ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
15 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
18 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
20 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
1 gior

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
16.12.2021 - 16:53
Aggiornamento: 17:10

Cene aziendali disdette, chiusura in rosso a Bissone

L’edizione 2021 della tensostruttura Crystal Loft, già contenuta per la pandemia, ha visto la cancellazione di più della metà degli eventi

cene-aziendali-disdette-chiusura-in-rosso-a-bissone
Crystal Loft a Bissone

Un’atmosfera unica dove ritrovare, dopo un intero anno di lavoro, quella spensieratezza e quella gioia di condividere con colleghi e superiori non solo e sempre una scrivania. La location, termine tanto di moda in questi ultimi anni, offre del resto un panorama unico: il lago Ceresio a pochi passi e un poker di monti (San Salvatore, San Giorgio, Sighignola e Generoso) tutto intorno. Il Natale 2021 della Crystal Loft di Bissone non sarà ad ogni modo così luccicante come quelli vissuti nelle scorse tre edizioni (2017, 2018 e 2019). Assente lo scorso anno per pandemia, in questo nuovo inverno di ondate di coronavirus, per di più con preoccupanti e più contagiose varianti, la tensostruttura ha registrato giorno dopo giorno una disdetta dopo l’altra.

Eppure c’erano tutte le condizioni per ricordarla come un’edizione da... incorniciare. A cominciare dal tema scelto, ovvero quel “Gallery”, che si era posto come obiettivo di fondere insieme, in collaborazione con l’Art Trust di Melano, design e arte. Trasparente e arredata in modo originale, da cinque anni del resto è il luogo scelto da aziende e ditte ticinesi per la loro cena, o pranzo, delle festività. Qui hanno, infatti, sempre trovato un servizio personalizzato a 360 gradi: dall’allestimento della sala alla decorazione, dall’intrattenimento alla ristorazione.

«Purtroppo chi ha annullato in questi ultimi giorni sono più che la metà» ci fa sapere la cofondatrice Paola Tommasini che, insieme a Nicole Pandiscia, è stata capace di portare nel Luganese un’offerta molto apprezzata, tanto da scongiurare così per molti la trasferta italiana e permettere un ritorno, anche economico, sul territorio. Venerdì si terrà l’ultimo evento, ma il bilancio sembra tristemente già volgere al rosso: «Siamo partiti bene, con prenotazioni che riservavano quasi tutte le serate a disposizione, invece abbiamo dovuto nostro malgrado, con l’acuirsi dei casi di Covid-19, registrare una cancellazione dopo l’altra».

Giunti al quarto anno (nel 2020 come anticipato tutto era saltato), la Crystal Loft è entrata nelle agende di molti imprenditori e gruppi non solo per la scelta di un allestimento diverso per ogni edizione, ma soprattutto per la sua capienza, che a livello ticinese può considerarsi quasi unica: 700 metri quadrati e la possibilità di ospitare fino a 600 persone in piedi e 300 comodamente sedute. Una struttura che ha sempre fatto la felicità (con il ritorno di un affitto) anche del Comune di Bissone. «Solitamente gestivamo la struttura per circa due mesi, da ottobre a dicembre – ci illustra le difficoltà di questo ultimo periodo la cofondatrice – tanto che quest’anno avevamo deciso di ridurre la tempistica, così da non rischiare. La decisione ci aveva sorriso avendo riempito tutto il mese... Poi questa nuova ondata a scombussolare tutti i piani... Proprio non ci voleva...».

Cene, standing dinner o pranzi (seppur scelta meno gettonata), matrimoni (se ne sono avuti anche tre nel corso di un’edizione, quest’anno invece solo uno), area lounge e ampia sala, con aperitivo e con anche dopo cena, fra palco e zona ballo. Senza contare diverse proposte sul fronte catering. Insomma c’erano tutti gli ingredienti giusti per archiviare questo pre-Natale con segno positivo. Magari cercando di bissare stagioni da una ventina di eventi (la scelta cade prevalentemente su giovedì, venerdì e sabato, in settimana con eventi più piccoli): «Queste continue disdette ci portano a temere di chiudere in passivo. Evidentemente non è bastato imporre il Covid pass e la messa a disposizione, prima di entrare, di test rapidi. Le ditte si sono tirate indietro una dietro l’altra appena i casi sono aumentati. Peccato... Ci siamo fin dall’inizio considerati un valore aggiunto, anche per grandi aziende nel campo medico o della moda, protagoniste dell’economia ticinese che prima andavano magari fuori dal Ticino per questo tipo di evento natalizio. È triste soprattutto per il fatto che costruirla e allestirla porta un grande impegno. Ma non ci scoraggiamo di certo. L’anno prossimo torneremo!».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved