profughi-ucraini-a-lugano-la-citta-cerchi-di-evitare-il-caos
Ti-Press/Pablo Gianinazzi
Diverse persone accalcate cercano di salire su un pullman per lasciare il centro di prima accoglienza di Przemysl
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
6 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
6 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
6 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
6 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
6 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
6 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
7 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
7 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
Locarnese
7 ore

Locarno, Colonia estiva aperta ai Comuni

Al Parco della Pace cinque pomeriggi di animazione con ‘Tutti al circo’, rivolti ai bambini dai 5 ai 12 anni
31.03.2022 - 17:20
Aggiornamento: 19:35

Profughi ucraini a Lugano, la Città cerchi di evitare il caos

Chieste spiegazioni al Municipio sull’accoglienza. Quanti sono gli appartamenti messi a disposizione? Emergerebbero lacune di coordinamento

"Premettiamo che questa interpellanza è redatta con cognizione di causa, essendo le interpellanti famiglie ospitante di rifugiati ucraini. Allo stesso modo non vuole essere una critica, perché possiamo ben comprendere le difficoltà dell’amministrazione. Il nostro intento è invece quello di dare un segnale di allarme su quanto sta capitando, sulla necessità di maggior supporto e controllo sui problemi che potranno insorgere sul territorio". Comincia così l’atto parlamentare inoltrato al Municipio di Lugano, firmato da Morena Ferrari Gamba (Plr) e Federica Colombo Mattei (Ppd). Le due consigliere comunali chiedono: "Di fronte a questa emergenza straordinaria, il Municipio si è fatto promotore per la coordinazione delle attività proposte da associazioni/enti presenti sul territorio? Il Municipio ha previsto un vademecum da inviare a tutti i fuochi o perlomeno alle famiglie ospitanti sulle procedure e a chi rivolgersi in caso di bisogno che non sia una hotline generica, ma un paio di funzionari del Dicastero istituti sociali (almeno per i corsi di italiano, scuole, medici, e prime necessità)? Per evitare un pellegrinaggio infinito al Punto Città, il Municipio ha pensato di istituire un ufficio almeno nei quartieri più popolosi, con presenza di un funzionario in loco anche solo una volta alla settimana, per raccogliere gli annunci dei rifugiati in arrivo?". A livello locale, l’interpellenza chiede "quanti sono gli appartamenti che la Città ha messo a disposizione o intende mettere a disposizione, comprese le case montane, le case, gli appartamenti sfitti della cassa pensione, residenze dismesse come la residenza "il Castagneto", anche per evitare speculazioni? Quante sono le persone che sono state o che saranno assunte dal Comune (assistenti sociali, i mediatori culturali e interpreti) per coprire tutte queste nuove esigenze? È previsto un supporto alle famiglie ospitanti anche quelle che non sono passate tramite il centro di accoglienza di Cadenazzo/Campax/Comune?".

Mancano le informazioni a chi accoglie

Tutte domande pertinenti su un tema, quello dell’accoglienza di rifugiati dall’Ucraina che è chiaro a tutti (o dovrebbe esserlo): arrivano e stanno arrivando in massa tramite associazioni, da soli o da privati che vanno direttamente alla frontiera polacca o moldava a prenderli. Questi profughi sono, per la maggior parte, madri con bambini/ragazzi in cerca di rifugio. Tuttavia, si legge nell’interpellanza, "i privati si sono assunti il compito di accompagnare i propri ospiti per annunciarsi e richiedere il permesso, per espletare le questioni amministrative, mediche, scolastiche, nutrirli e accoglierli nelle proprie abitazioni. Ma... molti si sono sentiti soli ed è sempre più evidente la mancanza di coordinamento tra pubblico e privato". E nell’ente che favoriva il collocamento "di questi rifugiati si sta esaurendo e aleggia un certo caos, non si comprende più chi fa cosa e chi controlla, verifica e supporta chi ne ha bisogno. Purtroppo, mancano le informazioni. A precisa richiesta presso un ente si viene dirottati su un altro e un altro ancora, con risposte molto vaghe e generiche. Le famiglie sono generose, ma troppo spesso non hanno i mezzi, né il tempo, né esperienza, né le conoscenze per gestire questa situazione con persone comunque bisognose di aiuto". Insomma, il rischio è quello che tutta questa accoglienza imploda, porti a disagi sociali e chi aiuta sia costretto ad abdicare. Non è quello che vogliamo per rispetto a chi fugge dalla guerra ma anche ai cittadini residenti e di buona volontà.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
appartamenti caos città coordinamento disposizione interpellanza lugano municipio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved