ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
1 ora

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
6 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
9 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
9 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
10 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
11 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
11 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
11 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
Bellinzonese
11 ore

Panettonata a Pollegio con l’Atte Blenio-Riviera

Martedì 13 dicembre
Mendrisiotto
11 ore

Chiasso, Gestione favorevole al progetto per l’Ufficio tecnico

La maggior parte della commissione invita il Consiglio comunale ad approvare il credito di 5,2 milioni di franchi
Luganese
11 ore

Hotlanta, il primo album dal vivo allo Studio Foce

Sabato 17 dicembre alle 21.30 a Lugano, i fondatori Bertini e Lombardi con Ballabio, ‘Mad’ Mantello e Rezzonico (e ospiti speciali...)
09.03.2022 - 08:30
Aggiornamento: 17:19

Lugano, meno politica nelle società partecipate

Pronta la bozza per regolare le nomine nei Cda dei rappresentanti della Città. Agli archivi (forse) il manuale Cencelli e largo ai profili competenti

lugano-meno-politica-nelle-societa-partecipate
Ti-Press/Archivio
A inizio legislatura il rinnovo dei rappresentanti cittadini nelle Ail aveva causato qualche mal di pancia

«Fare chiarezza sui requisiti e le competenze richieste ai rappresentanti della Città nelle proprie società anonime (le cosiddette partecipate)». Karin Valenzano Rossi, titolare del Dicastero Sicurezza e spazi urbani di Lugano ci aggiorna su un tema sul tavolo di Palazzo civico da una decina di anni, quello relativo alle nomine nei Consigli di amministrazione (Cda) di aziende cittadine. A parole, pare un esercizio semplice e dovuto, nei fatti, giungere a una soluzione non si è rivelato una passeggiata. La municipale ha ereditato il tema, anche perché l’introduzione di una regolamentazione è stato un cavallo di battaglia del Plr (la prima mozione risale al 2012 e recava la firma di Giordano Macchi): «Siamo in dirittura d’arrivo. L’idea è di portare fra qualche settimana il documento in Municipio, poi in Consiglio comunale». La regolamentazione non riguarda gli enti di diritto pubblico. Questo tema verrà affrontato in un secondo momento.

L’attuale chiave di riparto è da rivedere

«L’obiettivo sta per essere raggiunto, bisognerà vedere se la bozza di regolamento raccoglierà l’adesione di tutto il Municipio e soprattutto come verrà recepito il documento dal Consiglio comunale di Lugano», annuncia Valenzano Rossi. La questione delle nomine nei Cda delle partecipate è da sempre gestita in maniera disordinata, c’è parecchia confusione. Di fatto, vige la ripartizione politica che tuttavia non sta scritta da nessuna parte, ma viene ampiamente riconosciuta e applicata da tutte (o quasi) le formazioni politiche. La chiave di riparto politica è stabilita in base ai seggi ottenuti dai partiti in Consiglio comunale alle ultime elezioni comunali. La ripartizione non tiene in alcun modo conto dei profili delle persone nominate e rientra nella vecchia mentalità di gestire la politica e le aziende pubbliche e para-pubbliche. Un esempio eloquente di quanto il tema sia delicato la si è avuta nella seduta di Consiglio comunale del luglio scorso quando, per giungere al rinnovo dei sette membri del Cda delle Ail Sa, azienda detenuta al 100% dalla Città, si è dovuto procedere al voto segreto. E il risultato ha creato qualche mal di pancia.

Più ordine per una soluzione uniforme

La municipale Valenzano Rossi conferma che ora c’è molta confusione: «Proprio per questo motivo, abbiamo cercato di mettere ordine cercando una soluzione uniforme, che recepisca i principi evocati dalla mozione e dei rapporti commissionali allestiti ormai qualche anno fa. Vogliamo garantire un funzionamento appropriato delle partecipate, in linea con i principi della dottrina più aggiornata della Corporate Governance applicata nelle aziende e nelle società anonime. La priorità deve essere messa sulle competenze necessarie alle diverse partecipate e su un’adeguata composizione dei Cda. Non è detto che non si possano trovare profili adeguati e le competenze richieste anche in una persona che rappresenta un’area politica. Il fatto di mettere questi criteri di competenza spingerà se del caso i partiti ad andare a cercare persone idonee. Ci siamo inoltre ispirati a modelli che esistono in Svizzera interna per una soluzione coerente per tutte le partecipate, visto che oggi, per alcune società, la nomina nei Cda spetta al Municipio, per altre, tocca al Consiglio comunale».

Previsti anche criteri di genere

La bozza di regolamento, come detto è quasi pronta. «Contiene i criteri di competenza (non soltanto partitici, ndr) che devono essere posti per la composizione dei Consigli di amministrazione delle società partecipate. Nelle nomine, per regolamento, in futuro non conterà soltanto l’appartenenza partitica, ma dovranno prevalere il profilo del candidato, le sue competenze e formazioni. La bozza punta a fare chiarezza anche sulle modalità di istruzione e sul coordinamento delle informazioni da riferire al Municipio e allo stesso Cda. Il regolamento prevede inoltre di ridurre al minimo la partecipazione nei Cda di esponenti attivi nel Consiglio comunale, nel Municipio e nell’Amministrazione cittadina. Tale possibilità verrà ancora data ai membri dell’esecutivo e al personale della Città, in particolare quando c’è una necessità operativa legata al funzionamento di un dicastero», spiega Valenzano Rossi, che annuncia anche un’altra novità: l’introduzione di criteri di genere, non solo quote rosa e previsioni rispetto alla remunerazione.

La questione saltuariamente balza agli onori delle cronache. Era emersa, con strascichi polemici, quando esisteva ancora la Lugano Airport Sa (Lasa).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved