ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 min

Yurii Colombo e la situazione politico-sociale in Russia

Il Comitato contro la guerra in Ucraina mercoledì 26 ottobre alla Casa del popolo di Bellinzona organizza una conferenza-dibattito
Luganese
7 min

Le aziende non scelgono Lugano solo per la banda larga

A interessare, spiega il Municipio rispondendo a un’interrogazione, sono fattori come il quadro fiscale, la posizione e l’offerta di collegamenti
Locarnese
18 min

Si cerca il miglior ratafià di noci del canton Ticino

L’evento è promosso dall’associazione Girasole Benefico e i proventi andranno in beneficenza, nello specifico alla Lega ticinese contro il cancro
Locarnese
42 min

Obesità infantile, serata di sensibilizzazione per i genitori

La propone il Centro Oto-logopedico dell’Istituto Sant’Eugenio il 13 ottobre alle 19.45 in Via al Sasso 1. Posti limitati, iscrizioni entro il 12 ottobre
Mendrisiotto
46 min

Riva San Vitale sensibilizza sul risparmio energetico

Il Municipio non rinuncerà a organizzare, nei mesi di novembre e dicembre, alcuni eventi tradizionali
Luganese
53 min

Nell’hangar di Agno ‘non c’è presenza di amianto’

Lo spiega il Municipio di Lugano, interrogato da Sara Beretta-Piccoli. La struttura è stata oggetto di perizia nel 2014.
Locarnese
53 min

Pranzo e tombola Atte ogni giovedì

Proseguono gli appuntamenti proposti dall’Associazione ticinese terza età, che propone anche gite e corsi di interesse vario per le persone in Avs
Locarnese
58 min

Fescta di castegn in quel di Vairano

Domenica 9 ottobre il bar sarà in funzione dalle 11. Alle 12.15 maccheronata e dalle 13.30 castagne, vermicelles e dolci fatti in casa
Locarnese
1 ora

Visita alla scoperta della Collezione Ghisla

Un tour condotto dal proprietario in persona è in programma domenica 9 ottobre, alle 16. Visitabile la mostra temporanea d’autunno di Andrea Mariconti
Locarnese
1 ora

Moghegno, castagne... a tutta birra

Sabato 8 ottobre verrà presentata, alle 11.30, la “Bira di Baröi”. Da mezzogiorno grigliata, musica con i Trii Bütt, giochi in piazza e tanto altro
Locarnese
1 ora

Castagnata con la Pro Minusio in zona Rivapiana-Portigon

Le caldarroste saranno distribuite dalle 15 e ad allietare la manifestazione (che sarà annullata in caso di cattivo tempo) vi sarà un gruppo musicale.
Locarnese
1 ora

Essere adolescenti nell’epoca della fragilità adulta

La clinica Santa Croce di Orselina propone una conferenza sul tema giovedì 13 ottobre dalle 18 nella Sala dei congressi di Muralto
Locarnese
1 ora

‘Ascona è un Comune ricco, abbassiamo il moltiplicatore’

Lo chiede, per andare incontro ai cittadini già confrontati con crisi energetica e aumento dei premi delle casse malati, il gruppo Lega/Udc/Indipendenti
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, la Giornata internazionale della salute mentale

In vista del 10 ottobre, arriva la presa di posizione congiunta di Supsi, Osc, Pro Mente Sana e Club ’74
Ticino
1 ora

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Mendrisiotto
2 ore

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
3 ore

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
4 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
laR
 
07.03.2022 - 05:30

Anarchia tra i cassonetti: ‘Il cittadino va educato’

Raccoglitori che scoppiano, rifiuti abbandonati: cosa fa (e cosa vorrebbe fare) il Municipio di Massagno

anarchia-tra-i-cassonetti-il-cittadino-va-educato

Non è un problema solo di Massagno, bisogna dire, ma i cassonetti per lo smaltimento della carta spesso intasati, o quasi, rifiuti abbandonati impropriamente, anche nei paraggi degli ecopunti o all’interno degli stessi, o ancora in mezzo agli ‘ingombranti’ danno adito a qualche rimostranza. A quattro anni dall’introduzione della tassa sul sacco, il sistema della raccolta differenziata – ne è logico completamento – patisce ancora croniche défaillances. Un anno fa il locale gruppo leghista chiese al Municipio di Massagno di risolvere una situazione giudicata ‘indecorosa’. La situazione nel frattempo pare un po’ migliorata, ma permangono condizioni insoddisfacenti, per così dire.

Scatole che rompono

Qual è il problema? Lo chiediamo al municipale responsabile Adriano Venuti, capodicastero della ‘Transizione ecologica’. «Certo, conosco la situazione. La tassa causale sul sacco, obbligatoria in tutti i Comuni, ha un po’ agitato le persone che temevano di perderci dei soldi. I raccoglitori di carta e vetro sono ben distribuiti in tutto il paese (ce ne sono 13, ndr) ma quelli della carta spesso sono pieni per diversi motivi. Uno è che sovente chi butta via una scatola di cartone non la piega, così basta poco per riempire il cassonetto. Un’altra cosa che abbiamo constatato è che per risparmiare sul sacco, alcune persone buttano di tutto nel cassonetto della carta. Succede in particolare con la plastica: c’è chi era abituato a buttarla nella grossa benna a Ciusarella (l’ecocentro di Massagno, ndr) cosa che in realtà non andava bene, dal momento che poi finiva tutto nell’inceneritore, mentre possibilmente la plastica andrebbe separata e riciclata, per esempio riconsegnandola nei negozi o messa negli appositi sacchetti che da circa un anno sono disponibili anche a Massagno. Lo stesso vale per i flaconi dei detersivi, che pure sono parecchio ingombranti. Quindi sì, è vero, capita che i contenitori della carta siano stracolmi, ma è perché non vengono usati nel modo giusto. Noi li svuotiamo almeno una volta alla settimana, tramite la ditta incaricata, in più gli operai del comune si occupano di raccogliere ciò che viene abbandonato fuori dai cassonetti. Però sì, è una situazione che spesso ci viene segnalata. Ad esempio in via Guisan nel cassonetto della carta e anche a fianco dello stesso viene lasciato di tutto. È chiaro che si può sempre fare di meglio, aumentare i cassonetti, però resta un problema di utilizzo. Stiamo facendo delle valutazioni su cosa sia meglio fare, pure se occorra aumentare i giri degli ingombranti, o se mettere cassonetti interrati al posto della raccolta porta aperta, ma in ogni caso non sono cose che verrebbero introdotte domani. Stiamo valutando anche come sensibilizzare la popolazione riguardo a cosa e dove buttare il rifiuto, perché se il cassonetto della carta è pieno di plastica, l’azienda che fa la raccolta ci carica dei costi, supplementari, ed è il cittadino che alla fine li paga, quindi avremmo tutto l’interesse a gestire bene la separazione. A proposito, di recente anche Massagno ha aderito all’applicazione Junker, attraverso la quale il cittadino, facendo la scansione del codice a barre col telefonino, sa dove smaltire il prodotto. Sempre con questa app è possibile segnalare disagi all’amministrazione, cassonetti pieni o situazioni di disordine. La hanno scaricata circa 200 persone». Colpiti da una certa ‘anarchia’, si è visto, anche i rifiuti ingombranti. «L’ultima volta che li abbiamo raccolti, abbiamo trovato molta carta, pet, e tutto ciò genera dei costi che vanno oltre quelli correnti. Il pet, ricordo, si può portare nei negozi dove questi prodotti vengono comprati, o al centro di Ciusarella. Su quello che riusciamo a separare il Comune ha un ritorno economico dall’azienda che lo raccoglie, ma se questo materiale viene ‘sporcato’ da altri prodotti che non c’entrano niente, questo ritorno non c’è, mentre il lavoro di raccolta va pagato lo stesso», osserva Venuti.

I sacchi pesano

In teoria questo sforzo di separazione e riciclaggio dovrebbe abbassare l’esborso per il cittadino. Funziona così? «Il prezzo del sacco viene stabilito dal Cantone, in base ai costi dell’inceneritore di Giubiasco. Quando Massagno porta le sue camionate di rifiuti all’inceneritore, la spazzatura viene pesata e fatta pagare al Comune. E qui bisogna dire che la vendita del sacchetto dovrebbe coprire, ad esempio nel caso di quello da 35 litri, il costo di cinque chili portati a Giubiasco, mentre constatiamo che i sacchetti vengono riempiti di più, fino a sei, anche otto chili l’uno. Per cui non riusciamo a coprire i costi dello smaltimento. Succede a tutti i Comuni, tranne a quelli dove viene pesato e pagato di conseguenza ogni singolo sacchetto, che è peraltro un sistema abbastanza costoso», risponde Venuti. Resta la tassa fissa. «Il Cantone impone che i costi di smaltimento dei rifiuti vadano coperti al 100% da tassa fissa e tassa causale. Abbiamo fatto un nuovo concorso per la raccolta dei rifiuti urbani e ingombranti, e per lo svuotamento delle benne di Ciusarella, e siamo riusciti a ottenere prezzi più bassi rispetto a prima: questo aiuta, ma un ragionamento sulla tassa fissa lo dovremo fare nei prossimi giorni», annuncia il capodicastero.

Bioggio, una modifica approvata, l’altra bocciata

Il legislativo di Bioggio ha approvato alcune modifiche del regolamento sulla gestione dei rifiuti. Tuttavia, la Sezione degli enti locali (Sel) non ha approvato l’esenzione dalla tassa base a favore di un’azienda agricola, perché ritenuta non giustificata. La bocciatura riguarda l’articolo 22 ed è basata sul preavviso negativo allestito dalla Sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo (Spaas). La seconda modifica del regolamento (articolo 18) è invece stata accolta dalla Sel, malgrado la Spass abbia formulato preavviso negativo. Nello specifico, non è stato ritenuto conforme ai principi della parità di trattamento, l’assoggettamento alla tassa base per le società bucalettere visto che la tassa base viene già versata dallo studio fiduciario a cui essa si appoggia. La Sel, però, ha approvato la modifica richiamando il Comune sull’obbligo di consultare il Sorvegliante dei prezzi in merito ai regolamenti sulla gestione dei rifiuti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved