ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
Mendrisiotto
5 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
5 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
5 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
6 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
6 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
6 ore

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
6 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
7 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
7 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
Luganese
7 ore

Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale

Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
7 ore

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Mendrisiotto
7 ore

Stabio, nuovi contenitori interrati per i sacchi in arrivo

I giorni di raccolta rifiuti porta a porta diminuiranno da due a uno. Chi vorrà potrà smaltirli al campo sportivo Montalbano, in via Giulia e in via Boff.
Bellinzonese
7 ore

Corso sull’alimentazione per persone con mobilità ridotta

Lo propone il Gruppo paraplegici Ticino venerdì 30 settembre all’Hotel Unione. A seguire cena salutare
Luganese
7 ore

A Lugano il primo Innovation Highway con 6 startup ticinesi

L’evento il 13 ottobre al Campus Est dell’Università di Lugano. Si parlerà di idee e progetti
Bellinzonese
7 ore

Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone

È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Luganese
7 ore

Capriasca guarda già al mercatino natalizio, iscrizioni al via

Ecco le istruzioni per gli interessati ad assicurarsi una bancarella per l’evento in agenda il 4 dicembre
Luganese
8 ore

Lugano, l’associazione Il Centro organizza doposcuola

L’attività è rivolta ai ragazzi di scuola media e avrà luogo, dal 3 ottobre, nella sede di via Brentani 5
Bellinzonese
8 ore

Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni

Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Luganese
8 ore

Domenica sarà festa al club nautico di Morcote

L’evento – tra musica, gite in barca e attività varie – è rivolto a tutta la famiglia e vuol dare la possibilità di scoprire il mondo della vela
Bellinzonese
8 ore

Bellinzona, ‘L’usignolo’ per la prima di MaxiTeatro

Venerdì 30 settembre scatta la rassegna per adolescenti con lo spettacolo che trae spunto dalla fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen
27.07.2022 - 18:18
Aggiornamento: 18:45

Lugano, 47enne abusò di una coetanea ubriaca: condannato

Quindici mesi sospesi per due anni a un uomo che l’anno scorso costrinse a un rapporto orale una conoscente alterata dall’alcol

lugano-47enne-abuso-di-una-coetanea-ubriaca-condannato
Ti-Press/Archivio
La donna non ricordava nulla

«Una gran brutta storia squallida» – come l’ha definita l’avvocata Demetra Giovannettina –, quella avvenuta nella notte del 20 giugno 2021 a Pregassona. Alla sbarra, un italiano di 47 anni residente nel Luganese, condannato per essersi approfittato di una donna fortemente ubriaca, facendosi praticare una fellatio in un parcheggio. Oggi, la Corte delle assise criminali di Lugano, presieduta dal giudice Siro Quadri, ha inflitto all’imputato una pena di 15 mesi sospesi condizionalmente per due anni per atti sessuali con persone inette a resistere.

Un tragitto innocuo, un uomo pericoloso

Quella notte la donna, oggi 50enne, dopo essersi divertita insieme agli amici, avendo bevuto diversi drink ha deciso di tornare a casa. Un suo amico le ha chiamato un taxi, dal quale lei è poi scesa per proseguire a piedi. Ma, come evidenzia Giovannettina, «i pericoli possono manifestarsi anche a Lugano, in un tragitto innocuo, e avere la faccia di un padre di famiglia come l’imputato». L’uomo infatti, alla guida della propria vettura, si è fermato vedendo un’autostoppista. La donna è salita, con passi incerti, a bordo dell’automobile e lì i due si sono riconosciuti. Infatti, si conoscevano già perché frequentavano entrambi gli stessi bar. L’imputato si è reso conto che la conoscente era ubriaca (dalle analisi è infatti emerso che la vittima aveva un tasso alcolemico compreso tra 1.31 e 2.71) e si esprimeva sbiascicando. L’ha poi accompagnata fino a pochi passi dal di lei domicilio. La 50enne è scesa dall’auto barcollando e tentando di appoggiarsi al portellone del baule è caduta a terra. Ed è da lì che la situazione è degenerata. L’uomo, avvicinandosi per aiutarla a sollevarsi da terra, ha colto l’occasione per calarsi i pantaloni e le mutande per farsi praticare una fellatio dalla donna, prima seduta e poi sdraiata a terra, sino a raggiungere l’orgasmo sul suo petto, le cui tracce sono rimaste sulla sua maglietta. L’imputato si trovava a cavalcioni sopra di lei, e con una mano le sorreggeva la testa. A riprova dello stato alterato della vittima, come sottolineato anche dalla procuratrice pubblica Pamela Pedretti, durante l’atto si è perfino rivolta all’uomo chiedendogli: "Chi sei?". I due si sono poi salutati e ognuno è andato per la propria strada, chi consapevole delle proprie azioni, chi ignaro delle azioni subite. La donna, infatti, il giorno dopo non ricordava nulla, tranne che un breve flash di lei sdraiata per terra con un uomo sopra e delle chiazze sulla maglia. Così si è recata all’Ospedale Civico per chiedere aiuto, dove è stata visitata dai medici e dalla Polizia scientifica e ha preso avvio l’inchiesta.

‘Un oggetto sessuale in carne e ossa’

«Quando ci incontravamo c’erano già state battutine a sfondo sessuale – si è giustificato l’uomo in aula –, e anche quella sera durante il tragitto ci sono stati segnali di un interesse reciproco. Nel parcheggio ci siamo trovati l’uno di fronte all’altro e dal suo sguardo ho colto che fosse consenziente, così ho abbassato i pantaloni e c’è stato l’atto orale. Non abbiamo parlato, non c’è stata nessuna richiesta da parte mia e nessun rifiuto da parte sua. Per vergogna o per paura non ho saputo subito dire la verità. A quei tempi ero sposato e non volevo che mia moglie venisse a saperlo. È stato un gesto di debolezza». «L’imputato aveva perfettamente compreso che con lei in quello stato poteva fare o meglio farsi fare quello che voleva – la tesi, invece, della pp durante la requisitoria –. Se lei fosse stata interessata ci sarebbero state attenzioni rivolte anche verso la donna, un bacio per esempio. Mentre lui l’ha solo usata e ha approfittato della situazione. Altro che gesto di debolezza, il suo è stato un gesto egoistico. L’ha fatta diventare il suo oggetto sessuale e sa bene di aver approfittato della sua ubriachezza». Inoltre, Pedretti ha dichiarato che l’imputato avrebbe continuato a mentire durante l’inchiesta se non fosse stato trovato il Dna sulla maglietta della vittima. La pubblica accusa ha dunque chiesto 20 mesi sospesi condizionalmente per una durata di due anni. Proposta alla quale si è affiancata Giovannettina, legale dell’accusatrice privata, secondo cui l’imputato avrebbe approfittato «dell’abbandono, della perdita di controllo e della vulnerabilità della donna con un riflesso sbagliato, ovvero un’occasione di sfogo per imporre alla vittima il proprio piacere. Le giustificazioni dell’imputato sono assolutamente banali e inconsistenti messe insieme per proteggere sé stesso. Se lei avesse voluto veramente fare qualcosa con lui lo avrebbe invitato a casa sua, lì a pochi passi. Inoltre, egli le teneva la testa come se tenesse in mano un oggetto sessuale in carne e ossa». L’avvocata ha poi ricordato che l’assistita stava seguendo una farmacoterapia a causa di una depressione: un’aggravante. Come risarcimento morale ha infine chiesto 8’000 franchi.

«Il tasso alcolemico non comprova una totale incapacità di discernere, e la donna è abituata a ‘sbevacchiare’ spesso. Inoltre, la sua corporatura robusta, porta a ipotizzare che la stessa regga piuttosto bene l’alcol – ha dichiarato l’avvocato della difesa Mattia Guerra –. Inoltre, l’imputato riteneva che l’accusatrice privata nutrisse un interesse nei suoi confronti e di agire quindi con il suo consenso. Non si può neanche escludere che sia stata lei a prendere l’iniziativa siccome l’alcol tende a disinibire. Non vedo la persona che è stata descritta, vedo piuttosto un imputato impacciato che si è vergognato per ciò che ha fatto. Si è scusato anche con la donna, ma questo non costituisce un’ammissione di colpevolezza». La difesa ha quindi chiesto il completo proscioglimento, respingendo le richieste di risarcimento.

Il verdetto finale: ‘Una freddezza inaudita’

«La Corte – ha spiegato il giudice durante la lettura della sentenza – ritiene che la vittima non voleva quello che è successo. Lei non ha fatto nulla di male, ha solo avuto la sfortuna di incontrare qualcuno che voleva farle del male e che l’ha segnata per sempre. A lei la Corte riconosce il pregio del coraggio nel raccontare, proteggere sé stessa, e altre vittime e i diritti che la legge riconosce a ognuno di noi. L’imputato ha dimostrato una freddezza inaudita, solo per scopi egoistici». Ma, secondo il giudice, l’elemento più importante che determina la chiara e inevitabile situazione di inettitudine a resistere è stata la caduta, alla quale è subito seguito l’atto. «La vittima era gravemente alterata dall’alcol e bisognosa di aiuto, per questo è impossibile che in quello stato abbia lanciato dei segnali. La mancanza di rispetto è evidente, il danno provocato è ingente». Quadri, stabilendo un risarcimento di 1’000 franchi, ha infine evitato l’espulsione dell’imputato, riconoscendogli il caso di rigore in virtù dei forti legami con il territorio elvetico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved