una-famiglia-luganese-vuole-assumere-wonder-woman
Depositphoto
I mille volti (e compiti) di una donna
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
4 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
4 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
4 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
5 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
5 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
5 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
5 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
5 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
6 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
6 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
laR
 
29.06.2022 - 20:55
Aggiornamento: 30.06.2022 - 19:23

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica

Se fosse stato pubblicato il primo aprile, ne avremmo tutti almeno sorriso. Invece è bastato sfogliare un’edizione di un quotidiano di fine giugno per venire a sapere che Wonder Woman esiste davvero. L’annuncio è di quelli da strabuzzare gli occhi. Eppure leggere il profilo ricercato – una baby sitter-educatrice-collaborazione domestica (peraltro già molto, in quanto si tratta di tre compiti mascherati in uno) – in un primo tempo è apparso anche banale (chi nella propria vita non ha mai curato anche solo un Cicciobello o il figlioletto di una cugina, alzi la mano). Poi riga dopo riga, le richieste della famiglia con domicilio nel Luganese, si sono fatte più variegate e specialistiche (per usare un eufemismo).

Ma cominciamo dall’inizio. I probabilmente molto abbienti genitori sono alla caccia di una tuttofare. Di sesso femminile (questo è assodato dal genere dei sostantivi). E fin qui, siamo in carrozza, con la possibilità di ricevere un esercito di candidature (soprattutto ora, d’estate, quando studentesse e single annoiate cercano di far quadrare i conti delle proprie finanze). Non si va però oltre al primo requisito che la scrematura è già assicurata: comprovata e pluriennale esperienza nel settore (diciamo che più che una ragazza alla pari avrebbe più chance una su-di-anni Tata Matilda). Bene, andiamo avanti: piena padronanza del portoghese brasiliano e della lingua inglese... e se conoscesse lo spagnolo? Potrebbe comunque candidarsi? Certo che la saudade è tutta un’altra cosa... Disponibilità a soggiornare in modo permanente presso l’abitazione del datore di lavoro e a viaggiare con i bambini e con la famiglia anche per periodi prolungati (addio, completamente, a privacy e, per chi ce l’ha, fidanzato).

Dalla cura della prole al pianoforte a coda

Continuiamo. Capacità di gestire sino a 6 bambini (tutti in una volta?), indole paziente e solare (gestendo sei bambini?), età compresa tra i 30 e 40 anni (affossata del tutto la giovane candidata). Non fumatrice (questo ci sta) e in possesso della licenza di condurre (pure). Capacità (pazienza che l’elenco è ancora lungo) di occuparsi delle commissioni familiari e della cura della casa (spesa, bucato, pulizie, ecc.). Caspita, neppure il tempo di farsi una doccia... Capacità di organizzare il guardaroba di famiglia (che siano dei reali? O degli influencer?). Per molte donne che oggi beneficiano di surgelati e microonde viene poi il bello: capacità di cucinare per tutta la famiglia (compresa l’alimentazione per un neonato) e che abbia buone nozioni di cucina brasiliana (la ricetta della feijoada, il piatto nazionale preparato con riso, si potrebbe anche trovare su Giallo Zafferano, ma poi?).

Siamo a circa la metà delle caratteristiche ricercate nella moderna superdonna. A lei si chiedono, infatti, anche nozioni mediche di base per neonati e bambini sino a 14 anni; ciò significa che oltre a pedagogia farebbe la differenza anche una laurea in pediatria. E forse anche di... antropologia: la famiglia, chiede infatti buona conoscenza della cultura e del folclore brasiliani, in particolare di musica, storie e canzoni per bambini (ammazza, e il Carnevale di Rio, vogliamo mettere?). Qualcuno potrebbe pensare che, a questo punto, i requisiti siano terminati e si possa cominciare a parlare di stipendio... No davvero, la lista pare infinita: disponibilità, all’occorrenza, ad occuparsi anche di due cani di piccola taglia (no! Gli Yorkshire no!) e buone doti natatorie (avranno una mega piscina?). E, attenzione attenzione, quale ciliegina sul curriculum: disponibilità a seguire un corso per il trattamento di pianoforti a coda Steinway per concerto!!! Anche musicofila... in grado, infine (finalmente), di poter viaggiare negli Stati Uniti d’America e dunque in possesso del visto americano per attività lucrativa o disponibilità a farne richiesta per potersi spostare con la famiglia. Punto. E basta?

Una ventina di righe, fitte fitte. Che solo a leggere l’annuncio ci si perdono diversi minuti. Non sappiamo se questa famiglia del Luganese troverà o meno la sua Mary Poppins, ma ne saremmo anche felici considerata la busta-paga, si auspica ben pesante, che questa eccezionale signora, seppur con quotidiane super giornate, si troverà ogni fine mese. Scommettiamo? Anche no.


L’annuncio

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
annuncio baby sitter wonder woman
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved