ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
19 min

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
3 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
3 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
3 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
4 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
5 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
5 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
5 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
5 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
Bellinzonese
5 ore

Cinema, teatro, libri e castagne: ad Acquarossa la nespolata

L’incontro prenatalizio torna il 14 dicembre con una ricca 22esima edizione
Luganese
5 ore

Lugano, torna il presepe sott’acqua

Fervono i preparativi per l’allestimento del tradizionale evento. L’inaugurazione è prevista sabato 17 dicembre
Bellinzonese
5 ore

A Campo Blenio un assaggio di inverno già questo weekend

Sabato 10 e domenica 11 saranno aperti tappeto mobile e pista di ghiaccio
22.04.2022 - 19:47
Aggiornamento: 20:03

‘Disposto a tutto per un guadagno facile’, condannato a 4 anni

Pena da espiare e 7 anni di espulsione per l’avvocato 57enne a processo alle Criminali di Lugano e che dal carcere ha scritto a Babbo Natale

di Luca Marzullo
disposto-a-tutto-per-un-guadagno-facile-condannato-a-4-anni
archivio Ti-Press
Malversazioni per 2,5 milioni di franchi

Anche il prossimo Natale l’imputato – un avvocato italiano residente in Svizzera dal 2008 e attivo come consulente legale, a processo da ieri davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano – lo passerà al fresco. Questo pomeriggio, infatti, il giudice Amos Pagnamenta – i giudici a latere erano Monica Sartori-Lombardi e Luca Zorzi – lo ha riconosciuto colpevole di una serie di truffe e lo ha condannato alla pena detentiva di 4 anni e all’espulsione dalla Svizzera per 7 anni. «Un uomo con una predisposizione a delinquere, che ha investito tempo, energie e risorse nella commissione dei reati di cui è ritenuto colpevole, mosso unicamente dalla ricerca di un facile guadagno», l’ha definito il giudice. «La colpa dell’imputato è grave e i suoi reati hanno generato la malversazione di un’importante somma di denaro, pari a 2,5 milioni di franchi». Tra questi figura anche l’ottenimento illecito di una serie di finanziamenti Covid.

La difesa accetta solo 6 capi d’accusa su 54

La difesa – rappresentata dall’avvocato Marco Frigerio – si è espressa nella propria arringa contestando la maggior parte delle accuse e delle aggravanti avanzate dalla Procura nei confronti del 57enne, accettando di fatto soltanto 6 dei 54 capi d’accusa. Il diretto interessato – probabilmente non pago dell’effetto sortito dalla sua ‘simpatica’ letterina a Babbo Natale pervenuta alla pp Francesca Piffaretti-Lanz – una volta terminata l’arringa, ha ribadito che «la procuratrice ha le mani sporche di nero per lo zelo con il quale ha cercato di dipingermi peggio di quanto io non sia». La difesa ha appunto sottolineato come la costruzione dell’accusa si sia a più riprese rivelata lacunosa, facendo passare l’imputato come responsabile di atti illeciti anche laddove ciò risultava difficilmente dimostrabile. Questo però non ha convinto il giudice, che ha sottolineato come risultasse evidente che a «tirare le fila di una delle principali società coinvolte è senza dubbio l’imputato, a dispetto di quanto questi sostenga, con la sua negazione a oltranza durante le sedute processuali».

Non solo Babbo Natale

Sia dalla difesa, sia dallo stesso imputato, è stato sostenuto che un fantomatico personaggio (in questo caso non il panciuto lappone vestito di rosso) – che l’accusa ha dichiarato essere inesistente e considera alter ego del 57enne, e di cui si è peraltro appurato che i documenti d’identità fossero stati finemente ritoccati (o meglio, falsificati) mediante Photoshop – sia invece una persona reale, presentatasi sotto falso nome. «Un avvocato non ha certo i mezzi per valutare l’autenticità di un documento», hanno ribadito in canone Frigerio e l’imputato. L’augurio espresso dalla difesa in conclusione, ovvero che «la prossima letterina a Babbo Natale non verrà inviata dal carcere» pare dunque non potersi avverare. Accettati sostanzialmente 6 capi d’accusa e considerando quasi un anno di carcerazione preventiva scontato dall’imputato (è infatti detenuto alla Farera dal 27 aprile 2021), la difesa si è battuta per una pena sospesa inferiore ai tre anni a fronte della pena detentiva di 5 anni e 6 mesi proposta dalla procuratrice pubblica Francesca Piffaretti-Lanz. Inoltre, secondo la difesa, in virtù dei forti legami del 57enne con la Svizzera – che vi risiede dal 2008 con la famiglia, anche se quest’ultima al momento si trova provvisoriamente in Italia per motivi apparentemente economici e di salute – è stato anche richiesto l’annullamento dell’espulsione dal Paese per 7 anni domandata dall’accusa. Questa versione non ha convinto il giudice, che ha ritenuto che l’uomo «non ha particolari legami con la Svizzera, poiché la sua famiglia risiede in Italia, la maggior parte dei guadagni li ottiene in quel Paese, al punto da fare il "frontaliere alla rovescia"». Alla luce di ciò l’espulsione dalla Svizzera è stata confermata.

Dispiaciuto per quello che ha fatto

L’imputato si è detto dispiaciuto per quello che ha fatto, se ne rammarica e ha aggiunto mogio: «Non basterà una vita per pentirmi delle stupidaggini che ho fatto». Inoltre, si è giustificato dicendo: «A volte uscire dalla legalità sembra l’unica via d’uscita, non lo si fa per arricchirsi o innalzare la propria posizione, ma perché appare come l’unico modo per sopravvivere». Parole ricche di pathos espresse da un uomo «molto sfortunato», come l’ha ironicamente definito ieri il giudice Amos Pagnamenta, alla luce dei molteplici furti di beni di lusso denunciati alle assicurazioni, e che in realtà sembrano stonare con le azioni dell’imputato «che ha perseguito il facile guadagno, pronto a escamotage di ogni genere per raggranellare qualche franco» (2,5 milioni, ndr).

Leggi anche:

Accusato di reati finanziari, si rivolge a... Babbo Natale

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved