Cantiere in vista in via Maraini a Lugano

Da lunedì 6 febbraio e per quattro giorni il traffico sarà regolato da agenti di sicurezza
Bellinzonese
4 ore

Le Terre del Ceneri incontrano la Città dei mestieri

Mercoledì 15 marzo porte aperte nelle aziende formatrici del territorio di Cadenazzo, Gambarogno e Monteceneri
Locarnese
5 ore

Chiacchiere al camino in compagnia di Zeno Ramelli

L’incontro con lo storico e giornalista, inserito nelle attività di ‘Natal in Vall’, si terrà giovedì nel Castello Marcacci di Brione Verzasca
Ticino
5 ore

Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie

Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
6 ore

Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche

A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
6 ore

Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno

Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
6 ore

Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’

La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
8 ore

Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta

Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
8 ore

Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’

Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
10 ore

Energia, il governo ai Comuni: ‘La situazione è ancora tesa’

Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
10 ore

Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa

Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
18 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
laR
 
29.07.2022 - 05:20
Aggiornamento: 15:46

Capriasca, mountain bike e bosco: ‘Convivenza gradita’

Ad inizio agosto approdano gli Europei giovanili. C’è chi critica alcuni interventi attuati nel verde per ricavarne il percorso di gara. Le reazioni

capriasca-mountain-bike-e-bosco-convivenza-gradita
Ti-Press
Fra ruote e rocce

Cinque giorni di gara nel verde della Capriasca. Un su e giù di percorsi, curve e tracciati che porteranno nella regione, dal 2 al 6 agosto, i Campionati europei giovanili di mountain bike. L’evento, va premesso, è di tutto rispetto, non solo per il richiamo internazionale (750 i partecipanti, fra i 13 e i 17 anni) e il ritorno pubblicitario che ne conseguono. A gettare qualche ‘ombra’ sulla manifestazione è la posizione, quantomeno critica, di alcuni cittadini, preoccupati per gli interventi attuati in preparazione al clou della competizione, il 2 agosto, in quella che è, come hanno rimarcato accompagnandoci in un giro di ricognizione, «una zona boschiva e archeologica degna di protezione». A non andare giù a una parte dei residenti è la tempistica della recinzione dell’area di corsa («una decina di giorni ci paiono un po’ troppi, anche se giustificati dagli allenamenti e dai sopralluoghi degli atleti») e la necessità di off-limits, considerati i molti nastri tirati fra gli alberi, per chi ama frequentare i sentieri a piedi, con il proprio cane o con bambini al seguito.

«Non ci pare giusto – raccogliamo lo sfogo di alcuni di loro – che si debba arginare la libertà personale per privilegiare un appuntamento ciclistico che, seppur di spessore, va a ‘invadere’ un luogo abitato anche da caprioli e cinghiali, uccelli e piccola fauna in generale. Il bosco, è il nostro parere, non deve diventare... una palestra. Gli organizzatori hanno finito, infatti, per occupare tutta una collina!». Redde, con la sua torre, è considerata un punto fra i più sensibili sotto il profilo ambientale: «Gli interventi ci paiono alquanto invasivi. Si sono poste vere e proprie barriere per gli animali, con il pericolo di andare a inciampare o a rimanere feriti. Sono stati installati materassi, poste recinzioni, si sono ‘inventate’ per le bici nuove stradine, allargati cammini, decespugliato quanto considerato di intralcio e tagliato il sottobosco. Il problema, grave, è che poi con il passaggio dei rampichini il terreno si smuove, cede, si portano in superficie le radici delle piante provocando piccoli franamenti e smottamenti. Per poi lasciare tutto così una volta spenti i riflettori...».


I nastri posti nel bosco di Capriasca

Queste grosse manifestazioni deturpano, dunque, il paesaggio? A mostrare l’altra faccia della medaglia è il capodicastero attività culturali, eventi, sport e turismo, Matteo Besomi: «Abbiamo percepito, riscontrando proprio in questi giorni alcuni atti di vandalismo con lo strappo di nastri e interventi esterni, che c’è una certa avversità... – ammette il municipale di Capriasca –, magari, e non ho problemi a dirlo, anche con comprensibili ragioni. Posso capire che alcune persone siano infastidite da questi eventi, ma posso garantire che gli organizzatori stanno lavorando in modo serio nel rispetto del territorio e di quanto condiviso in fase di preparazione». Vale la pena, quindi, creare nuovi sentieri quando Lugano Region, peraltro, ha parlato di oltre 450 chilometri di percorsi per mountain bike segnalati, "la più alta densità di percorsi ufficiali di tutta la Svizzera"? «La volontà che ha animato i preparativi di questa importante gara sta nel desiderio di non andare a occupare i camminamenti ufficiali, così da lasciarli liberi per la gente che qui passeggia, corre, porta a spasso la famiglia o i cani. Va però evidenziato, ed è molto importante, il fatto che una volta concluso l’evento i promotori risistemano e riordinano tutto, mi sento di garantire che terminata la manifestazione tutto tornerà come prima. In generale, purtroppo, si tratta di un problema di convivenza. Lo notiamo anche sulla pista ciclopedonale (molto bella) che abbiamo, ovvero di accettazione, buon senso e rispetto. Ci tengo a porre l’accento su questa questione: c’è gente col cane educata, c’è gente che va in bici educata, gente che corre educata, gente che va a passeggio educata, e diversamente ci sono gli stessi profili maleducati e non rispettosi, da una parte e dall’altra. Posso capire che qualcuno possa essere contrario a questo tipo di manifestazione o da altre simili, come lo Scenic Trail, le corse in montagna o le corse d’orientamento, ma posso assicurare che una volta concluse tutto ritorna com’era e probabilmente anche più pulito di quello che è stato trovato. Non dimentichiamo che la nostra regione ha ampio risalto grazie a questo tipo di eventi e che da parte nostra vegliamo affinché tutto sia fatto con i giusti crismi, dal rispetto di tutto quello che ruota attorno alla manifestazione al risvolto ecologico, curando ad esempio la separazione dei rifiuti. Lo attesta anche il nostro impegno: il Municipio ha da poco deciso di vietare alle biciclette la percorrenza delle vie storiche di Bidogno e del Convento del Bigorio. Il bosco sono per viverlo, ma lo ripeto: nel rispetto delle diverse sensibilità e delle diverse peculiarità. C’è un dato di fatto, è difficile molte volte far andar d’accordo tutti, ma nulla esclude che questo obiettivo lo si possa raggiungere con l’aiuto e la comprensione di tutti. Io ci credo e ringrazio chi si attiverà in questo senso».

Anche Ivano Rovelli, responsabile degli Europei, risponde alle preoccupazioni dei cittadini: «Tutto quello che è stato fatto per la manifestazione, lo ribadisco, viene alla sua conclusione riportato a come era prima. Anche le tracce che abbiamo fatto su terreni rigorosamente privati a cui abbiamo chiesto il consenso. È dal 2006 che ce ne occupiamo e non ha mai reclamato nessuno, ciò significa che lasciamo tutto in ordine. Il fatto di allestire tutto su terreni privati ci permette di lasciare liberi i sentieri pubblici per chi li frequenta così da non disturbarli. Definire il tracciato giorni prima non solo permette i sopralluoghi delle squadre ma soprattutto permette di essere certi di indirizzare i ciclisti negli appositi percorsi. Purtroppo, lo confermo, tutti i giorni dobbiamo registrare nastri strappati, paletti divelti, cartelli dove ci scusiamo per i disagi che dobbiamo rifare quotidianamente. Servirebbe giusto una convivenza più gradita. Da parte nostra usiamo tutti gli accorgimenti quali la necessaria moto elettrica, nastri biodegradabili, la pulizia anche dei sentieri che non ci competono, ma già che siamo dentro... non per questo abbiamo costi importanti. La regione, e con essa i comuni, da Lugano a Capriasca, ne beneficiano sotto forma di ospitalità, molti gli alberghi anche ticinesi, i ristoranti e i negozi che ne registreranno la presenza. Al momento abbiamo già 170 camper piazzati con l’indotto sulla nostra economia locale senza dimenticare l’eco internazionale altissima. Quello che posso garantire è il rispetto del territorio avendo peraltro scelto un periodo in cui sappiamo di non creare problemi agli animali».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved