via-nassa-benedetto-antonini-un-intervento-osceno
Facciate rinnovate, con il benestare della commissione nucleo ma con un ricorso tuttora pendente
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
50 min

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
50 min

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
50 min

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
7 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
7 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
11 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
11 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
11 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
12 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
12 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
12 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
12 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
20.01.2022 - 18:13
Aggiornamento : 18:41

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto

Fa discutere l’intervento effettuato al numero civico 54 di via Nassa a Lugano. Nonostante i vincoli di protezione, il proprietario è riuscito a ottenere una licenza edilizia per effettuare lavori all’interno degli edifici e ha ottenuto il permesso di posare ampie vetrate che non sarebbero in sintonia con le altre facciate della via del centro storico di Lugano. Tutto ciò, con un ricorso tuttora pendente al Tribunale amministrativo cantonale (Tram). A prendere una posizione critica è Benedetto Antonini, vicepresidente della Società ticinese per l’arte e la natura (Stan): «Il risultato degli interventi è osceno e non ha più nulla a che vedere con gli edifici adiacenti. Oltretutto, mi chiedo quale sia il senso di posare delle vetrine al primo piano di uno dei due stabili: i passanti non possono nemmeno guardarci dentro, queste grandi finestroni davvero non servono a nulla. Non capisco come abbia potuto ottenere la licenza edilizia un intervento del genere. Eppure, la Città di Lugano e il Cantone dovrebbero essere vincolati al rispetto delle direttive dell’Isos (l’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale). Poi, la via Nassa di Lugano è una zona protetta anche dalle Norme di attuazione del Piano regolatore (Napr), davvero non trovo spiegazioni». Dal canto suo, la commissione nucleo di Lugano, è intervenuta dando il proprio benestare sia il primo progetto che alla variante riduttiva successiva, con tanto di sopralluoghi e in sintonia con l’Ufficio della natura e paesaggio.

Le direttive Isos diventano obbligatorie

Nel frattempo, restando sul tema dei beni culturali, è emerso che la Cassa pensioni di Lugano ha ceduto gli stabili del rione Madonnetta a Molino Nuovo, dove abitano circa ottanta famiglie, alla fondazione d’investimento Patrimonium di Baar, una società che promuove progetti immobiliari. Come messo in evidenza dal ‘Quotidiano’, il rione rappresenta un raro esempio ticinese di edilizia popolare degli anni Cinquanta e per questa ragione, la zona è vincolata e salvaguardata. Ora la fondazione d’investimento intende valorizzare l’intero comparto e assicura che gli stabili non verranno demoliti: “D’intesa con la Cassa Pensioni di Lugano, ora azionista della Fondazione, e in piena conoscenza delle qualità del quartiere Rione Madonnetta, stiamo valutando un progetto di valorizzazione e costruzione nell’ambito del quartiere che si basa su uno studio preliminare che permette di mantenere gli immobili esistenti”, si legge sul sito della Rsi. Probabilmente, non poteva essere altrimenti, visto che nella seduta dello scorso novembre, il Consiglio comunale di Lugano ha accolto parzialmente la mozione sui beni culturali (primo firmatario Nicola Schoenenberger dei Verdi). La risoluzione adottata dal legislativo impone al Municipio di definire quali parti del territorio della nuova Lugano siano meritevoli di tutela e di pubblicare le relative Zone di pianificazione. Non solo. Da qualche mese, tramite il voto del Consiglio comunale, i contenuti dell’inventario Isos devono essere integrati negli atti pianificatori in vigore, nelle relative Napr e nel /Regolamento edilizio che devono essere adeguati alle tutele incluse nelle direttive dell’Isos.

Un architetto e la commissione urbanistica

Sempre a proposito dello stesso argomento, nella seduta odierna, il Municipio di Lugano ha licenziato all’attenzione del Consiglio comunale il messaggio relativo alla proposta di alcune modifiche del Regolamento comunale in materia di commissioni di nomina municipale. Obiettivo della revisione è dotare di una base legale la nuova Commissione urbanistica che sostituirà l’attuale Commissione nuclei. L’intento è quello di disporre, come avviene già in molte città svizzere, di una commissione consultiva che esprima pareri su progetti e pianificazioni rilevanti per l’immagine e la qualità architettonica e urbanistica della città. In secondo luogo, si è constatato il limite operativo della Commissione nuclei, dovuto in particolare alle aggregazioni. Infatti, tutte le commissioni degli ex comuni sono confluite in quella di Lugano, che ha ereditato una situazione complessa, eterogenea e bisognosa di essere uniformata. Insomma, è emersa la volontà di rafforzare l’Amministrazione comunale e le competenze in materia di patrimonio culturale e architettonico. A tale scopo, recentemente e il Municipio ha pertanto aperto un concorso pubblico per l’assunzione di un architetto. L’obiettivo è quello di costituire una rete di competenze ancora più integrata ed efficace all’interno dell’amministrazione cittadina, alla quale il lavoro di certo non manca.

Leggi anche:

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
benedetto antonini beni culturali direttive isos lugano stan via nassa
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved