il-maestro-di-montagnola-ancora-in-attesa-del-suo-giudizio
Ti-Press
Fra Municipio e scuole comunali
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
2 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
2 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
3 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
3 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
4 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
4 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
4 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
4 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
4 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
5 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
5 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
laR
 
21.06.2022 - 05:30
Aggiornamento: 07:23

Il maestro di Montagnola ancora in attesa del suo... giudizio

I genitori scrivono alla Corte di appello e di revisione penale chiedendo l’aggiornamento del processo a otto anni dai fatti

Fra un paio di mesi saranno ben otto anni dai fatti. Un tempo ‘troppo lungo’ per le famiglie coinvolte e per le statistiche della giustizia ticinese, applaudita peraltro recentemente da un servizio della trasmissione italiana ‘Report’ per i suoi ‘soli’ 377 giorni in media di approdo in aula. Un dato è però destinato a scombussolarne l’ottima pagella. È, infatti, l’autunno 2014 quando il maestro delle scuole elementari di Montagnola, e già sindaco di Gentilino, Mauro Brocchi, oggi 66enne, viene denunciato da alcuni genitori che lo accusano di maltrattamenti, fisici e morali, nei confronti dei loro figli: linguaggio frequentemente scurrile, abuso del proprio ruolo, atti violenti quali ripetuti lanci di oggetti e fischi nelle orecchie dei bambini. Fino ad arrivare, mentre gli alunni sono seduti ai propri banchi, a legare tre bambine e a far cadere con un calcio un compagno procurandogli la frattura di alcune vertebre.

La notizia dell’apertura dell’inchiesta giunse in Collina d’Oro alla vigilia delle vacanze di Ognissanti. La reazione non fu certo quella che si suol dire un fulmine a ciel sereno, anche perché, come è poi affiorato nel corso dei mesi, tutti sapevano (nell’arco di decenni) dei modi quantomeno poco ortodossi dell’insegnante, protagonista di un’inchiesta amministrativa per gli stessi reati nel 2010 e multato tre anni dopo.

Dal 24 ottobre 2014, il giorno dell’esposto al Ministero pubblico, ci sono voluti, infatti, quasi due anni per l’interrogatorio del maestro e cinque per il processo, avvenuto nel gennaio 2019 in Pretura penale a Bellinzona, sfociato in una condanna da parte del giudice Siro Quadri. Cinque lustri contraddistinti peraltro da decreti di accusa e ricorsi, e posizioni tiepide e profilate da parte dell’Amministrazione comunale seppur, come aveva riportato il ‘Blick’, quella frase pronunciata dal docente in uno dei tanti benvenuti d’inizio anno scolastico, ovvero "credo nella teoria del terrore. Preparerò bene i vostri figli per la scuola media, se non mi arresteranno prima". Ebbene da allora tutto tace. Il dossier, approdato alla Corte di appello e di revisione penale di Locarno giace silente. Eppure, dalla condanna in primo grado, sono ormai passati oltre tre anni e mezzo.

«Siamo in ansia perpetua – ci dice una delle famiglie coinvolte –, è come continuare a rivivere un incubo. Il tempo passa e a breve saranno dieci anni da quando decidemmo di aprire quel vaso di Pandora chiuso incomprensibilmente per anni. Non è stato facile uscire alla scoperto in una comunità piccola come quella dove viviamo, qui tutti si conoscono, si formano fazioni, c’è anche chi ci ha messi all’indice dopo la nostra testimonianza. Noi continuiamo a pensare però che sia stato giusto così... Certo che avremmo preferito chiudere tutto il capitolo ben prima... ogni giorno che passa, ogni mese e anno per noi significa non veder, seppur sempre dolorosa, quantomeno rimarginata quella ferita».

Un’attesa che si è fatta via via più pesante e che ha portato i genitori coinvolti a scrivere alla presidente del secondo grado, la giudice Giovanna Roggero-Will, chiedendo lumi su quello che è percepito come un ‘nuovo’ ingiustificato ritardo nell’aggiornamento del processo. E pensare che era già successo agli albori dell’inchiesta quando più volte i genitori hanno dovuto scrivere, interrogare, sollecitare la campanella d’inizio dibattimento.

Dal loro scritto, di qualche settimana fa, era inizio maggio, un piccolo passo avanti ha portato all’affidamento dell’incarto al giudice Angelo Olgiati. Poi ancora silenzio: «Ci spiace dirlo ma ci pare, ogni volta, che vi sia l’intenzione di allungare i tempi, dilatare le attese, come quando si è reso necessario decidere sul suo futuro professionale. Una nuova posizione, quella del maestro, rimasta nell’ambito comunale, e proprio nelle strette vicinanze della scuola, un affronto che non abbiamo digerito, avendo lui, nella funzione di archivista, la possibilità ancora d’interagire con allievi e famiglie».

Non sono state del resto solo fisiche le mortificazioni inferte. Molto è avvenuto sul piano psicologico come confermato da una perizia: "Il maestro ha avuto attitudini pedagogicamente non idonee". È tempo perciò, anche per lui, del giudizio finale.

Leggi anche:

Caso Brocchi: ‘Quegli alunni in pericolo’

Caso Brocchi: entra in scena un nuovo perito

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
maestro maltrattamenti mauro brocchi montagnola
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved