fabri-fibra-a-lugano-mattea-david-non-e-arte
Sul palco fra le polemiche
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
38 min

Serata osservativa alla Capanna Gorda

Sabato 2 luglio si potranno osservare nebulose, ammassi e altri oggetti celesti. Con Francesco Fumagalli dell’Associazione astronomica astrocalina
Grigioni
1 ora

25 first responder plus operativi in Mesolcina e Calanca

Soccorritori con una formazione aggiuntiva, entreranno in servizio a partire dal 1° luglio
Luganese
2 ore

Sul lago di Lugano sarà un’estate green

Dal 1° luglio al 28 agosto, dal venerdì alla domenica, ci sarà un E-Vedetta Tour a bordo dell’imbarcazione divenuta 100% elettrica nel 2016
Ticino
2 ore

Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni

Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
3 ore

‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina

Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Locarnese
3 ore

Losone, canto in cerchio Open Circlesongs

Spettacolo domani sera alla fabbrica. Anche il pubblico potrà unirsi a questa improvvisazione canora collettiva
Locarnese
3 ore

Le Fart inaugurano il nuovo ufficio accoglienza e biglietteria

Situato a Sant’Antonio, al pian terreno della sede principale, aprirà al pubblico mercoledì prossimo
Luganese
3 ore

Patriziato di Torricella-Taverne in festa

L’evento è in programma domenica 3 luglio alla Cappella delle Torrette. La barriera della strada dei monti rimarrà aperta.
Locarnese
3 ore

Bosco Bolla Grande, interventi forestali urgenti

Scattano lunedì i lavori selvicolturali necessari per garantire la sicurezza dell’area cittadina duramente toccata dal nubifragio del 5 giugno
Ticino
3 ore

Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio

Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
Ticino
3 ore

Da Auto Tognetti ‘scuse senza se e senza ma’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco per il cartello sulla vendita di vetture, il garage di Gordola scrive ai suoi clienti
23.06.2022 - 16:04
Aggiornamento: 17:14

Fabri Fibra a Lugano? Mattea David: ‘Non è arte’

Interpellanza interpartitica che chiede al Municipio di considerare l’annullamento del concerto del controverso rapper italiano

"Non è certamente arte banalizzare e legittimare la concezione delle donne come oggetto sessuale, così come non è arte incitare all’odio, alla violenza e ai femminicidi". Questa l’opinione di un’interpellanza interpartitica – prima firmataria: Mattea David (Ps) –, depositata al Municipio. Oggetto dell’atto parlamentare, il concerto in programma a inizio luglio in piazza Luini del controverso rapper italiano Fabri Fibra. "È con questo tipo di offerte ricreative che il Municipio previene la violenza domestica, la misoginia e l’omofobia a Lugano?", chiedono i consiglieri comunali all’esecutivo, in quanto l’evento è organizzato dalla Città nell’ambito del LongLake Festival.

‘Incita all’odio, alla misoginia e all’omofobia’

L’annuncio del concerto ha suscitato aspre critiche da parte di alcuni gruppi politici e non. Per quest’interpellanza, si tratta di "uno dei rapper italiani che più incitano all’odio, che più promuove la misoginia e l’omofobia, che più banalizza e ironizza la gravità della violenza di genere, dei femminicidi e delle violenze sessuali e sessiste, che più attacca la comunità Lgbtiq+". E questo, si evidenzia, in un contesto nel quale "la violenza di genere ha raggiunto livelli gravissimi": in Ticino ci sono circa 3 interventi al giorno della polizia per violenza domestica; sono 1’477 le denunce in Svizzera (dato 2021) per violenza carnale e coazione sessuale; il 22% delle donne sopra i 16 anni, in Svizzera, ha subito atti sessuali e il 12% ha subito rapporti sessuali imposti e non consensuali. A Lugano, i casi di violenza domestica nel 2020 invece sono stati 128.

Fabri Fibra condannato a Milano nel 2013

A livello politico, invece si ricorda che "il Municipio è consapevole dell’importanza sociale e individuale della violenza domestica e di quanto le restrizioni sanitarie imposte dalla pandemia abbiano potuto esacerbare situazioni originariamente conflittuali o disfunzionali all’interno delle famiglie. La Città si impegna dunque a mantenere il monitoraggio del fenomeno attraverso i servizi comunali e della socialità". "A fronte di questo impegno politico ora il Municipio vuol dare il palco in Piazza Luini a un rapper italiano che nega questi problemi?", si chiede all’esecutivo. Per sottolineare le proprie tesi, David e cofirmatari citano diverse canzoni di Fibra, come anche alcuni precedenti. Tra questi, una condanna con sentenza definitiva del 2013 per diffamazione omofoba nei confronti di Valerio Scanu. "La sentenza del Tribunale di Milano in particolare ha dimostrato come lo squallido insulto volto a discriminare, l’incitamento all’odio e la promozione dell’omofobia (come della misoginia) non siano né arte, né musica".

‘La Città sostiene la Casa per le donne?’

L’interpellanza, infine, richiama: la Convenzione sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione della donna delle Nazioni Unite; l’adesione della Città all’Agenda 2030 dell’Onu che si prefigge di raggiungere l’uguaglianza di genere e l’autodeterminazione delle donne; la Convenzione di Istanbul e il fatto che il popolo svizzero il 9 febbraio 2020 abbia accolto l’estensione della norma penale antirazzista emanata per proteggere persone o gruppi di persone appartenenti a una determinata etnia o religione da atti di discriminazione razziale, di calunnia, di discredito o di istigazione all’odio nei loro confronti. Una mezza dozzina le domande rivolte dunque al Municipio. Dal finanziamento dell’evento alla conformità dello stesso con gli impegni istituzionali presi dalla Città firmando le varie convenzioni; dall’opportunità di tenere il concerto poco dopo la conferenza per la ricostruzione dell’Ucraina alla possibilità di annullarlo; per arrivare infine a chiedere lumi sul sostegno economico della Città alle Case per le donne in Ticino.

Leggi anche:

‘Sessista, misogino, omofobo: no al concerto di Fabri Fibra’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fabri fibra longlake lugano mattea david misoginia omofobia sessismo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved