l-addio-a-harry-herber-guardiano-dei-sogni
Ti-Press
Harry Herber
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Preti in assemblea, per riflettere su sfide e missione

Una tre giorni a Lugano con contributi anche di relatori esterni e gruppi di lavoro. L’evento si aprirà il 29 agosto
Bellinzonese
4 ore

Tutto pronto per la 5ª edizione del Greina Trail

Gli organizzatori informano che è ancora possibile iscriversi alle varie tipologie di corsa
Bellinzonese
4 ore

Addio a Carlo Rivolta: ‘Mancherà a tutta Bellinzona’

A lungo attivo sulla scena della politica della Turrita, titolare dello storico negozio di biciclette in Piazza Orico, è deceduto all’età di 71 anni
Luganese
5 ore

Magliaso festeggia San Rocco

Sabato la comunità locale si ritroverà nella corte del municipio per condividere la ricorrenza tra devozione e tradizione popolare
Bellinzonese
5 ore

Polenta storna all’Alpe Géira

Il tradizionale pranzo organizzato dal Patriziato di Dalpe si terrà domenica 21 agosto alle 12
Bellinzonese
5 ore

Cinque concerti d’organo in Leventina

Mercoledì 17 agosto a Giornico, sabato 20 a Faido, mercoledì 24 a Quinto, sabato 27 a Chironico e mercoledì 31 ad Airolo
Luganese
5 ore

‘Bissone Arte ’22’ e il villaggio diventa un museo

Il paese darà spazio per oltre un mese alla creatività di una trentina di artisti. Opere esposte sul territorio
Mendrisiotto
5 ore

Riva San Vitale verso nuove... rive lacustri

In pubblicazione la domanda di costruzione per il progetto di sistemazione degli accessi a lago in zona Lido, in modo da uniformarne l’aspetto
Bellinzonese
5 ore

Festa in onore del generale Guisan al Sasso San Gottardo

Sabato 20 e domenica 21 agosto si celebreranno i 60 anni dalla scomparsa del generale Henri Guisan, rinviati di due anni a causa della pandemia
Ticino
5 ore

Costo benzina sulla fascia di confine, la forbice si allarga

Rapida panoramica sui prezzi praticati al di qua e al di là della frontiera. Il decreto aiuti del governo Draghi. L’immobilismo del Consiglio federale
Mendrisiotto
6 ore

Tre eventi per il Festival delle famiglie a Balerna

Teatro di figura, cinema e racconti nei parchi per adulti e bambini chiudono la stagione estiva
Bellinzonese
6 ore

Carì, birre artigianali abbinate a formaggi nostrani

Appuntamento per domenica 21 agosto dalle 11 alle 12.30 all’osteria Belvedere con l’esperto Roberto Storni
29.03.2022 - 17:12
Aggiornamento: 17:38

L’addio a Harry Herber, ‘guardiano dei sogni’

Classe 1943, è morto a Lugano colui che viveva la politica come realizzazione di un bene comune. Il nostro ricordo.

Amava definirsi l’ultimo dei mohicani, allergico a tutto quanto fosse propaganda e potere. E forse, anche per questo, lo si incarnava piuttosto in un moderno Don Chisciotte a cavallo, anziché di un peloso quadrupede, di un vecchio e sgangherato Ciao. Harry Herber, leghista (pentito) della prima ora, non le mandava mai a dire, neppure agli ‘ex’ amici. Schietto, trasparente, determinato, un fuscello d’uomo, ma concreto e irremovibile dalle proprie convinzioni e ‘credo’ come una quercia, così come le piante che tanto amava. Ex giardiniere e da sempre ‘candidato del popolo’ – come affermava nel susseguirsi delle sue discese in campo, dai Consigli comunali ai Municipi (Carabbia e Pazzallo, quando ancora erano indipendenti dalla Grande Lugano) fino al Governo cantonale e federale – è morto a Lugano alla soglia degli ottant’anni che avrebbe compiuto nel 2023.

A lui il nostro giornale, nel rinnovarsi delle elezioni dove figurava il suo nome, aveva dedicato sempre spazio, e non solo per l’originalità del suo pensiero. Lui ricambiava questa ‘platea’ con visite mai improvvisate, ma educatamente concordate al telefono per poi presentarsi sempre con un pensiero ‘green’, una scatola di cioccolatini, da condividersi con tutta la redazione. Un gentiluomo, diremmo, purtroppo, d’altri tempi. Di lui affascinava la visione ‘alta’ della politica, l’antipatia per «gli incapaci amministratori attaccati alle poltrone con il Cementit». Così, quando ci portava il suo nuovo ‘santino’, non potevamo non ascoltarlo interessati dalla storia dell’Impero romano... fino al Canton Giura. Era un vulcano di idee e desideri, tanto da battezzare una delle sue ultime liste, destinazione la capitale elvetica, ‘Bello Sognare’.

Come il Peter Pan delle favole, Harry Herber era un visionario che nel mondo di oggi si trovava stretto, o forse sarebbe meglio dire ‘costretto’. Ingabbiato nelle convenzioni, nei doppi giochi dei partiti che, all’uscita del movimento di via Monte Boglia, a soli sei mesi dall’entrata in Gran Consiglio, non mancò di definire «la più grande delusione della mia vita». Protagonista sì di una pagina importante del Canton Ticino, ma non per questo così ‘naïf’, come si considerava, da continuare a condividerne l’assalto al potere e, ogni domenica su quel ‘foglio’, all’avversario («ogni settimana – erano state le sue parole in occasione dei vent’anni della testata, nel 2010 – il ‘Mattino’ gettava fango su persone senza ritegno e senza prove. Oggi non lo leggo più... Non c’è etica. Fosse un giornale umoristico, di gossip, potrei anche capirlo, ma oggi è anche un giornale ‘governativo’ e non può dunque agire così. Ho solo una soddisfazione, che da quelle colonne non sono mai stato attaccato»). Per lui la Lega aveva perso, fin dalle prime valanghe di voti, la sua anima: «Credevo in un partito che potesse fare una vera opposizione, dura, rigida. A un partito che fosse attento ai bisogni della gente, che costruisse qualche proposta concreta. Non ho accettato il fatto che si pensasse subito di andare a Berna, di prendere il potere, quando il compito della Lega avrebbe dovuto essere, diversamente, quello di guardiano».

Viveva in via della Speranza, «un nome che dice tutto» non ha sempre mancato di farci notare. Nel suo passato vi era stato anche lo sport competitivo: recordman nei 75 chilometri e fra i campioni del panorama ciclistico svizzero. Conosceva poi dai risvolti storici svizzeri alla giusta dose di acqua per annaffiare un fiore, e, negli ultimi anni, anche fautore di un suo auspicato passo indietro nella politica fusionistica ticinese. Quando nel 2016, per le elezioni comunali pre-Covid, varò ‘Non5ma500’ orgogliosamente ci disse: «Lo sa che la mia lista è stata la prima ad essere depositata?». Nel cuore portava la sua visione di città, continuamente con i pensieri al vento, sempre in viaggio da una parte all’altra, scattante sul suo motorino. Le mani ben ferme sul manubrio, mani che conoscevano la fatica del mestiere, "senza sconti né scorciatoie" avevamo scritto allora. Quell’Harry Herber che ha sempre scelto la strada maestra, per le sue idee e per i suoi sogni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
harry herber lega lugano morto politica ricordo sogni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved