un-punto-di-incontro-dopo-la-separazione
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
12 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
13 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
13 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
13 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
13 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
14 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
14 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Luganese
23.03.2022 - 15:50
Aggiornamento : 16:08

Un ‘Punto di incontro’ dopo la separazione

Per mantenere in contatto i minori dati in affido e la famiglia di origine

È una realtà che in Ticino interessa oltre 150 minori, e altrettante famiglie affidatarie: l’affido, appunto, un momento temporaneo di distacco dalla famiglia di origine. I minori (fino ai 18 anni) dati in affido sono reduci da situazioni di maltrattamenti, abusi o di conclamate e gravi incapacità genitoriali, che portano le autorità a decidere di collocarli presso una famiglia affidataria o un centro educativo minorile. Un aspetto delicato di queste situazioni sono le ‘visite’ i contatti che a scadenze regolari vengono mantenuti con le famiglie di origine, in sedi ‘neutrali’ e con l’accompagnamento dovuto. Alle strutture esistenti, che faticano a gestire tutte le domande pendenti per questo tipo di visite, si aggiunge ora il ‘Punto di incontro’, situato a Lugano in via San Gottardo 30. Il servizio è attivo dallo scorso mese di gennaio, promosso dalla Associazione Ticinese Famiglie Affidatarie (Afta) sodalizio nato a Locarno oltre quarant’anni fa e che ha lo scopo di condividere l’esperienza dell’affido.

Il "Punto di Incontro", è nato dalla sinergia tra l’assistente sociale, Luisa Manzo, attiva nella protezione, vigilanza e tutela dei minori a rischio o in condizioni di maltrattamento e abuso, e una educatrice professionale con esperienza nell’ambito dei servizi per i diritti di visita, Lorenza Cerasa. L’incontro tra i minori e i loro genitori naturali in questo spazio dovrebbe, citiamo "alleviare le naturali tensioni e ansie, soprattutto dei bambini, che potrebbero emergere se quel diritto di visita non fosse adeguatamente strutturato, gestito e curato". Uno "spazio terzo", "attrezzato con arredi e materiali ludico-creativi funzionali alla condivisione del tempo insieme, idoneo alle osservazioni delle qualità relazionali, dove vengono stemperate, appianate, levigate eventuali conflittualità, facilitando dunque l’incontro e il confronto tra il minore e la famiglia di origine". In vista anche di un possibile ritorno a casa, o comunque di una normalizzazione dei rapporti. Le visite sono preparate con entrambi i soggetti (genitori e figli) e seguiti da un incontro con gli operatori per cogliere i ‘feedback’ l’esito insomma delle visite.

Il ‘Punto di incontro’ è supportato dall’Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani (Ufag), e da diversi enti filantropici. Il primo caso da gestire è arrivato in febbraio, la struttura ha ora avviato contatti con tutti i servizi interessati ed è in attesa di ulteriori utenti; può contare su spazi appositamente allestiti in senso ludico, con giochi, materiale di disegno e quant’altro, per cercare di restituire un senso di ‘casa’. A supporto, due educatori professionali ingaggiati al 40%.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
affido famiglia genitori incontro punto incontro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved