carabbia-i-lavori-nel-nucleo-e-la-riqualifica-mancata
Non è stata apprezzata la scelta della miscela d’asfalto
+10
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
19 min

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
19 min

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
19 min

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
6 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
6 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
10 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
11 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
11 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
11 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
11 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
11 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
11 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
11 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
12 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
12 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
12 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
12 ore

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
laR
 
20.01.2022 - 07:52
Aggiornamento : 16:53

Carabbia, i lavori nel nucleo e la ‘riqualifica mancata’

Una cinquantina di proprietari critica il Municipio di Lugano per gli interventi squalificanti e non vuole pagare gli ‘esosi’ contributi di miglioria

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“È mai possibile alterare e dequalificare l’aspetto del nucleo storico di un villaggio rurale del Luganese con un intervento che dovrebbe essere di riqualifica? Nessuno oserebbe pensarlo, eppure è possibile. Specie se l’opera esce da una progettazione di chi ha una visione alterata della realtà locale e idee moderniste da piazzare in ogni dove senza la possibilità di considerare gli aspetti storici, culturali e tradizionali del luogo”. Comincia con questa nota di malcelato sarcasmo ‘Carabbia, una riqualifica mancata’, un documento-protesta, sotto forma di perizia tecnica di oltre 70 pagine, con tanto di fotografie di confronto con altri nuclei, recapitato al Municipio di Lugano, reo di aver ordinato di eseguire dei lavori contestati dai residenti, che ora protestano contro gli esosi contributi di miglioria richiesti dalla Città e non intendono versarli. Nel mirino ci sono le soluzioni scelte per le pavimentazioni, i raccordi, i vari allacciamenti e l’arredo urbano.

Un ‘pastrugno che ha deturpato il borgo’

Insomma, l’intervento non piace ai residenti del nucleo, o perlomeno a una cinquantina di loro, che considera ingiustificati i contributi di miglioria richiesti dal Municipio. Residenti che non esitano a definire ‘salassi’ da decine di migliaia di franchi a famiglia per coprire i costi del “pastrugno che ha deturpato il borgo”. Eppure, da mesi chiedono (invano) di incontrare il Municipio. In realtà, la prima raccomandata risale al 2018. L’ultima, recapitata a Palazzo Civico, è dello scorso 5 gennaio quando la cinquantina di residenti ha rinnovato la richiesta di un incontro e ha inviato all’esecutivo cittadino la perizia di oltre 70 pagine con le quote dell’operazione, i lavori eseguiti, i difetti concettuali e tecnici riscontrati. Tutto ciò per sostanziare le perplessità su un’opera costosa e mal eseguita. Tra le varie critiche figurano la creazione di pendenze superiori ai 30 gradi in alcuni tracciati, infestazioni di zanzara tigre provocate dal nuovo sistema fognario, scoli volanti in mezzo ai calpestii dei passaggi, ruggine e inciampi un po’ ovunque che rendono difficoltoso il passaggio. Interpellato da laRegione, il sindaco di Lugano Michele Foletti si limita a dire che è disposto a incontrarli. A sorprendere è però la parte tecnico/finanziaria che provocatoriamente propone la classica soluzione dei sanpietrini tipici da nucleo, che costano 250 franchi al metro quadrato, la metà rispetto alla soluzione adottata. La perizia mostra infine il prezzo reale dell’asfalto, ovvero da 95 ai 160 franchi al m2 (a seconda del tipo), ovvero dalle 3 alle 5 volte meno caro rispetto a quanto pagato.

Obiettivi del messaggio non raggiunti

Dallo scorso maggio, i lavori sono terminati. L’approvazione della richiesta di credito di poco meno di tre milioni di franchi risale invece al 2016. Nel messaggio municipale si parla di valorizzazione del luogo, compreso il completo risanamento delle canalizzazioni pubbliche e la posa di una nuova pavimentazione per riqualificare gli spazi e preservare le peculiarità storiche, paesaggistico-ambientali e urbanistiche degli edifici di pregio e di tutto il nucleo. Nel giugno 2018, ad alcuni abitanti emergono i primi dubbi e le perplessità sono messe nero su bianco in una lettera raccomandata inviata all’esecutivo cittadino, con la prima richiesta (vana) d’incontro, per esprimere le preoccupazioni sull’indirizzo che stanno prendendo i lavori. Però, a inizio giugno 2021, la stessa cinquantina di residenti nel nucleo di Carabbia torna alla carica e sottoscrive una nuova raccomandata indirizzata al Municipio, sporgendo reclamo sulla ripartizione dello spread tra la soluzione di riqualifica normale del nucleo storico e quella effettiva ritenuta “pregiata” avallata e realizzata dal Municipio di Lugano, per di più con varie lacune che la rendono degradante. Nella perizia si citano anche alcuni passaggi del messaggio municipale. Si legge che di “particolare importanza e interesse, alla luce degli aspetti storici e dei manufatti protetti che caratterizzano il nucleo di Carabbia, risultano essere le modalità di ripristino della pavimentazione (...). Obiettivo è quello di dare il medesimo assetto urbanistico a tutto il comparto del nucleo”. Alla luce del risultato, la cinquantina di residenti sostiene che sia stato fatto esattamente il contrario rispetto a quanto descritto: gli spazi sono stati rifatti ma con una tipologia di materiali e una modalità di posa che non condividono, né rispettano il contesto rurale e storico nel quale si situano. Peggio ancora: oltre agli oneri elevati, la posa e i raccordi dei tubi fluviali alla nuova rete delle acque bianche genereranno ulteriori costi e interventi periodici di pulizia dei pozzetti. Nella perizia, si legge che con “la separazione delle acque meteoriche e la formazione di una rete di deflusso indipendente, la necessità di posare ancora dei pozzetti alla base delle facciate degli stabili non sarebbe stata più necessaria né consigliabile. I tubi di collegamento interrati avrebbero potuto essere posati fino all’innesto diretto dei pluviali, visto che la loro posizione verticale fissata alle facciate era esistente da prima dei lavori”.

‘Costi generati da sprechi’

L’opera è destinata a restare così per generazioni, ma i proprietari delle case del nucleo definiscono “batoste finanziarie” i contributi di miglioria, che includono costi generati da sprechi e soluzioni inadeguate alla realtà locale. Lugano stabilisce un costo di 30 franchi al metro quadrato per la pavimentazione standard in asfalto nero, per un totale che sarebbe stato di circa 70’000 franchi. La soluzione composta da “asfalto giallo/bianco” con “sasso pregiato” ha invece un onere totale di 547’000 franchi. Per la cronaca, i proprietari hanno nuovamente scritto al Municipio lo scorso novembre. Laconica la risposta giunta da Palazzo: “Di questi 3 milioni investiti solo una fetta è a carico degli interessati e, dal momento che c’è un asfalto nuovo al posto di quello vecchio (poco importa il tipo, se nero da 30 franchi al metro quadrato o quello grigio chiaro intercalato da lastre di granito, più adatte ad aree cittadine dove le superfici da rivestire sono pressoché piane) la fruibilità in ogni caso ne ha giovato”. Il materiale, peraltro, non è stato prodotto né posato da ditte ticinesi e, stando alla perizia, risulta molto più costoso del convenzionale asfalto sia all’acquisto che per la posa e soprattutto quando saranno necessarie future manutenzioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carabbia riqualifica nucleo
Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved