ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
7 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
8 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
8 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
9 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
9 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
9 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
9 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
10 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
10 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
10 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
11 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
11 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
11 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
11 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
11 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
Luganese
12 ore

Lugano, a Palazzo civico visita del Municipio di Cortébert

Gli esponenti del Comune bernese sono stati ricevuti dal vicesindaco Roberto Badaracco e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi e Filippo Lombardi
Bellinzonese
12 ore

Consultabili gli atti sul riassetto dei posteggi di Osogna

Giovedì 6 ottobre alle 20, nella sala polivalente delle scuole elementari, si terrà una serata informativa sul tema
laR
 
13.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:36

Anche a Lugano un Dicastero di genere? Pareri contrastanti

Tamara Merlo (Più Donne): ‘È necessario per limitare le disparità’, mentre per il municipale Lorenzo Quadri sarebbe inutile: ‘In Città non è un problema’

anche-a-lugano-un-dicastero-di-genere-pareri-contrastanti
Ti-Press/Archive
Da sinistra, Tamara Merlo (Più Donne), il municipale di Lugano Lorenzo Quadri (Lega) e la municipale di Mendrisio Françoise Gehring (Ps)

Politiche di genere: Mendrisio ha già un piede nel futuro, a Lugano a che punto siamo? A sollevare la questione durante lo scorso Consiglio comunale è stata Tamara Merlo, consigliera comunale di Più Donne, che si è pronunciata a favore della creazione di un dicastero dedicato alle politiche di genere anche per la Città di Lugano, sull’esempio del pionierismo mendrisiense. Il capodicastero Formazione, sostegno e socialità, Lorenzo Quadri (Lega) si è espresso invece negativamente. «Non si vede la necessità di creare un Dicastero apposta quando quei temi vengono già trattati sotto il Dicastero già esistente».

‘Parità come priorità’

«La disparità di genere è una vera e propria emergenza – ha esordito Tamara Merlo –. Un Dicastero per la parità e le politiche di genere sarebbe un segnale forte per dire che la Città aderisce pienamente alla Strategia Parità 2030 del Consiglio federale. I passi avanti in questa direzione ci sono, ma sono troppo pochi e ancora troppo lenti. La disparità di genere è una vera e propria emergenza. Le donne in Svizzera guadagnano in media 1’512 franchi (ogni mese) in meno degli uomini e hanno oltre il 30% in meno, se parliamo della pensione. La parità non si esaurisce a livello dei salari dell’amministrazione cittadina, anche se la parità salariale nel settore pubblico è un buon punto di partenza. Un punto di partenza obbligatorio, considerando che è la legge che impone un salario uguale per un lavoro di egual valore e non solo nel settore pubblico ma ovunque. La nostra Città può e deve fare di più al suo interno, ad esempio con una migliore presenza femminile anche nei posti direttivi, con una migliore distribuzione di genere nella varie classi salariali. Occorrono poi azioni a tutti i livelli, dalla lotta alla violenza domestica e di genere, alla formazione a tutti i livelli sui problemi relativi alle discriminazioni di genere, alle molestie, agli abusi ecc. Passi avanti ci sono (e ci mancherebbe altro, dopo mezzo secolo dal diritto di voto per le donne), c’è maggiore sensibilità ma ancora non si tratta la disparità di genere per quello che è: una vera e propria emergenza. Un’emergenza che richiede mezzi e risorse e azioni coordinate, ma soprattutto richiede un cambio di mentalità che porti la parità a essere la nostra priorità».

‘Donne ampiamente rappresentate’

Il municipale leghista si trova sul fronte opposto. «Un Dicastero di questo tipo mi sembra assolutamente superfluo e puramente declamatorio. Sarebbe un modo per pompare ulteriormente l’amministrazione pubblica a spese del contribuente per questioni di politicamente corretto e di promozione di un certo tipo di discorsi che vanno di moda adesso ma che nella pratica non portano a nulla. Non vedo una disparità di genere per quanto riguarda l’amministrazione della Città, anzi la parità di genere con i collaboratori è garantita. In tempi recenti varie donne sono state promosse al ruolo di direttrici quindi penso che questa sia una richiesta fuori luogo, puramente populista e di tipo propagandistico».

Secondo Quadri, la creazione di un simile Dicastero «darebbe l’impressione che a Lugano ci sia un problema di parità di genere nell’amministrazione. Nel nostro Dicastero socialità le donne sono ampiamente rappresentate a livello di dirigenza, tant’è che la direttrice è una donna come lo sono le sue strette collaboratrici. Siamo quasi ai livelli di dover fare le quote azzurre piuttosto che quelle rosa». Il municipale leghista ritiene che il tema della parità di genere sia già stato preso ampiamente in considerazione: «Se la consigliera comunale Merlo – ha affermato il municipale – conoscesse l’amministrazione comunale saprebbe che nel Dicastero socialità le donne sono ampiamente rappresentate. Non vedo la necessità di inventarsi un nuovo dicastero che servirebbe solo a spendere soldi pubblici senza risultati concreti. Non si vede la necessità di creare un dicastero apposta quando questi temi vengono già trattati nel dicastero già esistente, il quale si occupa di integrazione in senso lato».

Il Municipio di Mendrisio si è invece aggiudicato il primato di Comune ticinese con un dicastero dedicato proprio alle Politiche di genere. «Tutte le forze politiche hanno mostrato grande sensibilità sulle questioni delle pari opportunità – ha spiegato Françoise Gehring, municipale a capo del nuovo Dicastero –. Sensibilità che si è trasformata in una chiara volontà politica. Questa apertura si era del resto manifestata anche con il sostegno di tutte le forze politiche a favore dell’istituzione di vie al femminile; e anche questo progetto è frutto di un’interrogazione interpartitica. Ciò significa che progetti e proposte condivise hanno in sé un potenziale di consenso che, ripeto e sottolineo, grazie alla volontà politica, vengono realizzati».

La Città, nei suoi obiettivi strategici e di legislatura 2021-24 ha definito un Piano d’azione delle politiche di genere (presentato lo scorso 13 giugno) in linea con il Piano cantonale e con gli obiettivi di sviluppo sostenibile promossi nell’ambito dell’Agenda 2030 dell’Onu. Il Dicastero politiche sociali ha così ampliato il proprio focus inglobando il settore delle politiche di genere. «La volontà di implementare le pari opportunità, che sono parte integrante della Costituzione svizzera, è alla base di tutto – ha affermato Gehring –. Leggere la realtà con gli occhiali di genere significa aprirsi a una società più inclusiva, forte e dinamica. Capace di rispondere alle sfide e ai cambiamenti. Il Piano di azione della Città di Mendrisio è un primo risultato concreto e soprattutto un punto di partenza. Si tratta di procedere per obiettivi realizzabili e quantificabili. Insomma, a Mendrisio procediamo con ambizione, ma anche con realismo. Tre sono gli assi strategici della nostra azione: pari opportunità nell’amministrazione comunale, nella sfera professionale e nel contesto formativo. Assi che costituiscono un punto di partenza per lo sviluppo del settore al fine di incrementare la consapevolezza degli uffici e dei servizi comunali su come il loro ruolo possa influenzare le politiche pubbliche in un’ottica di genere».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved