il-clamoroso-furto-di-mascherine-davanti-ai-giudici-militari
Ti-Press
La caserma di Airolo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Prezzo d’acquisto delle uve, si torna alle cifre prepandemiche

l’Interprofessione della vite e del vino ticinese ha comunicato l’accordo per i prezzi, che sarà di 4,15 franchi al chilo per il merlot
Ticino
2 ore

WikiMafia non ammessa come parte civile

Processo ‘Cavalli di razza’ sulla ’ndrangheta e le sue ramificazioni (anche) svizzere: il giudice respinge la richiesta dell’associazione
Luganese
2 ore

Lugano, è ancora vivo il ricordo di Marco Borradori

Un centinaio di persone ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata stasera dal Municipio nel Patio di Palazzo Civico
Ticino
3 ore

Arrivano le multe disciplinari con il QR

La Polizia cantonale ha digitalizzato la procedura
Ticino
4 ore

Prestito vitalizio ipotecario, il Ps rilancia: ecco la mozione

Dopo la sentenza del Tf che accoglie il ricorso dei socialisti Lepori e Ghisletta contro lo sgravio sul valore locativo: ‘Un passo verso gli over 60’
Bellinzonese
5 ore

Una mostra fotografica e Daniele Dell’Agnola al Dazio Grande

Doppio appuntamento a Rodi-Fiesso sabato 20 agosto a partire dalle 15.30
Locarnese
6 ore

Vergeletto, evento benefico alla pista

Sabato dalle 11 si presenta al pubblico l’Associazione Dsa Adhd. Maccheronata e giochi allietano la giornata
Grigioni
6 ore

Il ponte in pietra ‘Casott’ non verrà demolito

La strada artificiale con l’antica struttura ad arco è stata inserita fra gli oggetti di importanza nazionale e verrà ceduta al Comune di Rheinwald
Mendrisiotto
7 ore

Fiera di San Martino, è tempo di iscrizioni

Appuntamento a Mendrisio dal 10 al 13 novembre. Entro il 26 agosto vanno annunciate vendite, mescite, spacci e impianti per il divertimento
Grigioni
7 ore

Niente fuochi d’artificio neppure a Ferragosto a San Bernardino

Le pessime condizioni idriche e il divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto rimandano la ricorrenza all’anno prossimo
Mendrisiotto
7 ore

Cucina, musica e sport per le feste della Sav Vacallo

L’appuntamento si terrà all’ex asilo Riva e inizierà mercoledì 17 agosto con la proiezione di ‘Spider-Man’
Mendrisiotto
8 ore

Serata al chiar di luna alle scuole di Lattecaldo

L’evento, con entrata libera, si terrà venerdì 19 agosto nell’anfiteatro del centro scolastico
Grigioni
8 ore

A San Bernardino si danno i numeri a suon di musica

Domenica 14 agosto dalle 17 alle 19 verrà organizzata una tombola a ritmo delle melodie della fisarmonica, ricchi premi della regione in palio
laR
 
15.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:59

Il clamoroso furto di mascherine davanti ai giudici militari

Processo per il funzionario della sezione dei sanitari ed ex consigliere comunale di Monteceneri, accusato di appropriazione indebita aggravata

Si era in piena pandemia, quando dalla caserma di Airolo erano spariti pacchi di mascherine anti-Covid e altro materiale, poi ritrovati, sorprendentemente, in un locale del Municipio di Monteceneri. Indagato - che tuttavia nega ogni addebito - un funzionario della sezione militare dei sanitari ed ex consigliere comunale della Lega dei ticinesi. Condannato nel 2021 per appropriazione indebita aggravata con decreto d’accusa a una pena pecuniaria posta al beneficio della sospensione condizionale, l’interessato ha interposto ricorso opponendosi alla pena. Pertanto ora la vicenda, a due anni dal caso, approderà davanti ai giudici militari in un pubblico dibattimento.

In aula il 25 marzo al Tribunale militare 3

Il processo è stato aggiornato a venerdì 25 marzo alle 14 davanti al Tribunale militare 3 a Locarno, presso l’aula della Corte di appello e revisione penale in via della Pace 6. L’accusa alla quale dovrà rispondere l’imputato è appropriazione indebita aggravata. Ma il funzionario attivo alla caserma di Airolo respinge ogni accusa sin dall’inizio della vicenda, professandosi innocente. Al dibattimento pubblico il milite sarà chiamato a fare piena luce sul caso di sparizione di mascherine accertato nel marzo 2020 dai locali della caserma di Airolo. La giustizia militare era intervenuta in forze presso l’abitazione dell’uomo con un blitz all’alba, durante il quale aveva perquisito l’intera abitazione alla ricerca del maltolto. E un intervento era stata eseguito successivamente dagli inquirenti anche al municipio di Monteceneri, dove il materiale oggetto di sparizione è venuto alla luce: uno stock con diverse centinaia di mascherine sanitarie, flaconi contenenti liquido disinfettante per le mani e altro materiale ancora. Di qui il diretto interessato aveva in qualche modo giustificato l’azione, penalmente perseguibile, quale dono a favore del Comune, segnatamente della popolazione di Monteceneri nei mesi gravi della pandemia da Covid-19 che aveva portato il Ticino al lockdown. E il tema al centro del processo sarà proprio la natura della sparizione delle mascherine sanitarie e la sua qualifica giuridica. Secondo il magistrato della giustizia militare che ha indagato sulla vicenda, si tratta senza dubbio di una violazione dell’articolo 130 del codice penale militare, appunto di una appropriazione indebita aggravata, che non può lasciare spazio a interpretazioni più miti del codice penale. La fattispecie, fra una decina di giorni, dovrà essere analizzata dai giudici militari. Dopo la requisitoria e l’arringa difensiva (il funzionario della sezione dei sanitari ed ex consigliere comunale di Monteceneri dovrà presentarsi in aula con un avvocato) nella stessa giornata di venerdì 25 marzo (salvo incidenti processuali o richiesta di nuove prove) la Corte militare emetterà la propria sentenza, alla stessa stregua e negli stessi tempi di quanto avviene in sede di giustizia civile. Accusatore privato nella causa è Armasuisse, che ha subìto il danno, anche se in definitiva le mascherine, poi ritrovate intatte presso la casa comunale di Monteceneri, sono state restituite al legittimo proprietario. Ma quanto dovrà accertare la giustizia militare è l’azione della quale si è reso protagonista il milite, privando l’esercito di un bene di sua proprietà.

Il processo è aperto al pubblico

In caso di condanna il milite potrebbe rischiare conseguenze anche nella sua qualità di dipendente dell’esercito svizzero: da un semplice ammonimento decretato dai responsabili della caserma di Airolo, alla sanzione disciplinare, al trasferimento in altra caserma, fino alla più grave e drastica decisione del licenziamento. Decisioni che in ogni caso esulano dai compiti della corte militare, che dovrà pronunciarsi unicamente sulla vicenda e sentenziare se vi siano o meno responsabilità penali da parte del funzionario della sezione dei sanitari di Airolo. L’aggiornamento del dibattimento pubblico compare nel sito Internet della Confederazione svizzera, nella sezione giustizia militare svizzera, che riporta tutti i processi in agenda nei diversi Cantoni. La maggior parte delle imputazioni riguarda infrazioni ai doveri di servizio o inosservanza delle prescrizioni, rifiuto, disobbedienza, mancanza di disciplina. Il caso di appropriazione indebita aggravata, di cui dovranno occuparsi nei prossimi giorni i giudici della sezione 3 del Tribunale militare, appare rara. Un caso che due anni fa, quando è venuto alla luce, ha suscitato un certo clamore. Il pubblico potrà assistere al processo.

Leggi anche:

Monteceneri, guai militari per il furto di mascherine

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mascherine monteceneri processo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved