ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
14 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
15 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
15 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
15 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
10.06.2022 - 19:11

Letteratura e territorio: il binomio si fa... Giallo

Il concorso letterario internazionale di cui protagonista è il Ceresio sbarca a Lugano: anche la Città diventa partner della manifestazione

letteratura-e-territorio-il-binomio-si-fa-giallo
La presentazione si è tenuta al Lac. Nel riquadro il vincitore dell’edizione precedente

Dopo il successo della prima edizione, torna il concorso letterario all’insegna del territorio lacustre ticinese e italiano. E si espande: da quest’anno alla manifestazione partecipa anche la Città di Lugano. E non è l’unica novità. Ci saranno anche un concorso pensato per i più piccoli e un premio dedicato alla carriera. Il programma 2022-23 di Ceresio in Giallo è stato presentato oggi al Lac.

«La Città di Lugano – ha commentato il sindaco Michele Foletti in occasione della conferenza stampa – ha da subito accolto la proposta di patrocinare il concorso. L’idea di valorizzare e mettere in risalto i nostri paesaggi lacustri attraverso delle opere letterarie in lingua italiana è un modo originale per dare rilievo alla Regione insubrica e favorire gli scambi transfrontalieri anche sul piano culturale». Anche il vicesindaco e capodicastero Cultura, sport ed eventi Roberto Badaracco si è detto entusiasta di questa nuova collaborazione: «Ci è sembrato importante dare il nostro patrocinio a un concorso letterario di prestigio internazionale che coinvolge ogni anno un grande numero di scrittori. Ci piacerebbe avere una maggiore adesione da parte degli autori della Svizzera italiana e soprattutto con romanzi che toccano anche la nostra zona. Questo gemellaggio ci è parso un’ottima occasione per far conoscere in maniera più sistematica le opportunità di questa iniziativa che riguarda anche il nostro territorio, a favore di chi opera in campo letterario».

Valorizzare letteratura e territorio

Il concorso, la cui partecipazione è gratuita, vuole sostenere la letteratura in lingua italiana, e, al contempo, promuovere i territori dei laghi, le loro tradizioni e il loro patrimonio ambientale e culturale. «L’ambito internazionale di Ceresio in Giallo e la presenza di una giuria italo-svizzera sono tra le peculiarità del concorso. C’è la volontà comune – ha spiegato Jenny Santi del comitato organizzativo –, di preservare e diffondere la lingua italiana e, attraverso testi di genere giallo, promuovere anche i bellissimi luoghi che si affacciano sui laghi in entrambe le nazioni».

Novità per i giovani

Il concorso è composto da quattro sezioni: romanzi editi gialli, noir, thriller e polizieschi; racconti inediti ambientati sui laghi; gialli nel cassetto e la nuova sezione ‘Giallo Junior’ dedicata a romanzi di genere mistery, giallo e noir per ragazzi dai 9 anni in su. «L’idea di questa sezione – ha indicato Carla De Albertis del comitato organizzativo – nasce dalla constatazione della situazione di difficoltà che stanno vivendo i nostri giovani. Inserendo nella giuria gruppetti di ragazzi coordinati da giurati qualificati, abbiamo voluto valorizzarli e coinvolgerli permettendo loro di applicare la propria passione per la lettura sviluppando nel contempo senso critico». La giuria apposita sarà costituita da psicologi, psicoterapeuti e insegnanti con la supervisione di Francesca Maisano, psicologa e psicoterapeuta dell’Età evolutiva del Fatebenefratelli di Milano e Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio dei Diritti dei Minori. Un’altra novità di quest’anno è il premio alla carriera a uno scrittore distintosi nella scrittura gialla, noir, thriller o poliziesca.

Un concorso, più categorie

La sezione ‘Romanzi editi’ riguarda le opere di narrativa gialla, noir, thriller o poliziesca in lingua italiana di autori viventi, pubblicate tra il 1° gennaio 2020 e il 5 ottobre prossimo. Sono ammessi invece per la sezione ‘Racconti inediti’ racconti in lingua italiana, e inediti anche sul web. Questi testi devono essere ambientati in località di lago realmente esistenti e contenere elementi descrittivi degli stessi, e saranno pubblicati. I diritti d’autore saranno devoluti all’Associazione Arcobaleno di Nichi che aiuta le famiglie con bambini malati oncologici. La categoria ‘Gialli nel cassetto’ offre invece la possibilità di pubblicare quel manoscritto che giace polveroso nei cassetti o custodito segretamente per paura.

La giuria è composta da rappresentanti dell’Accademia della Crusca, dall’Associazione Dante Alighieri di Lucerna, da direttori di quotidiani, giornalisti, editor, scrittori, docenti, rappresentanti di sistemi bibliotecari italiani e svizzeri, gruppi di lettori e librai indipendenti. A presiedere la giuria della sezione ‘Editi’ dell’edizione 2022-2023 sarà l’ambasciatore italiano in Svizzera Silvio Mignano. Il regolamento e le modalità di partecipazione sono disponibili sulle pagine Facebook e Instagram di Ceresio in Giallo. Il termine di consegna delle opere è il 14 ottobre, mentre la premiazione avverrà il 14 maggio 2023. Alla precedente edizione, ricordiamo, hanno partecipato 421 opere e ha vinto il giallista Piergiorgio Pulixi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved