ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
46 sec

Basso Mendrisiotto, ‘siano scelte consapevoli e responsabili’

Alla vigilia dell’incontro che riunirà i sindaci al tavolo, abbiamo parlato con il capo sezione Enti Locali Marzio Della Santa
Locarnese
28 min

La Divisione urbanistica e infrastrutture sale a Cardada

Una gita fuori ufficio per i dipendenti del settore della Città, un po’ per diletto un po’ per toccare con mano progetti e sfide del territorio
Mendrisiotto
5 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
5 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
11 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
11 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
13 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
13 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
14 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
14 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
14 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
15 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
15 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
16 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Lugano
laR
 
29.05.2022 - 20:43

‘Nel Luganese il turista non si annoierà’

Quattro pilastri per un’offerta diversificata: parla Massimo Boni direttore di LuganoRegion

nel-luganese-il-turista-non-si-annoiera
Ti-Press

«In carica dal primo di aprile Massimo Boni nei suoi "primi 50 giorni" da direttore di Lugano Region, ha messo a fuoco una strategia che dovrebbe indirizzare il contesto turistico del Luganese nei prossimi anni. Un’offerta diversificata, che va comunicata in quanto tale senza inseguire certe "tendenze" di località più grandi e conosciute.

Ma per cominciare, da dove arriva Massimo Boni?

«Ho 45 anni, mi sono laureato in Scienze della comunicazione, poi ho fatto il master e un anno negli Stati Uniti nel 99, proprio quando nasceva il ‘www’, e le aziende della comunicazione andavano in massa nel web. Un mio compito di esame fu proprio portare un sito internet, ne realizzai uno sul pittore Kandinskij. Dopo la pratica alla Interactive agency di Los Angeles, ho fatto quasi cinque anni a Milano, la gavetta, in un’agenzia di pubbliche relazioni che si chiama Aigo, leader nelle Pr e nel turismo. Devo dire che ancora oggi mi avvalgo delle conoscenze e dei contatti che ho accumulato in quei cinque anni lavorando per diversi enti: da quello della Repubblica Ceca a quello di Rhone-Alpes, alle Mauritius, alla catena alberghiera Starwood per Italia e Malta. È un’esperienza che consiglio a tutti quelli che intendono lavorare nel turismo. Dopo questa esperienza sono andato a lavorare per la Darwin airline, poi diventata Etihad regional, col relativo cambiamento societario da gestire che mi ha fatto crescere professionalmente. Quella esperienza mi ha premesso poi di candidarmi per una posizione che era aperta all’ente del turismo Engadin St. Moritz. Poi è arrivata questa possibilità, a Lugano, e l’ho sentita come una cosa mia, in primis perché ho 20 anni di esperienza nel ramo, poi sono nato e cresciuto qui, quindi ho una certa facilità a relazionarmi con persone che spesso conosco fin dai tempi della scuola».

Ecco, durante l’esperienza engadinese lei sosteneva, per quella regione, i valori relati al ‘lusso della lentezza’, diciamo così; per Lugano quali opportunità vede? Quali sono i valori vincenti?

«Certo, il lusso non è solo tangibile, ma è anche il tempo a disposizione, l’arte e la cultura, l’outdooor e lo sport, e la regione di Lugano è piena di questo lusso, se noi pensiamo ai quattro segmenti che intendo io voglio portare avanti: sport e l’outdoor, l’arte e la cultura, i meeting e i congressi – che non devono per forza essere grandi – e l’enogastronomia».

Però resta un pregiudizio attorno alle zone dei laghi, è che siano un po’ ‘boring’, noiose. Condivide?

«Quello è un parere che ci può essere quando si parla di lifestyle, quello per cui la sera hai tutto aperto, le discoteche, i locali, le rive... Anche se pensiamo ai nostri hotel, quanti sono bagnati dall’acqua? Solo il Seegarten e il Villa Castagnola, in tutti gli altri bisogna attraversare la strada. Invece quello su cui puntiamo noi, come Lugano Region, è avere quattro varietà di cose che si coniugano bene. Abbiamo quasi 500 chilometri di percorsi mountain bike, quasi 900 di camminamenti, una concentrazione di ristoranti e di cantine vitivinicole e un’offerta artistica e culturale tutto in un’unica regione. Per cui se i turisti tedeschi e svizzero-tedeschi, negli anni Ottanta e Novanta si "sparavano" una settimana in Vallemaggia per avere natura e passeggiate, adesso magari le nuove generazioni vogliono sì stancarsi di giorno, ma la sera vogliono un teatro, dei concerti... Chiaro, non è una città come Zurigo con il suo lifestyle, il suo postmoderno, e non lo dobbiamo pappagallare. Non abbiamo nemmeno la massa critica di abitanti, noi siamo "spread out" da Melide a Rivera, è un mondo di tante piccole realtà: noi abbiamo un trinomio buon cibo, arte e cultura, e natura, questo non in una città ma in una regione intera. E nessuno può venirmi a dire che la nostra regione sia noiosa, quando si può passare dal monte Bar a una cantina di vini a Morcote, e la sera in un ristorante stellato, per finire col concerto al Lac tutto in un giorno. È chiaro che non vado a competere col Kunsthaus di Zurigo. Noi abbiamo tanti giorni di sole, degli autunni sempre più belli, fino a metà ottobre si può fare il bagno nel lago».

Turisticamente, quali sono le urgenze?

«Noi abbiamo fatto molti passi avanti nella cura e nella costruzione del territorio, sia per quanto riguarda i sentieri di mountain bike che quelli di trekking, con la segnaletica, le colonnine per ricaricare le bici elettriche, Lugano ha pure investito per lo sviluppo dell’arte e della cultura, fruibile pure da chi arriva dalla regione germanofona, come ad esempio il balletto. Si creerà un Ticino convention bureau per essere più efficienti nel rispondere alle richieste di meeting, congressi ed eventi nella regione. Lavorare nell’arte e la cultura promuovendoci nella Svizzera interna, unire le ricorse, le idee, i budget, ad esempio per le campagne pubblicitarie, unendo i cluster di cui parlavo prima».

Insomma i primi 50 giorni le lasciano sensazioni positive?

«Mi sento a casa, sono effettivamente a casa, a Gandria, e faccio il direttore in un campo che ho esplorato per 20 anni, quindi penso d’implementare cose che ho visto altrove, come portare i "social influencer": in Engadina ho portato per esempio Chiara Ferragni e altri personaggi dal Brasile e dall’India».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved