collisione-fra-vagoni-a-maroggia-quattro-feriti
Rescue Media
+1
16.02.2022 - 08:02
Aggiornamento: 19:46

Collisione fra vagoni a Maroggia, quattro feriti

L’incidente è avvenuto intorno alle 00.30 di notte. Le persone coinvolte sono state sbalzate fuori dal convoglio. ‘Sono eventi rari fortunatamente’

È stata una nottata turbolenta quella di ieri alla stazione Ffs di Maroggia. Poco dopo la mezzanotte è infatti avvenuto un incidente ferroviario che ha provocato quattro feriti leggeri tra gli operai presenti sul posto. Un locomotore di proprietà di una ditta privata, con alla guida un 38enne cittadino svizzero domiciliato nel Bellinzonese, si è avviato a velocità ridotta in direzione nord. Durante la sua corsa ha urtato un convoglio di vagoni fermo sulla linea. L’impatto provocato dalla collisione dei due mezzi ha causato la caduta di un collaboratore del macchinista e di tre operai che si trovavano in quel momento sul convoglio. Si tratta di un 40enne cittadino svizzero domiciliato in Riviera, un 54enne e un 42enne cittadini portoghesi e un 39enne cittadino italiano domiciliati in Svizzera interna. Il macchinista non ha invece riportato ferite.

‘Eventi che capitano raramente’

Sul posto sono giunti immediatamente, oltre alla Polizia cantonale e alla Polizia Città di Mendrisio, i soccorritori del 144 che hanno provveduto a trasportare i feriti al Pronto soccorso per le cure necessarie. «Fortunatamente nessuno ha riportato ferite gravi», spiega a ‘laRegione’ il portavoce delle Ffs Patrick Walser. «Il traffico ferroviario è rimasto bloccato per circa due ore. Se fosse capitato verso le 5 del mattino, quando comincia il transito pendolare, sicuramente avremmo avuto dei disagi molto maggiori». Gli incidenti come quello dell’altra sera sono comunque piuttosto rari. «Capita poche volte di avere incidenti del genere. Il traffico merci è gestito prevalentemente di notte per evitare di sovrapporsi a quello dei viaggiatori».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ambulanza incidente ferroviario melano polizia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved