ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 min

Visita alla scoperta della Collezione Ghisla

Un tour condotto dal proprietario in persona è in programma domenica 9 ottobre, alle 16. Visitabile la mostra temporanea d’autunno di Andrea Mariconti
Locarnese
7 min

Moghegno, castagne... a tutta birra

Sabato 8 ottobre verrà presentata, alle 11.30, la “Bira di Baröi”. Da mezzogiorno grigliata, musica con i Trii Bütt, giochi in piazza e tanto altro
Locarnese
15 min

Castagnata con la Pro Minusio in zona Rivapiana-Portigon

Le caldarroste saranno distribuite dalle 15 e ad allietare la manifestazione (che sarà annullata in caso di cattivo tempo) vi sarà un gruppo musicale.
Locarnese
22 min

Essere adolescenti nell’epoca della fragilità adulta

La clinica Santa Croce di Orselina propone una conferenza sul tema giovedì 13 ottobre dalle 18 nella Sala dei congressi di Muralto
Locarnese
37 min

‘Ascona è un Comune ricco, abbassiamo il moltiplicatore’

Lo chiede, per andare incontro ai cittadini già confrontati con crisi energetica e aumento dei premi delle casse malati, il gruppo Lega/Udc/Indipendenti
Mendrisiotto
48 min

Mendrisio, la Giornata internazionale della salute mentale

In vista del 10 ottobre, arriva la presa di posizione congiunta di Supsi, Osc, Pro Mente Sana e Club ’74
Ticino
52 min

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Mendrisiotto
1 ora

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
3 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
3 ore

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
3 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
3 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
Mendrisiotto
3 ore

Risparmio energetico, ‘come si sta organizzando Mendrisio?’

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) interroga il Municipio e lamenta il ritardo nell’annunciare le misure
Luganese
4 ore

Lugano, si misurano pressione e glicemia

Il controllo, gratuito, è organizzato dalla sezione del Sottoceneri della Croce Rossa Svizzera
Luganese
4 ore

Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario

La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
4 ore

‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’

Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
15.02.2022 - 23:01

Una visione e nove costellazioni per Lugano, orizzonte 2050

Il Piano direttore comunale propone una nuova lettura del vasto territorio e fissa gli obiettivi da tradurre in progetti concreti

una-visione-e-nove-costellazioni-per-lugano-orizzonte-2050
Veduta della città dalle pendici del San Salvatore (Ti-Press)

Un territorio lungo decine di chilometri da rigenerare, che è ripartito in nove sottogruppi definiti costellazioni, con l’orizzonte verso il 2050. È questa, in estrema sintesi, una delle proposte del team guidato dallo Studio di Paola Viganò, vincitore del concorso pubblico per la realizzazione del Piano direttore comunale (Pdcom). La prima conferenza pubblica del ciclo ‘Una visione per Lugano’, dedicata alle quattro immagini per la città progettate dal team, è andata in scena stasera al Lac. L’immagine, che fotografa la città come un insieme di villaggi di quartieri, ha suscitato interesse e parecchia partecipazione da parte del pubblico. La visione delle nove costellazioni, (quasi tutte) attorno al fiume Cassarate a far da collante, è stata illustrata dagli architetti Paola Viganò e Giovanni Guscetti, mentre la conferenza è stata moderata dall’architetto Ludovica Molo, direttrice dell’Istituto internazionale di architettura.

Città come insieme di villaggi e quartieri

Lugano, come un insieme di villaggi e di quartieri, vuole e deve dotarsi di un piano strategico, dopo le tre fasi aggregative che, dal 2004 al 2013, hanno allargato di molto di suoi confini e quasi triplicato la sua popolazione. La città intende consolidare la propria identità valorizzando le risorse presenti nel suo vasto territorio. Il sociologo Sandro Cattacin, membro della giuria che ha scelto il team guidato da Paola Viganò, ha spiegato perché l’idea delle costellazioni ha convinto: la suddivisione in luoghi con questioni aperte simili, propone l’inizio di una riflessione ed è accompagnata da forme di partecipazione volte ad aumentare il coinvolgimento della popolazione che vive nel territorio, per trovare soluzioni insieme. Le problematiche sono rappresentate dalle carenze nei servizi, nel trasporto pubblico, nel commercio di prossimità, in una parola, nella qualità di vita. Tutti temi sul tavolo con la prospettiva di rigenerare, ha osservato l’architetta Viganò, dove è possibile, ciò che è stato costruito, soprattutto nei popolosi quartieri periferici di Lugano, e reinvestire e ripensare i luoghi.

Per una migliore gestione del territorio

Le nove costellazioni sono: Val Colla, I Ronchi, Costa sinistra, Piana, Monte Brè, Lugano a lago, Monte San Salvatore, Pian Scairolo e Città alta. La decima è il lago, ha aggiunto l’architetta Viganò. Questa ripartizione ha suddiviso il territorio e si pone in una scala intermedia tra i 21 ex Comuni (oggi quartieri), la parte urbana e la periferia. Una ripartizione che vuol essere funzionale a una migliore organizzazione del territorio e dei suoi progetti e ha l’ambizione di rappresentare un elemento che rafforza l’identità di chi vive a Lugano. Questa lettura, attenta alle singole peculiarità, è da considerare come uno strumento per disegnare un Piano direttore comunale (Pdcom), un passo necessario che dovrà portare all’armonizzazione dei 21 piani regolatori ancora vigenti, attraverso una logica partecipativa. Il Pdcom fissa gli obiettivi da tradurre in progetti concreti. Nell’attesa della traduzione nella realtà, il documento deve mantenere una visione resiliente ed essere in grado di recepire e assorbire i processi di trasformazione in atto. Come la forte migrazione interna alla città, nella quale, ogni anno poco meno di un terzo della popolazione cambia casa.

Valorizzare le specificità regionali

L’ingegnere François Parvex ha invece illustrato come sono state risolte situazioni simili a quella che sta vivendo Lugano in alcune regioni della svizzera Romanda. Ha parlato di geometria variabile, di come si potrebbero limitare le tensioni fra le diverse parti di un vasto territorio nato da un’aggregazione fra Comuni, attraverso uno sviluppo coerente e con strategie integrate per le zone rurali e quelle urbane. I sistemi di cui ha parlato Parvex sono stati apprezzati dal sindaco di Lugano Michele Foletti, perché i vari approcci valorizzano le specificità regionali e non sono troppo rigidi, paiono invece strumenti flessibili che restano interconnessi e sembrano capaci di consentire a tutte le parti di esprimersi al massimo. Difficile immaginare una regola unica che valga sia per il centro città che per un quartiere di montagna. D‘altra parte, ha sottolineato il sindaco, le nove costellazioni assomigliano molto ai cinque petali che suddividono i comprensori scolastici di Lugano. Foletti ha inoltre annunciato di aver già presentato la visione del Pdcom alle commissioni di quartiere e che una sintesi, attraverso anche il coinvolgimento della popolazione, dovrebbe giungere entro la fine dell’anno.Tra le questioni che si preannunciano ’calde’, ci sono quelle relative al trasporto pubblico e soprattutto ai limiti da porre a quello privato.

’Il Pdcom non può bloccare tutto’

Dal pubblico, sono giunte diverse sollecitazioni, sia sotto forma di domanda, che come osservazione o suggerimento. Tra queste, la problematica relativa alle pianificazioni ormai in vigore da decenni che rischiano di sconvolgere il lavoro del Pdcom, prima che quest’ultimo riesca a essere recepito nelle normative. Dal canto suo, Giorgio Zuercher, presidente dell’Associazione cittadini per il territorio di Viganello, ha sollevato alcune criticità concernenti il sedime ex Ptt di Viganello. Tuttavia, la città non può fermare l’edilizia fino a quando il documento non sarà approvato, ha obiettato il sindaco, che ha riconosciuto alcuni errori e che alcuni progetti sono oramai superati. Che tipo di sviluppo economico si vuole per il centro città e per il resto del territorio? Bisognerà trovare risposte anche a questa domanda, ha detto l’ex consigliere di Stato Pietro Martinelli, secondo cui occorre avere chiarezza su questo aspetto. Il Pdcom è un documento strategico ha risposto Foletti.

La prossima conferenza verterà sul paesaggio di Lugano e sulle condizioni favorevoli già presenti sul territorio per agevolare quella transizione ecologica, sociale ed economica auspicata dalla visione del team guidato da Paolo Viganò.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved