gestioni-immobiliari-a-lugano-siamo-allo-sbando
Ti-Press
Città con vista
28.03.2022 - 12:40
Aggiornamento: 16:47

Gestioni immobiliari a Lugano: ‘Siamo allo sbando?’ 

Interrogazione del gruppo liberale radicale al Municipio cittadino sull’operato della società che parrebbe “perlomeno lacunoso”

Parrebbe una gestione "perlomeno lacunosa di diversi immobili di proprietà del Comune" quella sollevata da un’interrogazione del gruppo liberale radicale in Consiglio comunale a Lugano. Ciò si legge "solleverebbe seri dubbi sulla serietà e sulla professionalità della società Gestioni Immobiliari per Istituzionali Sa". Considerato l’obbligo della società di fornire al Municipio rapporti regolari circa la propria attività, il gruppo Plr chiede se le segnalazioni corrispondano a verità e se effettivamente, con la richiesta consuetudine, GipI Sa fornisce rapporti sulla propria attività al Municipio. Diversamente – viene evidenziato – "alla luce delle segnalazioni ricevute, sorgerebbero dubbi sulla veridicità degli eventuali rapporti o se circostanze molto gravi (come per esempio l’occupazione di appartamenti di proprietà del Comune da persone che non pagano la pigione) siano state sottaciute al Municipio".

L’interrogazione mira dunque a sapere se il Municipio non ritiene di dover chiedere un rapporto completo sullo stato degli immobili e della loro gestione, "anche solo per fugare i dubbi già sollevati in passato e per chiarire una volta per tutte se GIpI Sa è in grado di gestire immobili che rendono, solamente in pigioni, sette milioni e mezzo di franchi l’anno". I consiglieri liberali radicali chiedono inoltre se il credito di quasi 11 milioni per le ristrutturazioni interne dei locali vetusti e per la realizzazione di una prima serie di interventi di manutenzione straordinaria sia stato utilizzato, se vi sia un effettivo controllo e se GIpI Sa fornisca dei rapporti anche su questi lavori.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gestioni immobiliari gruppo liberale radicale immobili interrogazione lugano plr
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved