la-mobilita-lenta-fa-il-tris-nel-luganese-pronte-nuove-opere
Foto Dipartimento del territorio
Mobilità lenta, si accelera
+1
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Lugano, all’università parte un’altra formazione religiosa

La Facoltà di teologia propone un corso destinato a chi si occupa dell’insegnamento a scuola e non solo. Intervista a Don Emanuele Di Marco
Locarnese
8 min

Ponte Brolla, ultimi tiri obbligatori

Sabato e mercoledì per i militi ritardatari vi sarà la possibilità di sparare al poligono
Locarnese
1 ora

Mosogno, vi sono ancora alcuni roghi nel perimetro bruciato

Sotto osservazione l’incendio boschivo ai piedi del Pizzo della Croce. Previsti ulteriori lanci d’acqua con l’elicottero per scongiurare rischi
Locarnese
1 ora

Pedemonte, niente luci sulle strade tra le due e le cinque

La richiesta al Municipio, quale misura di risparmio energetico, è contenuta in una mozione inoltrata da Paolo Monotti
Mendrisiotto
4 ore

Sebastiano Gaffuri: ‘Otto anni a Bellinzona possono bastare’

Il sindaco di Breggia non correrà alle prossime elezioni cantonali. Con Natalia Ferrara, il Plr del Mendrisiotto perde così due uscenti su tre
Ticino
6 ore

‘Pensione statali, compensazioni necessarie e urgenti’

Il Ps: il Gran Consiglio va coinvolto tempestivamente sulle misure contro il peggioramento delle rendite a causa della riduzione del tasso di conversione
Ticino
6 ore

Dormiamo meno e peggio. Con gravi rischi, specie per i giovani

Il mito della performance e i dispositivi elettronici stanno compromettendo sempre più qualità di sonno e veglia dei ticinesi. Il punto col Prof. Manconi
Locarnese
16 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
17 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
17 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
17 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
18 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
18 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
13.12.2021 - 12:28
Aggiornamento: 18:42

La mobilità lenta fa il tris nel Luganese, pronte nuove opere

Realizzate le piste ciclopedonali Cadro-Davesco e della Piodella, nonché un tratto del percorso Bioggio-Agno. La mobilità lenta segna un nuovo passo

La pista ciclopedonale Cadro (Cossio)-Davesco (in territorio di Lugano), un tratto del percorso Bioggio-Agno e la pista ciclopedonale della Piodella, che collega i Comuni di Muzzano e Collina d’Oro. Eccole le nuove infrastrutture per la mobilità lenta, fresche di consegna e finalmente percorribili. “I tre percorsi – evidenzia in un comunicato stampa il Dipartimento del territorio – contribuiscono a un’ulteriore estensione della rete ciclopedonale cantonale e rappresentano un nuovo passo avanti verso una mobilità lenta maggiormente attrattiva, sia per gli spostamenti professionali che per quelli di svago, posizionandosi come valida alternativa al mezzo di trasporto privato in ambito urbano”.

Gli interventi di mobilità lenta rientrano nel programma di agglomerato del Luganese di seconda generazione (PAL2), e beneficiano di un finanziamento suddiviso tra Confederazione, Cantone e Comuni. Il PAL2 conferma così la volontà di portare a termine la rete ciclabile regionale impostata con il Piano della viabilità del Polo Luganese (Pvp), che ha lo scopo di collegare, nell’ottica di un utilizzo quotidiano, i principali abitati del Luganese, le principali infrastrutture pubbliche di interesse regionale e le fermate dei mezzi pubblici. Gli investimenti destinati alla mobilità ciclabile quale mezzo di trasporto sostenibile per gli spostamenti utilitari “sono inoltre in linea con la politica ambientale ed energetica attuata dal Cantone”. Ma ecco nel dettaglio la bontà delle tre opere.

Pista ciclopedonale Cadro (Cossio)-Davesco

Costruita tra il mese di maggio del 2020 e il mese di dicembre del 2021, la pista ciclopedonale Cadro (Cossio)-Davesco, si sviluppa nei quartieri di Davesco-Soragno e Cadro riprendendo il tracciato della vecchia linea ferroviaria Lugano-Cadro-Dino. L’infrastruttura, dal costo di circa 1,7 milioni di franchi, s’inserisce nel percorso di carattere regionale Tesserete-Figino, noto anche come la “Via del Lago”, che collega i quartieri periferici di Lugano a carattere residenziale con il centro cittadino. La nuova infrastruttura, la cui lunghezza complessiva è di 440 metri, è composta di due passerelle: Favadin, in territorio di Davesco e Cossio a Cadro, della lunghezza, rispettivamente, di 46 e 123 metri. Per la costruzione della passerella Cossio si è tenuto conto del recupero e della rivalorizzazione del traliccio dell’ex ponte ferroviario già presente in loco, al fine di tutelarne il valore storico. In concomitanza con i lavori esecutivi della pista ciclopedonale e la collaborazione nonché il supporto della Città di Lugano, hanno dato luogo al risanamento di Via Vecchio Tram tra le passerelle Favadin e Cossio. Gli interventi della tratta sono stati finanziati in parte dalla Città di Lugano. L’illuminazione del percorso – si legge nel comunicato stampa – è garantita da lampade a Led, e ciò al fine di consentirne la fruizione anche nelle fasce orarie con scarsa illuminazione naturale, come pure per garantire una maggiore sicurezza agli utenti.

Pista ciclopedonale Bioggio-Agno

L’opera, realizzata in 5 mesi (giugno 2021-novembre 2021) e del costo di circa 380mila franchi, è lunga 225 metri e collega Via Campagna, a Bioggio, nelle vicinanze del centro sportivo, a Via Campagna in territorio di Agno, nella zona della Scuola media. La presenza dell’istituto scolastico giustifica la necessità del collegamento, in quanto volto a garantire all’utenza e, in particolare, agli studenti, un transito ciclabile al riparo dall’intenso traffico della vicina Strada Regina (strada con il maggior numero di transiti veicolari del Canton Ticino). Grazie a questo nuovo tratto è oggi possibile collegarsi direttamente, comodamente e con maggior sicurezza al percorso nazionale N.3, agli altri percorsi regionali e alle principali infrastrutture della zona.

Pista ciclopedonale della Piodella

La pista ciclopedonale della Piodella, costruita tra il mese di giugno del 2020 e il mese di luglio del 2021, e del costo di circa 2 milioni di franchi, si estende lungo 1,2 chilometri e si snoda dalla zona della Piodella fino alla rotonda di Viglio, attraversando i Comuni di Muzzano e di Collina d’Oro. La sua realizzazione si è resa necessaria al fine di garantire una maggiore sicurezza ai ciclisti in transito, in quanto, in precedenza, il percorso ciclabile era incluso nella carreggiata stradale. È stato pertanto realizzato un tracciato condiviso tra biciclette e pedoni separato dal campo stradale per mezzo di una barriera di sicurezza – evidenzia il Dipartimento del territorio. Che aggiunge: la nuova infrastruttura è parte integrante del percorso d’importanza cantonale Tesserete-Cassinone, che transita anche dalla stazione ferroviaria di Lugano e che attraversa l’agglomerato da nord-est a sud-ovest, inserendosi nella rete regionale e collegando i maggiori centri d’interesse luganesi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ciclopedonale luganese mobilità lenta pista ciclopedonale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved