ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
13 min

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
20 min

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
26 min

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
1 ora

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
3 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
3 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
3 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
3 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
3 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
4 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
4 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
Ticino
4 ore

Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale

La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13.30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
4 ore

Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%

Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
Mendrisiotto
10 ore

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il cantone a partire dalla primavera
Locarno
10 ore

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capodicastero Sviluppo economico e territoriale
Luganese
18 ore

A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale

Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
21 ore

Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi

Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
22 ore

Si torna a fare il pieno in Ticino

Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
01.06.2022 - 11:08
Aggiornamento: 20:37

Maxi processo crediti Covid, chieste pene superiori ai 4 anni

La pp Raffaella Rigamonti: ‘Hanno approfittato della pandemia, agendo in modo spregiudicato e senza scrupoli. Le difese chiedono massicce riduzioni

di Guido Grilli
maxi-processo-crediti-covid-chieste-pene-superiori-ai-4-anni
Ti-Press
La vicenda davanti alla Corte delle assise criminali

«Hanno agito senza scrupoli e in modo spregiudicato, approfittando della pandemia, richiedendo e ottenendo illecitamente crediti Covid alla Confederazione e indennità per lavoro ridotto». La procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti stamane, al termine della sua requisitoria iniziata ieri, ha formulato le richieste di pena nei confronti degli 8 imputati, in aula da lunedì, la metà dei quali si trova già in stato di detenzione preventiva per ripetute truffe, falsità in documenti e altri reati patrimoniali, ognuno dei quali commessi secondo le proprie responsabilità. Le richieste più alte: 4 anni e 4 mesi di carcere.

Furbizia, inganni, un intreccio di società che millantavano cifre d’affari elevatissime

Il magistrato ha illustrato come la ripetuta truffa, in parte tentata – per un ammontare complessivo superiore a 1 milione di franchi – sia stata orchestrata principalmente in correità tra i principali imputati, approfittando della possibilità offerta dall’Ordinanza federale concernente la concessione di crediti in pieno periodo Covid, tra il 2020 e il 2021. Furbizia, inganno, un intreccio di società cui a capo c’erano i principali imputati, che hanno dichiarato una cifra d’affari elevatissima per giustificare le laute quanto illecite richieste di credito e indennità di lavoro ridotto alla Confederazione. La pp Rigamonti ha sottolineato così le colpe degli imputati, passando in rassegna ogni singola responsabilità e incongruenza di ognuno degli 8 imputati. «Sapevano», ha sottolineato più volte il magistrato, non trovando per nessuno di loro attenuanti, ma anzi una mancata collaborazione o ammissioni solo quando ormai le prove nei loro confronti erano schiaccianti.

Quattro anni e 4 mesi di carcere è la proposta di pena avanzata dalla titolare dell’inchiesta penale nei confronti dei due principali imputati: dapprima il 50enne italiano che ha svolto attività abusiva di avvocato, il quale ha agito per mero scopo di lucro, a mente dell’accusa, per mettere su un postribolo. Nei suoi confronti è stata richiesta anche la revoca di una precedente condanna e l’espulsione dalla Svizzera per 8 anni. Stessa pena è stata formulata all’attenzione della Corte delle assise criminali di Lugano per il 49enne ticinese, anche lui colpevole di aver agito per mero egoismo, investendo il denaro truffato in un appartamento in Spagna.

Nell’investimento del postribolo ha partecipato anche l’altro avvocato in aula, un 46enne italiano, la cui colpa è stata giudicata grave dal magistrato per la truffa sui crediti Covid ma anche per la falsità in documenti: 2 anni e mezzo di detenzione, la richiesta di pena, lasciando tuttavia ai giudici decidere se concedere una parziale sospensione condizionale per un periodo di prova di due anni. Identica richiesta è stata formulata nei confronti del 66enne anche lui colpevole dei reati patrimoniali. Un anno di detenzione posto al beneficio della sospensione condizionale e 5 anni di espulsione dalla Svizzera per il 37enne italiano giudicato in contumacia, in quanto assente dall’aula per malattia. Stessa richiesta quella formulata nei confronti del 46enne italiano che ha agito per risanare le sue società in Italia. Scende a 8 mesi sospesi e all’espulsione dalla Svizzera lasciata alla valutazione della Corte la pena formulata per il 41enne italiano. Infine, una pena pecuniaria sospesa con la condizionale, sempre per titolo di truffa, è stata richiesta per il 40enne italiano. Oggi il processo proseguirà con le arringhe degli avvocati difensori.

Dopo le richieste di pena, le difese. Del collegio di difesa in aula ha esordito l’avvocatessa, Valentina Zeli, legale dell’avvocato italiano 50enne, per cui la pp Raffaella Rigamonti ha richiesto 4 anni e 4 mesi di carcere. «Ha collaborato, ammesso e non si è arricchito. È stato un pasticcione». La legale ha contestato la qualifica dei reati imputati dalla pubblica accusa al suo assistito, chiedendo diversi proscioglimenti da buona parte dei capi di imputazione, battendosi per una pena posta al beneficio della sospensione condizionale.

‘Non c’è stato inganno astuto, pertanto la truffa deve cadere’

Anche l’avvocato Yasar Ravi, in difesa del 49enne ticinese per cui la pubblica accusa ha pure formulato una pena di 4 anni e 4 mesi, ha incentrato il suo intervento sulla qualifica giuridica dei fatti, «che sono ammessi in gran parte», smussandone gli angoli. Contestato in particolare, l’indispensabile presupposto dell’inganno astuto che qualifica le truffe, una componente che a parere del legale vacilla. Anche chi ha liberato i crediti Covid avrebbero dovuto eseguire maggiori controlli e verifiche, ciò che a mente della difesa non ci sono stati. Il legale ha chiesto che, dopo otto mesi di carcere, il suo assistito, che ora vuole riparare il danno, sia scarcerato e che gli venga inflitta una pena massima di 3 anni posti a una parziale sospensione condizionale e che gli accusatori privati siano rinviati al foro civile.

L’avvocato Eero De Polo, parlando per il 46enne avvocato italiano (2 anni e mezzo la pena richiesta dalla pp, eventualmente anche con una parziale sospensione condizionale), ha esordito: «È un pasticcione, disordinato e un po’ leggero, incapace di dire dei no per cui ha pagato per questa indole», ma «la banca che ha concesso i crediti Covid non era esentata da certi controlli, come anche postulato dalla Confederazione che ha delegato agli istituti di credito il compito di decidere se e come concedere gli aiuti economici». Il legale ha sottolineato come da questa vicenda il 46enne non abbia guadagnato nulla e che l’unico credito Covid ottenuto lo ha rimborsato, azzerando il danno. L’avvocato De Polo ha chiesto una massiccia riduzione della pena e la sospensione condizionale, nonché la rinuncia a pronunciare l’espulsione dalla Svizzera.
Altre richieste di proscioglimento dalle principali imputazioni (indicate nelle 72 pagine dell’atto d’accusa), massicce riduzioni di pena e richieste di sospensioni condizionali sono venute anche dagli altri avvocati in difesa degli imputati "minori", adducendo in buona parte ad analoghe argomentazioni dei loro colleghi. Imputati, va evidenziato, per i quali la stessa pubblica accusa - che in serata ha duplicato - non ha richiesto condanne detentive. La sentenza - ha informato il giudice Siro Quadri, presidente della Corte - sarà pronunciata giovedì prossimo, 9 giugno alle 14.

Leggi anche:

Crediti Covid e lavoro ridotto illeciti, in nove alla sbarra

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved