ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
6 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
7 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
7 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
8 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
8 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
8 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
8 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
9 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
9 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
9 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
10 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
10 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
17.06.2022 - 18:43
Aggiornamento: 21.06.2022 - 15:10

Lugano, riforniva il postribolo di cocaina: 29enne espulso

L’uomo ha trafficato oltre 600 grammi nell’arco di tre anni, coinvolgendo la compagna prostituta nello spaccio e nel consumo di droga

lugano-riforniva-il-postribolo-di-cocaina-29enne-espulso
Ti-Press/Archivio
L’uomo condannato alimentava il consumo di cocaina in un noto postribolo luganese

Uno spacciatore "cauto" – come lo ha definito la procuratrice pubblica Pamela Pedretti – che ha spacciato oltre 600 grammi di cocaina nel giro di tre anni, dal dicembre 2019 fino al mese di febbraio 2022. L’imputato, cittadino italiano di 29 anni, è stato considerato dalla pubblica accusa come avveduto e prudente, perché mandava in ‘missione spaccio’ la propria fidanzata, una prostituta di un noto locale a luci rosse del Luganese, che a sua volta rivendeva la droga ad alcune sue colleghe. Oggi, la Corte delle Assise criminali di Lugano, presiedute dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti, lo ha condannato a due anni e dieci mesi di carcere. Di questi, 19 mesi sono stati sospesi condizionalmente per un periodo di prova di quattro anni. Ma non solo. Non avendo legami con la Svizzera la Corte ha inflitto all’uomo l’espulsione dal territorio elvetico per nove anni.

Colpevole di più reati

La Corte ha riconosciuto il 29enne colpevole di infrazione aggravata e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti, per aver «detenuto e alienato a terzi almeno 695 grammi di cocaina, agendo in parte in correità con la fidanzata» e per aver consumato almeno 220 grammi della suddetta droga, importando e detenendo in Svizzera altri 7,50 grammi. L’uomo è accusato inoltre di tentata estorsione per aver minacciato una ex consumatrice e sua cliente di provocare un grave danno a lei e al figlio, se non avesse saldato il debito che in realtà non gli doveva. La donna, che verrà giudicata separatamente in aula penale, era pure sua amica, ma di fronte alle minacce subite, ha preferito denunciare il 29enne al Ministero pubblico. L’uomo è stato riconosciuto colpevole anche di guida senza autorizzazione, dopo il ritiro della licenza di condurre, e di infrazione aggravata alla Legge federale sulle armi e sulle munizioni, per aver portato con sé, senza diritto, un coltello a scatto, arma vietata.

Amanti e complici di spaccio

Niente ha trattenuto l’imputato dal continuare il suo mercato illegale. Neanche le condizioni aggravatesi della fidanzata lo hanno fatto rinsavire. La donna a causa del consumo smisurato di cocaina ha presentato lesioni piuttosto rilevanti in tutta la faccia, in particolar modo al naso. Il 29enne ha sfruttato senza indugi la debolezza della sua ragazza nei confronti della droga e l’ha indotta a distribuirla – nelle dosi da lui già confezionate da 0.55/0.6 grammi – alle sue colleghe del postribolo luganese. Ma il circo(lo) continua... Le prostitute, a loro volta, ne consumavano una parte e il resto lo rivendevano ai loro rispettivi clienti. I proventi venivano poi consegnati alla fidanzata complice, che poi li faceva pervenire nelle tasche dell’imputato. «Egli, poche volte si è esposto direttamente nello spaccio – ha attestato la pp –, mandava la sua ragazza che ha reso tossicodipendente. Lui non si sporcava le mani e l’ambiente in cui spacciava cocaina gli dava sicurezza». «Una situazione grave di spaccio che si è protratto su lungo lasso di tempo, in cui lo spacciatore non ha esitato neanche un momento a sfruttare la fragilità di gente che lavora in simili contesti, dimostrando spregio per la legge», ha poi sottolineato la presidente della corte Francesca Verda Chiocchetti (giudici a latere Monica Sartori-Lombardi e Giovanna Canepa Meuli) durante la lettura delle motivazioni della sentenza.

L’imputato sogna una nuova vita

«In realtà non vi è stato un gran guadagno per i due, perché molti dei proventi andavano a finire nel consumo. È indubbio che l’imputato e la sua compagna siano grossi consumatori. Lo spaccio di cocaina, in realtà, serviva a finanziare i loro consumi, che sono aumentati in maniera esponenziale. Hanno consumato di più rispetto a quanto hanno venduto» ha evidenziato invece l’avvocato della difesa Sabrina Aldi che, al termine della sua arringa, ha chiesto una pena non superiore ai 24 mesi di reclusione, tutti sospesi con la condizionale, e la revoca dei due decreti accusa già pendenti sul conto dell’imputato. Dal canto suo, il 29enne, ha riconosciuto di aver spacciato, detenuto e consumato cocaina, contestando tuttavia alcuni dettagli contenuti nell’atto d’accusa. L’uomo ha invece accettato l’espulsione, che ha ritenuto giusta, e ha detto di sognare un impiego in Romania, luogo d’origine della fidanzata. Vorrebbe sposarla e vivere insieme a lei una vita normale senza avere a che fare con la cocaina.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved