ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
21 min

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo
Locarnese
22 min

Pedemonte, in due frazioni si abbassa il limite di velocità

Negli abitati di Cavigliano e Verscio presto si circolerà a 30km/h. La misura consentirà di ridurre i rischi d’incidente e meglio tutelare i pedoni
Bellinzonese
37 min

Incidente prima dell’alba, effetto domino sul traffico ticinese

Solo danni materiali per un’auto finita contro il guardrail, ma la rimozione dei detriti sta ancora causando notevoli disagi in direzione nord
Ticino
1 ora

Orari, si va verso negozi più aperti

Chiusura posticipata e deroga per i commerci nelle località turistiche: la maggioranza commissionale con la proposta del Plr. Ma c’è aria di referendum
Luganese
3 ore

Direttore arrestato, le famiglie: ‘Non siamo stati capiti’

Faccia a faccia molto animato, martedì sera, alla scuola media del Luganese fra genitori e autorità scolastiche e Decs. Critiche a Bertoli
Ticino
3 ore

‘Aumento allucinante, diverse famiglie si indebiteranno’

Durisch (Ps): cassa malati unica pubblica da riproporre. Il Plr: livelli insopportabili, ecco dove agire. La Lega: sconcerto e rabbia. I Verdi: più aiuti
Ticino
9 ore

‘Anche l’Ipct è sottoposto alla Legge sulla trasparenza’

Accesso negato alla risoluzione che riduce il tasso di conversione, Pronzini (Mps) interpella il Consiglio di Stato
01.06.2022 - 12:33
Aggiornamento: 17:58

Lugano, la mobilità pedonale può essere migliorata

Dopo l’approvazione della Mappa della mobilità lenta, I Verdi interrogano il Municipio presentando anche esempi puntuali

lugano-la-mobilita-pedonale-puo-essere-migliorata
archivio Ti-Press
Domande per il Municipio

Lugano ha approvato di recente la creazione di una ‘Mappa della mobilità lenta’. Con un’interrogazione al Municipio, i Verdi di Lugano (primo firmatario Niccolò Castelli) tornano sul tema, sottolineando vari aspetti. Tra questi l’importanza di una dinamica partecipativa (a cui non accenna minimamente una recente comunicazione del Municipio) e la possibilità di realizzare in tempi brevi alcuni piccoli interventi che permetterebbero di migliorare sensibilmente la mobilità pedonale in città. "Ci chiediamo quali siano i passi che l’esecutivo sta compiendo oggi per lo sviluppo della mobilità lenta – si legge nell’interrogazione –. Da anni si attende una visione chiara dei tragitti pensati per la vita quotidiana dei cittadini, concepiti per connettere punti nevralgici della città, hub della mobilità (stazione, centri scolastici, fermate di bus, eccetera) e per dotare Lugano di una rete reale di possibilità per chi si sposta quotidianamente in modalità lenta".

A mente dei firmatari, "quanto proposto oggi dalla Città non risponde in maniera sufficiente a questi criteri: sono troppe le linee ciclabili discontinue e non si rifanno a un chiaro disegno fra quartieri e zone di grandi affluenze; sono molti gli ostacoli architettonici che interrompono semplici vie di passaggio lontane dal traffico per pedoni, biciclette o carrozzine. La segnaletica è prettamente di carattere turistico, non vi è un concetto per l’utilizzo fuori dagli orari dello svago (come invece è ad esempio il caso sulla ciclabile fra Canobbio e Tesserete, con un sistema sostenibile per l’illuminazione) e la segnalazione stradale per evitare possibili problematiche con autovetture, camion e altri veicoli è praticamente inesistente". Per i Verdi di Lugano "mancano però soprattutto i percorsi. E questo anche se da anni alcune problematiche o possibili soluzioni sono note. Il ‘Piano comunale dei percorsi ciclabili del 2016’ non ci pare sia mai stato messo in esecuzione, allorquando a ogni modifica di Piano regolatore per la costruzione di immobili sia stato dato un seguito esecutivo piuttosto celere".

Oltre a chiedere indicazioni su come si sta muovendo, al Municipio vengono chieste spiegazioni anche su esempi puntuali, come il collegamento ciclopedonale fra via Ronchetto e via dei Ronchi "oggi chiuso da rete metallica e sterpaglia", il sentiero tra Viganello e via Ruvigliana che "non esiste benché pare sia iscritto a Pr" e la rampa lungo via del Sole "che nessuno usa così come pensata".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved