ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
9 min

‘Ascona è un Comune ricco, abbassiamo il moltiplicatore’

Lo chiede, per andare incontro ai cittadini già confrontati con crisi energetica e aumento dei premi delle casse malati, il gruppo Lega/Udc/Indipendenti
Mendrisiotto
20 min

Mendrisio, la Giornata internazionale della salute mentale

In vista del 10 ottobre, arriva la presa di posizione congiunta di Supsi, Osc, Pro Mente Sana e Club ’74
Ticino
24 min

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Mendrisiotto
55 min

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
2 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
2 ore

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
2 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
3 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
Mendrisiotto
3 ore

Risparmio energetico, ‘come si sta organizzando Mendrisio?’

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) interroga il Municipio e lamenta il ritardo nell’annunciare le misure
14.03.2022 - 14:00
Aggiornamento: 16:28

Lugano, ‘la terza corsia non risolverà i problemi di traffico’

Interrogazione interpartitica al Municipio chiede quali saranno le conseguenze del PoLuMe per il Luganese

lugano-la-terza-corsia-non-risolvera-i-problemi-di-traffico
archivio Ti-Press
‘Colonne e tempi d’attesa rimarranno’

Nelle sue linee di sviluppo dedicate all’aumento progressivo della quota di trasporto pubblico e della mobilità lenta, la Città di Lugano ha dichiarato di "sostenere la realizzazione del progetto di potenziamento autostradale Lugano-Mendrisio (PoLuMe) fin da Lugano Nord per liberare il centro cittadino dal traffico parassitario". Sul tavolo del Municipio di Lugano è arrivata un’interrogazione interpartitica – sottoscritta da Melitta Jalkanen, Nicola Schoenenberger, Niccolò Castelli, Deborah Meili, Marisa Mengotti, Raoul Ghisletta, Tamara Merlo, Edoardo Cappelletti, Sara Beretta Piccoli, Aurelio Sargenti e Federica Colombo – sul tema. "L’aumento della capacità stradale – ottenuta mediante l’apertura temporanea di una terza corsia dinamica (recuperata dalla corsia di emergenza), la creazione di nuovi svincoli e di nuove gallerie – non risolverà a breve termine i problemi di traffico, rischiando al contrario di peggiorarli a causa del traffico indotto – sottolineano i consiglieri comunali –. Potenziamento significa più veicoli in circolazione sulla rete stradale e, di conseguenza, un carico ulteriore anche per le strade cantonali e comunali di alcuni comuni del Sottoceneri". Inoltre, "i colli di bottiglia alle entrate e uscite delle città permarranno, così come le colonne e i tempi di attesa. Questo progetto prevede diversi cantieri sull’arco di oltre un decennio, con il rischio di isolare il Mendrisiotto e il Basso Ceresio dal resto del cantone. Già oggi, infatti, singoli cantieri possono mandare in tilt il sistema viario". A questo si aggiungono le "conseguenze nefaste sulla salute dei residenti", una "condizione destinata a peggiorare con l’aumento del traffico", e l’aumento del pericolo "venendo a mancare la possibilità di fermarsi in sicurezza in caso di panne o incidenti". Quello del PoLuMe "per stessa ammissione dell’Ustra è considerato un progetto ‘cerotto’ e provvisorio fino alla messa in funzione del prolungamento a sud di Lugano di AlpTransit, previsto tiepidamente solo nel 2054".

Domande al Municipio

Al Municipio di Lugano viene chiesto se sostiene integralmente il progetto previsto da Ustra e, in caso contrario, quali modifiche apporterebbe; se ritiene il progetto "compatibile con una pianificazione del territorio votata alla protezione dell’ambiente e del clima, la promozione della mobilità sostenibile e lenta e della salute della popolazione. I consiglieri vogliono inoltre sapere "in che misura il PoLuMe è una misura strategica per aumentare progressivamente la quota di trasporto pubblico e della mobilità lenta a Lugano", se esistono delle perizie che dimostrano un effetto sulla ripartizione modale a Lugano del progetto PoLuMe, "in che modo la creazione della terza corsia libererà le vie residenziali del centro cittadino dal traffico parassitario. Pensando agli investimenti milionari votati dal Gran Consiglio per promuovere il trasporto pubblico, "il PoLuMe andrà a vanificare gli effetti benefici" di questi investimenti? Per gli interroganti "le colonne alle entrate e alle uscite dei centri urbani permarranno: è stato valutato l’impatto del maggiore volume di traffico dovuto al potenziamento dell’autostrada e al conseguente aumento del traffico motorizzato privato sull’area urbana del Luganese?". Al Municipio viene infine chiesto se "intende promuovere maggiormente e con più insistenza presso la Confederazione il prolungamento di AlpTransit a sud di Lugano".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved