lugano-lalia-s-allontana-l-ipotesi-referendum
Ti-Press
Quasi certamente non si andrà al voto sul controverso tema
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
10 min

Conferenza sull’ambiente: 1° premio a una classe di Acquarossa

La quinta elementare della docente Nora Antonini ha vinto a livello nazionale grazie a un lavoro di studio sulle piante non autoctone (neofite)
Locarnese
18 min

Cevio, la Fondazione Silene Giannini fa spazio all’arte

Obiettivo: sostenere chi eccelle in pittura, fotografia, grafica e altri settori figurativi, creando anche una rete regionale
Luganese
44 min

Al Liceo di Lugano 1 è tempo di premiati

L’elenco degli studenti dell’ultimo anno più meritevoli fra alte medie e scelta opzionale di materie
Luganese
49 min

Liceo 1, nel 170° della fondazione sono 249 i neo maturati

Riportiamo tutti i nomi dei giovani studenti che hanno ottenuto a Lugano la licenza di scuola media superiore per l’anno 2021/2022
Locarnese
1 ora

Losone, la Lega: ‘Il sindaco dimissiona?’. Catarin: ‘Macché...’

Un’interpellanza ipotizza tensioni in Municipio. Secca la smentita: ‘Clima sereno e costruttivo’
GALLERY
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio e ‘l’energia positiva’ della Festa della Musica

Gli organizzatori tracciano il bilancio della nona edizione svoltasi nel fine settimana nel cuore del Borgo. L’appuntamento è per il giugno 2023
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, auto in fiamme sull’A2 in direzione nord

Sul tratto di autostrada si sono formati un paio di chilometri di coda
Luganese
5 ore

Lombardi: ‘Non mi aspetto molto dal vertice sull’Ucraina’

L’incontro sarà a Lugano il 4 e 5 luglio. L’ex consigliere agli Stati si chiede se abbia senso parlare di ricostruzione quando la guerra è ancora in corso
Mendrisiotto
9 ore

Chiasso, ‘la natura di Festate non è in discussione’

Il vicesindaco e capodicastero Cultura Davide Dosi si esprime in merito ai malumori emersi dopo la trentesima edizione dell’evento
Luganese
9 ore

Monteceneri tra siccità e ‘grandi consumatori’

I divieti all’uso dell’acqua – già rientrati – non toccavano due importanti ditte
Ticino
20 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
21 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
22 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
23 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
1 gior

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
08.03.2022 - 08:30
Aggiornamento : 15:40

Lugano: Lalia, s’allontana l’ipotesi referendum

Non ‘referendabili’ i contributi approvati nel 2021, mentre lo sarà solo il credito (minore) oggetto del nuovo messaggio

Sfuma, anche se ancora non del tutto, l’ipotesi referendum sul tema del prelievo dei contributi previsti dalla Legge federale contro l’inquinamento delle acque (Lalia), paventata dal capogruppo della Lega luganese Lukas Bernasconi un paio di settimane fa. E sfuma perché due porte su tre sono chiuse: non è possibile contestare né il grosso del messaggio approvato dal Consiglio comunale (Cc) l’anno scorso – compreso il prelievo di 117 milioni di franchi dai proprietari di immobili per i lavori di canalizzazione già realizzati e pagati tramite imposta –, né la revoca di tutte le decisioni precedentemente adottate dal legislativo di Lugano e dei Comuni aggregati relativamente ai Piani generali delle canalizzazioni (Pgc). Quest’ultimo sarà essere oggetto di un altro messaggio che approderà a breve in Cc, assieme al credito da 126’000 franchi necessari per l’acquisto di nuovi software per la raccolta dati. E solo quest’ultimo, qualora il legislativo accogliesse il nuovo messaggio, sarebbe eventualmente ‘referendabile’.

Paletti giuridici

L’ipotesi referendum si allontana dunque, essenzialmente per motivi giuridici. Da un lato perché quanto approvato dal legislativo l’anno scorso è considerato valido e i relativi tempi per impugnarlo sono scaduti ormai da tempo e dall’altro perché un tema non può proprio essere oggetto di referendum. Ricordiamo: a febbraio 2021 il Cc ha approvato un messaggio concernente il Piano di finanziamento del nuovo Piano generale di smaltimento delle acque (Pgs), che comprende anche l’autorizzazione al prelievo dei contributi Lalia nella misura del 70% (i 117 milioni). Contributi dovuti per legge e proprio per questo sostenuti dall’allora capodicastero Finanze Michele Foletti e in generale dall’intero Municipio. Semaforo verde tuttavia solo da una risicata maggioranza – contrari Lega, Udc e maggioranza del Plr –, inferiore alla maggioranza qualificata, ossia 31 consiglieri comunali su 60. Quest’aspetto ha portato, erroneamente, Municipio e Cc a ritenere che il messaggio andasse ritenuto bocciato. Tre settimane fa la sorpresa: il Consiglio di Stato, accogliendo in larga misura un ricorso del consigliere comunale Raoul Ghisletta (Ps), ha spiegato che la maggioranza qualificata non ci voleva. Eccezion fatta per i due temi sui quali si tornerà a votare.

Il credito verrà inserito nel messaggio bis

Oggi legislativo ed esecutivo sono cambiati. Non si sa se quest’ultimo sia ancora favorevole all’unanimità al prelievo di questi contributi: due dei nuovi municipali – Karin Valenzano Rossi e Tiziano Galeazzi – erano fra i contrari quando sedevano ancora in Cc. Di certo c’è che Foletti, oggi sindaco, rimane favorevole proprio perché si tratta di prelievi dovuti per legge. «L’abrogazione delle risoluzioni dei precedenti Comuni non è ‘referendabile’, perché decisioni del genere di sé non lo sono – ci ha spiegato –. Lo è invece la richiesta di credito per i nuovi software». Un credito che tuttavia rientra nelle competenze del Municipio, e che pertanto non necessiterebbe di passare dal legislativo. «Vero, ma abbiamo deciso di inserirlo per una questione di trasparenza, di modo da lasciare aperta la porta a chi desidera eventualmente lanciare un referendum su questo credito minore. Il messaggio è già pronto, stiamo attendendo che cresca in giudicato la decisione del Consiglio di Stato».

Ma in Cc la posizione leghista non cambia

Il sindaco si è informato con i servizi giuridici della Città perché durante un’interpartitica all’indomani della sentenza governativa un partito ha chiesto informazioni riguardo alla ‘referendabilità’ del messaggio: la Lega, supportata dalle dichiarazioni apparse sul giornale di partito. Alla luce di queste delucidazioni, che dice il movimento? «In realtà era solo una domanda – puntualizza Bernasconi –. Non ne abbiamo ancora parlato in gruppo. A titolo personale, posso dire che a livello politico avrebbe avuto senso fare il referendum sui 117 milioni di contributi, meno su tecnicismi poco comprensibili o un credito di poco conto. Faremo le nostre valutazioni quando uscirà il messaggio, ma dubito che in Cc cambieremo posizione». La partita torna quindi nel legislativo, perché affinché passi il messaggio ci vorrà, stavolta sì, la maggioranza qualificata. E se la Lega dovesse restare contraria, così come l’Udc che ha annunciato l’intenzione di attivarsi a livello cantonale per modificare l’applicazione della legge, a far la differenza stavolta potrebbero essere i liberali-radicali, che con il loro sostegno potrebbero porre la parola fine su un pasticcio che dura da più di un anno. Referendum sul credito da 126’000 franchi permettendo.

Leggi anche:

Lugano: aria di referendum sui contributi Lalia

Contributi Lalia a Lugano, Lega (e Udc?) contro Foletti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved