ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
37 min

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
38 min

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
2 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
3 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
3 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
3 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
3 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
3 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
4 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
11.04.2022 - 16:07
Aggiornamento: 16:56

Il presidente lettone a Lugano: ‘Non saremo un secondo Donbass’

Egils Levits nell’incontro con il presidente della Confederazione Ignazio Cassis dubita che gli Stati baltici possano diventare come l’est dell’Ucraina

a cura de laRegione
il-presidente-lettone-a-lugano-non-saremo-un-secondo-donbass
Ti-Press

La Svizzera è simile alla Lettonia per molti aspetti, anche senza essere membro dell’Ue e della Nato: lo ha sottolineato il presidente della repubblica baltica Egils Levits durante il suo incontro con il presidente della Confederazione Ignazio Cassis oggi a Lugano. La guerra in Ucraina è stata l’argomento principale dei colloqui bilaterali.

Riga e Berna hanno la stessa visione di ciò che è buono e giusto nel mondo, ha continuato Levits. Le relazioni bilaterali tra i due paesi sono "eccellenti".

La situazione attuale richiede una nuova architettura di sicurezza in Europa, basata su quanto accomuna gli stati democratici. È fondamentale che il diritto internazionale non sia annientato dall’aggressione russa in Ucraina. "Non possiamo permettere che a dominare l’Europa sia un’area arroccata nel sistema autocratico del XIX secolo".

La guerra in Ucraina richiede solidarietà, ha continuato Levits. Tutti devono sostenere le sanzioni dell’Ue. "Finché questo regime è al potere in Russia, dobbiamo trovare risposte adeguate", ha detto Levits. Il Consiglio federale si occuperà del quinto pacchetto di sanzioni decise dall’Ue nei prossimi giorni, ha detto Cassis.

Nessun "secondo Donbass"

Anche il presidente della Confederazione ha sottolineato l’importanza di una nuova architettura di sicurezza. Tutte le altre questioni sono secondarie per il futuro prossimo. "Quello che sta succedendo ora ci occuperà per gli anni o decenni a venire", ha affermato il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), aggiungendo che per la sua generazione una tale guerra era inimmaginabile. I modelli di pensiero russi non corrispondono al XXI secolo, ha aggiunto, condividendo il parere del suo ospite.

Alla domanda di un giornalista se la gente in Lettonia avesse paura di un possibile attacco russo, Levits ha detto: abbiamo paura della Russia come gli altri stati europei. Non crede che gli Stati baltici corrano il rischio di diventare un "secondo Donbass". "Noi vediamo la Russia realisticamente e l’abbiamo sempre vista realisticamente".

La storia come legame

Levits, che è stato ambasciatore in Svizzera negli anni 1990, ha anche accennato alla candidatura di Berna per un seggio non permanente nel Consiglio di sicurezza dell’Onu. Quest’ultimo potrebbe beneficiare parecchio dei molti anni di esperienza di un "piccolo paese neutrale", ritiene il presidente lettone.

Da parte sua, Cassis ha sottolineato il potere simbolico della sua città natale, Lugano, per l’amicizia lettone-svizzera: dal 1906 al 1920 i due poeti lettoni Rainis (pseudonimo di Jānis Pliekšāns) e sua moglie Aspazija (pseudonimo di Johanna Emīlija Lizete Rosenberga, coniugata Pliekšāne) trovarono infatti accoglienza e rifugio a Castagnola, dove trascorsero il loro esilio, prima di poter fare ritorno in patria.

Dopo i colloqui ufficiali, del resto il programma ha previsto una visita del monumento e del museo Rainis e Aspazija proprio a Castagnola. "La storia è un buon strumento per collegare le persone", ha sintetizzato Cassis.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved