ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 min

Lugano, da Radio Rsi a Città della Musica con 21 milioni

Licenziato il messaggio municipale per l’acquisto dello storico stabile di Besso. Un’operazione che, spiega Badaracco, genererà 55 milioni di investimenti
Gallery
Grigioni
33 min

A lezione d’integrazione sui banchi di Roveredo

Da lunedì tredici adolescenti fuggiti dall’Ucraina hanno iniziato a districarsi fra matematica e italiano nel padiglione 1 della Casa di cura Immacolata
Grigioni
41 min

Augio, presentazione di un libro fotografico sulla Val Calanca

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 20 al ristorante La Cascata, in presenza dell’autore Sergio Luban
Bellinzonese
1 ora

Osogna, ‘con macchinisti istruiti si riducono gli infortuni’

È stato inaugurato ufficialmente il Centro di formazione professionale Macchine della Ssic Ticino che, inoltre, valorizza una regione periferica
Luganese
1 ora

Il centro di Lugano si veste d’autunno

Nel solco della tradizione la Città propone momenti enogastronomici, bancarelle, musiche e giochi per tutti
Luganese
1 ora

La Città si mette il... ‘Cinema in Tasca’

Torna la rassegna che propone grandi film a prezzi popolari. Si parte con la stagione autunnale il 12 ottobre
Mendrisiotto
1 ora

‘Il palazzo reale delle menzogne’, 6 anni al principe Selassié

La Corte delle Assise criminali di Mendrisio lo ha riconosciuto colpevole e condannato per truffa per mestiere e falsità in documenti
Locarnese
1 ora

Sviluppo del comparto del Lido, perché il Municipio ‘tentenna’?

Lo chiede tramite un’interpellanza all’esecutivo di Locarno il consigliere comunale Udc Bruno Baeriswyl
Mendrisiotto
2 ore

Da Morbio Inferiore un viaggio nel tempo in due incontri

In programma due conferenze storiche: la prima sulla Belle Époque, la seconda sul contrabbando
Locarnese
2 ore

Russo, le pannocchie attendono di essere esposte al sole

L’Associazione farina bona organizza il 4 ottobre una giornata di raccolta del mais. Si cercano volontari
Gallery
Locarnese
2 ore

Ad Avegno l’Accademia Dimitri ha trovato la sede aggiunta

Da settembre è attiva al Centro Punto Valle la nuova casa destinata alle mutate offerte formative degli allievi. Ospita sale, biblioteca e atelier
Luganese
2 ore

Massagno in piazza per il terzo food festival

Specialità gastronomiche, musica e calciobalilla sabato per la manifestazione nata dal Progetto giovani
Bellinzonese
2 ore

Violino, violoncello e piano per chiudere il SobrioFestival

Ultimo appuntamento nella località leventinese domenica 2 ottobre con tre giovani musicisti
laR
 
25.04.2022 - 22:29

Capriasca, messa ai voti la nuova sede di Polizia

In Consiglio comunale il credito di 4,7 milioni di franchi per acquistare lo stabile Arl2, nel quale si insedierebbe anche il magazzino

di Luca Marzullo
capriasca-messa-ai-voti-la-nuova-sede-di-polizia
Capriasca
Lo stabile Arl2 di Tesserete

Oltre 4,7 milioni di franchi per la nuova sede della Polizia Torre di Redde e del magazzino comunale centralizzato. È questa la trattanda principale della seduta del Consiglio comunale (Cc) di Capriasca, che si riunirà questa sera nella sede di secondo ciclo di Scuola elementare. Il credito sul quale si esprimerà il legislativo riguarda l’acquisto dello stabile Arl2, di proprietà della Società Autolinee Regionali Luganesi (Arl). Tra le trattande, anche il messaggio che chiede 3,46 milioni di franchi per allestire il Piano Generale di smaltimento delle acque del Comune.

L’attuale situazione logistica è ingestibile

Per quanto concerne il magazzino comunale, l’attuale infrastruttura situata in piazza Lepori a Tesserete non risulta ulteriormente ampliabile. La struttura è davvero molto vecchia ed è ormai troppo piccola. Insufficienti e inadeguati, per gestire al meglio la logistica, sono pure una serie di altri piccoli magazzini dislocati sul territorio comunale. Inoltre, la posizione centrale dell’attuale sede potrebbe prestarsi a riqualificazioni di altro genere. Tra le idee riguardo alle possibili destinazioni degli attuali magazzini comunali spicca la realizzazione di appartamenti a pigione moderata. Non parrebbe dunque essere contemplata la possibilità di alienare l’edificio. L’utilizzo dello spazio dello stabile Arl2, in questo senso, avverrebbe su più fronti, destinando al pianterreno il deposito dei mezzi comunali nonché l’insediamento del magazzino dei servizi tecnici esterni del Comune e dell’Azienda acqua potabile. Uno spazio di stoccaggio idoneo, inoltre, potrebbe favorire la sicurezza ambientale di lavoro e accentrare il rimessaggio dei veicoli e mezzi di proprietà pubblica. In questo modo, se ne implementerebbe la qualità di conservazione, giocoforza la durata dell’esercizio. Un aspetto quest’ultimo, che nell’attuale sede non può essere garantito e che potrebbe riverberarsi sulle spese future.

Più efficienza per il Corpo

Lo spostamento della sede della Polizia Torre di Redde in questo sito porterebbe con sé, qualora ciò venisse attuato, una serie di vantaggi per il Corpo. L’attuale sede – l’ex municipio di Lugaggia – è davvero troppo piccola e scomoda e questo potrebbe generare effetti negativi anche sull’efficienza delle forze dell’ordine. Al pianterreno del nuovo stabile, oltre che ai mezzi comunali, troveranno spazio i veicoli e i materiali del distretto. Nella sede di Lugaggia, c’è anche il problema legato al parco veicoli: le auto della polizia si trovano al di fuori dello stabile, letteralmente nel nucleo, e sono già state oggetti di vandalismi in due occasioni. Inoltre, al momento, il Corpo ha anche un altro doppio garage dislocato, ma è distante dalla sede. Questo rallenta di molto gli agenti nelle situazioni di urgenza, con conseguenze importanti sull’efficacia e la prontezza del loro intervento. Nel nuovo stabile, agli agenti basterebbe scendere una scala per raggiungere le vetture, che si troverebbero inoltre custodite all’interno e perciò non più esposte ad atti vandalici.

Possibili sinergie

Gli ulteriori benefici che il trasferimento all’interno della nuova sede porterebbe alla Polizia Torre di Redde sono molteplici. In primis è da sottolineare un’immediata vicinanza alle scuole, alle strutture sportive e la prossimità – in questo caso potenziale fautrice di sinergica cooperazione – alle sedi dei Pompieri e della Protezione Civile. A questo si sommerebbe anche la possibilità di operare in una struttura adeguata alle esigenze di una centrale di polizia. In altre parole, ci sarebbe spazio per ricavare locali nei quali effettuare gli interrogatori e altri per eventuali fermi provvisori. Inoltre, a Lugaggia gli spazi condivisi non sono a norma. Detto altrimenti, la superficie è insufficiente a contenere gli undici agenti e un ausiliario, cosa che nel nuovo stabile risulterebbe possibile e ci sarebbe addirittura un margine per un eventuale ampliamento dell’organico.

A ricordare al Corpo i limiti dell’attuale struttura è stata anche l’assunzione della prima agente donna: occorrono quindi spazi separati negli spogliatoi e nelle docce, cosa che attualmente viene garantita in modo piuttosto precario. L’edificio finora occupato a Lugaggia verrebbe potenzialmente messo in vendita, con la possibilità di ricavare indicativamente 1,25 milioni di franchi impiegabili per ammortizzare gli ingenti costi del progetto. Tra le ipotesi al vaglio per l’impiego degli spazi del potenziale futuro stabile, c’è anche l’inserimento degli uffici dell’Arena sportiva.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved