porto-galleggiante-contestato-a-melide
L’area dove è previsto il porto comunale galleggiante
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Lugano, Schönenberger? ‘Un incidente di percorso’

Cristina Zanini Barzaghi replica alle critiche: ’Il nostro obiettivo è di agire a favore delle persone più sfavorite, del ceto medio e dell’ambiente’
Mendrisiotto
10 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
10 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
11 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
11 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
11 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
11 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
11 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
12 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
12 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
12 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
12 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
28.01.2022 - 09:30
Aggiornamento : 16:22

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021

È stato lanciato da un gruppo di cittadini di Melide un referendum contro la variante di Piano regolatore, votata da un’ampia maggioranza nell’ultima seduta di Consiglio comunale del 2021, che prevede la possibilità di creare un porto galleggiante, con una capacità fino a 120 posti barca, nella zona presso il ponte diga, adiacente all’attracco dei battelli. L’obiettivo dei promotori della raccolta di firme (ne servono fra le 145 e le 150), è dare l’ultima parola alla popolazione, alla luce di un certo malcontento emerso nella cittadinanza e nel legislativo (delle tre commissioni che hanno esaminato il messaggio sono stati allestiti altrettanti rapporti di minoranza contrari). Si contesta al Municipio di non aver organizzato una serata pubblica sull’argomento, dove cittadini e proprietari attuali di natanti avrebbero potuto esprimersi, chiedere spiegazioni e porre domande, perché le informazioni fornite dall’autorità sono giudicate insufficienti e non chiare. Anche se l’esecutivo ha provveduto a pubblicare sul Foglio ufficiale il 4 dicembre 2020, all’albo comunale e sui quotidiani l’avviso del deposito alla Cancelleria comunale degli atti della variante e dell’esame preliminare del Dipartimento del territorio, per il periodo dall’11 dicembre 2020 al 25 gennaio 2021.

‘Ce n’è davvero bisogno?’

Il progetto definitivo non c’è ancora, tuttavia i promotori della raccolta di firme chiedono se c’è davvero bisogno di un nuovo porto e considerano la variante pianificatoria “sproporzionata, non adeguata alla fruizione, di un notevole impatto paesaggistico e ambientale con il pericolo di alterare ulteriormente il delicato equilibrio del lago già provato da inquinamenti e microplastiche”. Nel messaggio votato dal legislativo ci sono però alcune proposte, l’ultima delle quali prevede appunto 120 attracchi galleggianti (118 che costerebbero 1,32 milioni di franchi), dopo che l’esame preliminare del Cantone ha ridimensionato l’ipotesi di dieci posti barca. In una prima fase, ne verrebbero realizzati 80, un numero che i referendisti giudicano eccessivo: bisognerebbe capire il reale fabbisogno e trovare delle eventuali soluzioni di ampliamento di quelli esistenti, evitando di costruire un nuovo porto ‘calato dall’alto’: non spetta a Melide, costruirne uno regionale. I contrari ritengono inoltre che, per il già fragile equilibrio ambientale del paese, già messo a dura prova negli ultimi decenni, sarebbe auspicabile trovare una soluzione equilibrata attraverso un concorso di idee. Dal punto di vista paesaggistico e ambientale, secondo i referendisti, nella zona ci sono venti forti e l’attracco dei battelli è troppo vicino. Nel messaggio municipale, invece, il nuovo porto comunale si inserisce in corrispondenza della tratta terminale della passeggiata a lago, con un impatto paesaggistico ridotto rispetto a quello che si riscontrerebbe nell’area di Baia Sardinia o nell’area dal parco ex-Romantica.

‘Soddisfa il Cantone sul riordino delle rive lago’

Dal canto suo, il Municipio, come si può leggere nel messaggio, “dopo attente analisi e approfondimenti, ha deciso di proporre la realizzazione di un nuovo porto comunale galleggiante (nel demanio cantonale), di fronte a quello esistente sulla riva William Ritter. Secondo l’esecutivo, la “nuova struttura permetterà di soddisfare gli obiettivi cantonali di riordino delle rive lago, dando nello stesso tempo al Comune la possibilità di ridefinire, sistemare e ammodernare l’attuale porto pubblico”. L’opera si giustifica con il fatto che le strutture del porto in località “alla Bola” sono vetuste e non più adeguate. I possessori di barche sono inoltre confrontati “con una problematica del fondale causata dall’importante presenza di alghe e di melma che rende difficoltoso l’attracco”, si legge ancora nel messaggio. Inoltre, l’autorità comunale ha ricevuto la richiesta, da parte del Cantone, di spostare o eliminare tutta una serie “di infrastrutture di ormeggio puntali e singole, nell’ottica degli obiettivi di valorizzazione e riqualificazione delle rive lago promossi nel Piano direttore cantonale”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
melide porto galleggiante
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved