ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Alvad, ‘malumore generalizzato ma soffocato dalla Direzione’

Partendo da una durissima lettera di un “gruppo molto folto di collaboratori” al Dss, il deputato Mps Matteo Pronzini chiede lumi al governo
Bellinzonese
5 ore

Un successo a Lumino la prima serata del progetto Mèzanecc

Una trentina di giovani ha sfruttato la possibilità proposta dal Municipio di incontrarsi e praticare sport in palestra
Bellinzonese
5 ore

Un aiuto concreto grazie alla Fondazione Fondo Loris

Devoluti 15mila franchi per aiutare il giovane Luum Abraham ad acquistare un veicolo adeguatamente predisposto per facilitare i suoi spostamenti
Bellinzonese
6 ore

Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere

Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’

Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
6 ore

Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
6 ore

Piricone nominata Sostituta magistrato dei minorenni supplente

Designata mercoledì dal Consiglio di Stato, permetterà di garantire l’operatività della Magistratura dei minorenni fino all’elezione del nuovo Sostituto
Mendrisiotto
7 ore

Scuole al voto a Breggia, nasce un Gruppo di sostegno

In vista del 30 ottobre sull’ampliamento del comparto scolastico di Lattecaldo si confronteranno referendisti (contrari) e favorevoli
Ticino
7 ore

Ecco la pagina web per i candidati alle elezioni cantonali 2023

Contiene le indicazioni sulle procedure da seguire per proporsi, ma anche su come esprimere il voto e la ripartizione dei seggi
Ticino
7 ore

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Bellinzonese
7 ore

‘Niente maxischermi a Bellinzona per i Mondiali in Qatar’

Dopo alcune città francesi e romande, anche il gruppo Verdi-Mps-Fa-Pop ha deciso di scendere in campo contro le violazioni dei diritti umani e ambientali
Locarnese
7 ore

Ad Ascona si pensa a un moltiplicatore fiscale differenziato

Una mozione interpartitica presentata al Municipio da Marco Passalia, Paolo Duca, Glenn Brändli e Fabio Guerra chiede di approfondire il tema
Bellinzonese
8 ore

Castagnata e ballo liscio con l’Atte Blenio-Riviera

Appuntamento mercoledì 12 al ristorante Posta di Malvaglia e giovedì 13 al ristorante alla Botte di Pollegio
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, rilassamento sonoro con le campane tibetane

L’attività è prevista giovedì 13 ottobre al centro diurno socio-assistenziale. È necessario iscriversi.
18.08.2022 - 11:29
Aggiornamento: 15:30

Mai più sola, nuova associazione contro la violenza sulle donne

La presidente Deborah Magagna ci racconta il progetto di sostegno per le vittime. In programma un numero d’emergenza e sportelli nei Comuni

mai-piu-sola-nuova-associazione-contro-la-violenza-sulle-donne
Ti-Press/Archivio
Una per tutte, tutte per una

Non tutta la violenza genera violenza. C’è anche chi sa cogliere le esperienze negative come punto di partenza verso cambiamenti positivi. L’associazione Mai più sola, costituita lo scorso 27 luglio, con sede legale a Lugano, è un esempio di come la vita a volte offra anche l’occasione per riscattarsi. La presidente, Deborah Magagna, ci ha raccontato la genesi del progetto di sostegno per le donne vittime di violenza domestica. «L’idea è nata a marzo dopo che sono stata io stessa vittima di violenza da parte del mio ex compagno in Italia. Sono riuscita a chiedere aiuto ai vicini di casa che hanno chiamato l’ambulanza e sono finita in ospedale in codice rosso». Il codice di cui parla Magagna è una legge italiana recante modifiche al codice penale, a quello di procedura penale e altre disposizioni in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere. In Svizzera, attualmente, non esiste un corrispettivo. Motivo per il quale la presidente di Mai più sola ha deciso di lanciare una petizione al Consiglio di Stato chiedendo che venga introdotto un codice equivalente: "In Italia – si legge – dal 2019 esiste una legge chiamata Codice rosso che comprende il reato di violenza domestica, pornografia e stalking. In Svizzera non c’è nulla di tutto questo. Ci sono dei servizi, degli aiuti ma purtroppo non è abbastanza. Serve più tutela per le vittime, servono pene più severe, serve che la polizia possa arrivare ad arrestare gli aggressori e non solo allontanarli dall’abitazione della vittima. Serve più sostegno a livello giudiziario ed economico". Petizione che finora ha raccolto quasi 190 firme.

‘Una lotta per tutte le donne’

Secondo Magagna, «di associazioni in Ticino ce ne sono diverse, ma si può migliorare tantissimo e fare tanto di più». L’obiettivo della neonata organizzazione è quindi quello di arrivare a creare una modifica anche a livello legislativo. «Le ripercussioni, oltre a quelle fisiche, sono anche di natura sociale ed economica. Io, per esempio, ho perso il lavoro a causa delle mie condizioni di salute e mi sono sentita in dovere di agire per tutelare chi vive situazioni simili. Inizialmente ho creato una pagina Instagram chiamata ‘Violenza sulle donne Ticino’, dove ho condiviso la mia esperienza, e successivamente, grazie anche all’aiuto dell’avvocata Roberta Soldati, di mia madre Luana Riva (che copre la posizione di vicepresidente) e di altri membri, sono riuscita a costituire quest’associazione. Perché anche quando tutto sembra crollare, quando non si hanno più certezze bisogna fermarsi, respirare e lottare per sé stesse e per tutte le donne che subiscono ogni giorno e stanno in silenzio. Nessuna donna merita questo. Ogni donna merita rispetto, tutti i giorni. Ho lottato per me e adesso lotto per tutte le donne».

Una linea telefonica e uno sportello

Lo scopo è aiutare le donne che subiscono violenza domestica fornendo loro sostegno: accompagnarle in ospedale, in polizia, assisterle in vari scambi e indirizzarle verso professionisti affinché ricevano un sostegno morale e finanziario. Mai più sola proporrà conferenze, eventi, serate informative di sensibilizzazione nelle scuole, presso enti pubblici e privati, ai politici e ai corpi di polizia. «Abbiamo creato un programma di serate a tema a partire da ottobre che avranno luogo nelle quattro città principali del cantone e stiamo cercando delle donne che se la sentano di raccontare e condividere la propria storia». Inoltre l’associazione creerà una linea telefonica, un contatto d’emergenza che consentirà a coloro che lo necessitano di chiedere aiuto e assistenza, in una possibile futura collaborazione con le varie autorità ed enti presenti sul territorio ticinese, con garanzia di anonimato. Un ulteriore obiettivo di Mai più sola è creare degli sportelli nei vari Comuni a cui le vittime possano rivolgersi e venire indirizzate all’associazione o verso persone di riferimento. I mezzi dell’associazione sono costituiti da contributi dei soci, donazioni, ricavi dell’attività ed eventi e ricavi del patrimonio sociale.

Maggiori informazioni sull’associazione sono disponibili su www.mai-piu-sola-1.mozellosite.com e sulle pagine Facebook e Instagram omonime.

Nel 2021, come emerge dall’ultimo rendiconto 2021 della Polizia cantonale, per quanto riguarda la violenza domestica sono stati registrati 717 casi (+18% rispetto al 2020). In massima parte si tratta di lesioni personali semplici, di minacce e ingiurie. Questa cifra rappresenta il 37% di tutte le infrazioni di violenza prese in considerazione dalla Statistica criminale di polizia (Scp); fra gli omicidi (compresi i tentati) questa parte è del 18%. In maggioranza (72%) si tratta di violenza fra coniugi o ex coniugi. Va comunque considerato che i reati legati alla violenza domestica non vengono sempre denunciati alla polizia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved