volevano-rapinare-la-raiffeisen-di-monteggio-svelato-il-piano
Ti-Press
Erano armati e determinati
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
16 min

Resega e dintorni, un ‘regalo’ all’Hcl?

Fa discutere la concessione di un diritto di superficie per una palazzina attigua alla pista
Luganese
16 min

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
Ticino
8 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
8 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
9 ore

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
9 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
10 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
11 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
12 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
12 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
23.06.2022 - 11:43
Aggiornamento: 15:57

Volevano rapinare la Raiffeisen di Monteggio, svelato il piano

Pensarono di sequestrare il cassiere il 9 dicembre 2021. Condannati ed espulsi, il quarto uomo presto alle Criminali. Ordine d’arresto per l’ideatore

Talmente incalliti e noti alle autorità giudiziarie che, a loro insaputa, erano sorvegliati dagli inquirenti. Così il colpo è stato "soltanto" tentato e sventato prima che fosse troppo tardi. Ma i presupposti per una rapina armata, con tanto di sequestro del cassiere della banca Raiffeisen di Molinazzo di Monteggio, c’erano tutti. Sono le 6.54 del mattino del 9 dicembre 2021, quando un quartetto di cittadini italiani plurirecidivi a bordo di un’auto rubata in Italia a Seveso entra dal valico di Ponte Cremenaga. Il piano criminale è noto a tutti i componenti, chi armato, chi con il passamontagna e i guanti a portata di mano, chi persino con un taser e i patti prevedevano la spartizione del bottino in parti uguali. Il quartetto aveva pure un’artigianale paletta con la scritta "Ministro della difesa Carabinieri" e un faro blu della polizia che sarebbe servito per inscenare una pattuglia in servizio e garantirsi la fuga. Ma il piano è fallito: gli agenti della polizia cantonale (quelli veri) sono riusciti a scongiurare l’entrata in azione dei pericolosi componenti del quartetto e così ai loro polsi sono scattate le manette.

‘Mi sono fatto 30 anni di galera. Ci sono rimasto dentro’

Oggi, in successione, tre dei quattro rapinatori sono stati processati davanti alla Assise correzionali di Lugano con rito abbreviato dopo la loro confessione avvenuta dopo qualche mese di carcere. Il quarto della banda, il più giovane, 54enne italiano, sarà invece deferito alle Criminali di Lugano prossimamente. Dovrà rispondere non solo della tentata rapina alla Raiffeisen, ma soprattutto del sequestro del portavalori, il 5 luglio 2019, sempre a Molinazzo di Monteggio che avrebbe dovuto fruttare un bottino a sei zeri. E c’è un quinto uomo, l’ideatore e mandante della tentata rapina alla Raiffeisen di Monteggio, nei confronti del quale è stato spiccato un ordine di cattura internazionale.

«Conferma le imputazioni?», ha chiesto il giudice Amos Pagnamenta al primo degli imputati. «Assolutamente sì. Perché? Mi sono fatto 30 anni di galera, sono uscito e mi sono messo a lavorare, poi c’è stato il Covid e ci sono rimasto dentro... Spero di trovare un lavoro, una volta uscito di prigione» - ha dichiarato il 59enne italiano di Cinisello Balsamo. Il giudice ha confermato l’atto d’accusa e la pena proposta dalla procuratrice pubblica, Anna Fumagalli: 21 mesi di carcere e 10 anni di espulsione dalla Svizzera.

Anche il correo, 68enne italiano, si è mostrato ravveduto per quanto compiuto: «Ho sbagliato, mi sono trovato in un momento di fragilità, mi pento di quanto ho fatto. Non ne commetto più di rapine». Per lui la pena è stata di 22 mesi di carcere, di cui 11 mesi posti al beneficio della sospensione condizionale e di 10 anni di espulsione dalla Svizzera.

Infine il 60enne italiano del Varesotto, che quella mattina del 9 dicembre 2021 aveva con sé una delle armi in dote alla banda criminale, è stato condannato alla pena di 22 mesi da espiare e all’espulsione dalla Svizzera per 10 anni. «Se so perché sono qui? Certo che lo so. Tentata rapina aggravata» - ha detto l’imputato con spavalderia. «Ho agito per motivi economici. Una volta fuori dal carcere vorrei aprire una pizzeria al trancio».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
monteggio piano processi raiffeisen rapina tentata
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved