ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
11 ore

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
12 ore

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
12 ore

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
12 ore

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
12 ore

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
13 ore

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
13 ore

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
13 ore

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
13 ore

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
14 ore

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
14 ore

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Mendrisiotto
14 ore

Alla scoperta dello scomparso oceano ticinese

Un viaggio artistico in esposizione allo Spazio Arte dello Swiss Logistics Center di Chiasso, alla scoperta dell’oceano preistorico Tetide
20.01.2022 - 18:13
Aggiornamento: 18:41

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto

via-nassa-benedetto-antonini-un-intervento-osceno
Facciate rinnovate, con il benestare della commissione nucleo ma con un ricorso tuttora pendente

Fa discutere l’intervento effettuato al numero civico 54 di via Nassa a Lugano. Nonostante i vincoli di protezione, il proprietario è riuscito a ottenere una licenza edilizia per effettuare lavori all’interno degli edifici e ha ottenuto il permesso di posare ampie vetrate che non sarebbero in sintonia con le altre facciate della via del centro storico di Lugano. Tutto ciò, con un ricorso tuttora pendente al Tribunale amministrativo cantonale (Tram). A prendere una posizione critica è Benedetto Antonini, vicepresidente della Società ticinese per l’arte e la natura (Stan): «Il risultato degli interventi è osceno e non ha più nulla a che vedere con gli edifici adiacenti. Oltretutto, mi chiedo quale sia il senso di posare delle vetrine al primo piano di uno dei due stabili: i passanti non possono nemmeno guardarci dentro, queste grandi finestroni davvero non servono a nulla. Non capisco come abbia potuto ottenere la licenza edilizia un intervento del genere. Eppure, la Città di Lugano e il Cantone dovrebbero essere vincolati al rispetto delle direttive dell’Isos (l’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale). Poi, la via Nassa di Lugano è una zona protetta anche dalle Norme di attuazione del Piano regolatore (Napr), davvero non trovo spiegazioni». Dal canto suo, la commissione nucleo di Lugano, è intervenuta dando il proprio benestare sia il primo progetto che alla variante riduttiva successiva, con tanto di sopralluoghi e in sintonia con l’Ufficio della natura e paesaggio.

Le direttive Isos diventano obbligatorie

Nel frattempo, restando sul tema dei beni culturali, è emerso che la Cassa pensioni di Lugano ha ceduto gli stabili del rione Madonnetta a Molino Nuovo, dove abitano circa ottanta famiglie, alla fondazione d’investimento Patrimonium di Baar, una società che promuove progetti immobiliari. Come messo in evidenza dal ‘Quotidiano’, il rione rappresenta un raro esempio ticinese di edilizia popolare degli anni Cinquanta e per questa ragione, la zona è vincolata e salvaguardata. Ora la fondazione d’investimento intende valorizzare l’intero comparto e assicura che gli stabili non verranno demoliti: “D’intesa con la Cassa Pensioni di Lugano, ora azionista della Fondazione, e in piena conoscenza delle qualità del quartiere Rione Madonnetta, stiamo valutando un progetto di valorizzazione e costruzione nell’ambito del quartiere che si basa su uno studio preliminare che permette di mantenere gli immobili esistenti”, si legge sul sito della Rsi. Probabilmente, non poteva essere altrimenti, visto che nella seduta dello scorso novembre, il Consiglio comunale di Lugano ha accolto parzialmente la mozione sui beni culturali (primo firmatario Nicola Schoenenberger dei Verdi). La risoluzione adottata dal legislativo impone al Municipio di definire quali parti del territorio della nuova Lugano siano meritevoli di tutela e di pubblicare le relative Zone di pianificazione. Non solo. Da qualche mese, tramite il voto del Consiglio comunale, i contenuti dell’inventario Isos devono essere integrati negli atti pianificatori in vigore, nelle relative Napr e nel /Regolamento edilizio che devono essere adeguati alle tutele incluse nelle direttive dell’Isos.

Un architetto e la commissione urbanistica

Sempre a proposito dello stesso argomento, nella seduta odierna, il Municipio di Lugano ha licenziato all’attenzione del Consiglio comunale il messaggio relativo alla proposta di alcune modifiche del Regolamento comunale in materia di commissioni di nomina municipale. Obiettivo della revisione è dotare di una base legale la nuova Commissione urbanistica che sostituirà l’attuale Commissione nuclei. L’intento è quello di disporre, come avviene già in molte città svizzere, di una commissione consultiva che esprima pareri su progetti e pianificazioni rilevanti per l’immagine e la qualità architettonica e urbanistica della città. In secondo luogo, si è constatato il limite operativo della Commissione nuclei, dovuto in particolare alle aggregazioni. Infatti, tutte le commissioni degli ex comuni sono confluite in quella di Lugano, che ha ereditato una situazione complessa, eterogenea e bisognosa di essere uniformata. Insomma, è emersa la volontà di rafforzare l’Amministrazione comunale e le competenze in materia di patrimonio culturale e architettonico. A tale scopo, recentemente e il Municipio ha pertanto aperto un concorso pubblico per l’assunzione di un architetto. L’obiettivo è quello di costituire una rete di competenze ancora più integrata ed efficace all’interno dell’amministrazione cittadina, alla quale il lavoro di certo non manca.

Leggi anche:

Lugano, contestato intervento edilizio in via Nassa

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved