ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Alvad, ‘malumore generalizzato ma soffocato dalla Direzione’

Partendo da una durissima lettera di un “gruppo molto folto di collaboratori” al Dss, il deputato Mps Matteo Pronzini chiede lumi al governo
Bellinzonese
5 ore

Un successo a Lumino la prima serata del progetto Mèzanecc

Una trentina di giovani ha sfruttato la possibilità proposta dal Municipio di incontrarsi e praticare sport in palestra
Bellinzonese
6 ore

Un aiuto concreto grazie alla Fondazione Fondo Loris

Devoluti 15mila franchi per aiutare il giovane Luum Abraham ad acquistare un veicolo adeguatamente predisposto per facilitare i suoi spostamenti
Bellinzonese
6 ore

Cinquant’anni di cure domiciliari e Abad vuole ancora crescere

Roberto Mora, direttore dell’associazione bellinzonese, auspica che il servizio, che aiuta bisognosi e sgrava le famiglie, diventi ancora più capillare
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona, ‘Natale in città e Mondiali in Qatar più ecologici’

Nella sua interrogazione a nome del gruppo Unità di Sinistra, Lisa Boscolo invita il Municipio a una riflessione più approfondita
Ticino
6 ore

Ottobre, cadono le foglie... ma non i radar

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati i controlli della velocità
Ticino
7 ore

Piricone nominata Sostituta magistrato dei minorenni supplente

Designata mercoledì dal Consiglio di Stato, permetterà di garantire l’operatività della Magistratura dei minorenni fino all’elezione del nuovo Sostituto
Mendrisiotto
7 ore

Scuole al voto a Breggia, nasce un Gruppo di sostegno

In vista del 30 ottobre sull’ampliamento del comparto scolastico di Lattecaldo si confronteranno referendisti (contrari) e favorevoli
09.05.2022 - 17:08
Aggiornamento: 17:32

Manno, proteste davanti all’azienda dell’oligarca russo

Il Comitato contro la guerra in Ucraina ha organizzato un picchetto davanti alla Severstal. Chiesta più fermezza nell’applicazione delle sanzioni

manno-proteste-davanti-all-azienda-dell-oligarca-russo
Ti-Press/M. Piccoli
Un momento del picchetto di protesta
+2

Il Comitato contro la guerra in Ucraina ha effettuato oggi, 9 maggio, un picchetto di protesta davanti alla Severstal di Manno. A capo del colosso dell’acciaio c’è l’oligarca Alexey Mordashov, uno degli uomini più ricchi della Russia. Parte del suo patrimonio (valutato in 25-30 miliardi) sarebbe stata trasferita alle Isole Vergini attraverso azioni intestate alla madre dei suoi figli. "La nostra presenza qui oggi, in questa data simbolica del 9 maggio, vuole ribadire con forza l’importanza che a qualsiasi livello istituzionale si faccia di più, molto di più, per garantire il pieno rispetto delle sanzioni adottate – ha spiegato Luca Torti, responsabile del Comitato –. È un dovere istituzionale, un dovere rispetto alla popolazione ucraina che vive in guerra da 75 lunghissimi giorni, è un dovere nei confronti degli oppositori di Putin in Russia che stanno pagando un prezzo altissimo per il loro coraggio nella denuncia della guerra scatenata contro l’Ucraina".

In solidarietà con la popolazione ucraina e con gli oppositori di Putin, il Comitato "esige con fermezza" – l’elenco è composto da cinque punti – "una politica del Cantone Ticino molto più energica e trasparente nel pieno rispetto delle sanzioni economiche decise dalla Confederazione contro persone legate al regime di Putin; il blocco totale, la confisca dei beni legati a queste persone, l’utilizzazione di questi fondi per i rifugiati". Il Comitato chiede inoltre "il rinvio del meeting previsto a Lugano il prossimo 22 e 23 giugno della Lcta (Lugano Commodity Trading Association)". Questa associazione "ha come mandato di fare lobbying e collaborare con le autorità per ottimizzare le condizioni quadro a favore delle aziende operanti in questo settore. Questo incontro annuale e internazionale vedrà la presenza dei principali attori, compresi oligarchi o persone vicine al regime di Putin e colpiti dalle sanzioni internazionali. Dobbiamo impedire a questa gente di continuare a fare affari in Ticino e in Svizzera". Sempre a Lugano, il 4 e 5 luglio è prevista la Conferenza sulla Riforma Ucraina che, tra gli ospiti, prevede il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. "In nessun modo permetteremo che questa conferenza si trasformi nell’ennesima imposizione di riforme di stampo neoliberista a un Paese che deve ricostruirsi per intero". L’ultimo punto dell’elenco cita infine che "il debito estero internazionale miliardario dell’Ucraina deve essere annullato".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved