ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 min

Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla

Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
11 min

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
28 min

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
35 min

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
41 min

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
1 ora

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
3 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
3 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
3 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
4 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
4 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
4 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
4 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
Ticino
4 ore

Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale

La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13.30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
01.03.2022 - 19:23
Aggiornamento: 19:38

Manno, un orto condiviso dove germoglia anche la cultura

È nata da poco l’associazione OrtoCultura, che sta raccogliendo le adesioni tra la popolazione. ‘Vogliamo creare una grande condivisione’

manno-un-orto-condiviso-dove-germoglia-anche-la-cultura
Ti-Press
Un’offerta che piace sempre di più

Marco Tullio Cicerone lo aveva capito già diversi secoli fa: "Se avrai un orto vicino a una biblioteca, niente altro ti occorrerà". Un pensiero che ha fatto breccia anche nel comune di Manno, dove un gruppo di cittadini, con il supporto del Municipio e di MannoRossoVerde, ha dato il via la scorsa estate a un progetto di ‘orti culturali’. «A inizio anno è stata creata l’associazione OrtoCultura, che farà da tramite tra la cittadinanza e le autorità per trovare la soluzione migliore su dove realizzare gli orti culturali», spiega Lorenzo Patocchi, tra i promotori dell’iniziativa. Non è ancora stato stabilito dove troveranno posto gli orti sul territorio comunale, anche se alcune idee sono già sul tavolo. La prima è di posizionarli sul piano, vicino ai palazzi che occupano parte del territorio comunale, l’altra nei pressi del nucleo. «In questo momento ci stiamo comunque occupando principalmente di raccogliere le adesioni tra la popolazione, per capire quale sia il reale interesse nei confronti di questa iniziativa, e di definire il regolamento con le autorità. Verso la metà del mese faremo la richiesta ufficiale e speriamo di partire con le attività a maggio». L’offerta non si rivolge però solo ai cittadini di Manno. «Alla base c’è la volontà di creare un luogo d’incontro intergenerazionale. Dove si possa parlare di coltivazione ma non solo. Un’alternativa a bar e altri ritrovi canonici diffusi sul territorio». Gli interessati ad aderire al progetto si possono annunciare sul sito: www.ortocultura.org.

‘Lo strumento principale è la condivisione’

«L’idea girava già da un po’, visto che sul territorio cantonale sono presenti delle offerte simili. La proposta è stata presentata al Municipio lo scorso anno sotto forma d’interrogazione e poi si è voluto andare oltre con la creazione dell’associazione», spiega a ‘laRegione’ Patocchi. La novità del progetto di Manno, o comunque l’elemento sul quale si vuole puntare, è la componente sociale che questo genere d’iniziativa permette di sviluppare. Gli interessati riceveranno in affitto, il prezzo non è ancora stato stabilito, un pezzo di terreno da coltivare. Le dimensioni degli spazi messi a disposizione dal Municipio varieranno fra i 30 e i 15 metri quadrati. Il Comune prenderà a carico anche la preparazione delle infrastrutture. La gestione degli orti, riguardo ai quali viene privilegiata una coltivazione eco-sostenibile e rispettosa della natura, sarà invece compito dell’associazione. «Teniamo molto all’aspetto della condivisione. Non sono infatti previste delle casette singole dove deporre gli attrezzi, ma un luogo comune che permetta di entrare in contatto con gli altri coltivatori scambiando così opinioni o semplicemente quattro chiacchiere. Anche gli utensili che vengono utilizzati quotidianamente per curare ortaggi ed erbacce saranno condivisi tra chi sceglierà di aderire al progetto», sottolinea Patocchi. Per aumentare al massimo l’aspetto della condivisione si è inoltre scelto di rendere possibile l’adesione al progetto anche da parte di cittadini che già dispongono di un orto privato al proprio domicilio o che non risiedono a Manno. «L’iniziativa si rivolge a tutta la regione e anche alle associazioni presenti sul territorio».

‘Un percorso anche di formazione’

A questo si aggiunge la volontà di creare degli spazi formativi con le scuole. Sensibilizzare i giovani alla tematica ambientale è infatti un aspetto che nella nostra società viene considerato sempre più d’importanza nella formazione dei ragazzi. «Con le scuole vorremmo attivare dei progetti, che si diversificano per le varie fasce d’età e che possono portare un valore aggiunto. Si può pensare ad esempio alla realizzazione di un orticello per gli allievi delle scuole elementari, come già si sta facendo in alcuni istituti». Ma non solo, l’associazione intende rivolgersi anche a giovani che hanno un interesse nell’ambito. «Qui potranno trovare degli spazi dove ottenere un terreno e sperimentare», afferma il nostro interlocutore.

‘Scambi con la biblioteca’

"Oltre che luogo di coltivazione, OrtoCultura vuole diventare anche uno spazio d’incontro, di socializzazione, di nuove scoperte e di crescita culturale. Un luogo accogliente e rivolto a tutti; persone di ogni dove, giovani in formazione, futuri coltivatori, viandanti occasionali e amici affezionati", si legge sul sito dell’associazione. Proprio per questo motivo si vuole mettere in cantiere una collaborazione con la biblioteca del paese, proponendo delle letture tematiche e degli scambi di opinione. L’intenzione dei promotori è anche quella di organizzare degli incontri, magari a cadenza regolare, tra i membri e gli interessati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved