ex-macello-di-lugano-un-inchiesta-finita-in-farsa
Ti-Press
Le macerie dell’edificio abbattuto nella notte fra il 29 e il 30 maggio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
20 min

Benzina scontata se paghi in euro, ‘un margine per ridurre c’è’

In alcuni distributori sul confine il prezzo è tornato sotto i 2 franchi al litro, ma bisogna pagare in euro e in contanti. ‘Sleale e insostenibile’
Locarnese
20 min

Strada della Vallemaggia, una storia costellata d’incidenti

Due morti nel giro di una settimana. Su quell’arteria d’asfalto torna l’incubo della lunga scia di decessi degli scorsi decenni
Ticino
9 ore

‘Il lupo ha un impatto su tutta la società’

Il grido d’allarme dei Giovani contadini ticinesi: ‘Il nostro futuro è a rischio! L’autorità reagisca’
Ticino
9 ore

Droni e termocamere per salvare i cuccioli di capriolo

Il sistema per proteggere i piccoli dai pericoli dello sfalcio dei prati è stato messo a punto dal Dt in collaborazione con alcuni agricoltori
Mendrisiotto
10 ore

Mortale Rancate, motociclista e conducente dell’auto indagati

Il procuratore pubblico, Simone Barca, ha aperto un’inchiesta per l’ipotesi d’omicidio colposo. Il motociclista risultato negativo al test dell’alcol
Luganese
10 ore

‘È una conferenza per governi e multinazionali occidentali’

Lo denuncia il Comitato contro la guerra in Ucraina. In serata ci sono state due manifestazioni, una inattesa, in Piazza Dante
Ticino
10 ore

Parto in carcere, la commissione parlamentare verifica

Filippini: ‘Sentiremo detenuta e personale’. Laffranchini: ‘Riteniamo di aver agito correttamente facendo tutto il possibile date le circostanze’
Mendrisiotto
11 ore

Nella Città di Mendrisio i parchi si animano

Fino a settembre in alcune delle aree verdi presenti sul territorio comunale la domenica pomeriggio si gioca e ci si diverte
10.12.2021 - 17:37
Aggiornamento: 18:08

Ex Macello di Lugano, un’inchiesta finita in ‘farsa’

Il Cs()a il Molino commenta con sarcasmo il decreto di abbandono deciso dal procuratore generale Andrea Pagani

“Non ci sorprende che il ricorso alla demolizione e all’intervento militare sia stata una decisione presa fin dal primo giorno della costituzione dello Stato Maggiore per gestire l’operazione Papi. Ossia la demolizione materiale dell’autogestione. Ad affermarlo sono le mail inviate il 12.03.2021 tra il vicecomandante della polizia di Lugano, Macchi, e lo Stato Maggiore, in cui veniva segnalato che, dopo lo sgombero del macello, si sarebbe potuto demolire lo stabile dormitorio degli occupanti. Davvero possibile che i comandanti della polizia cantonale Cocchi e quello della polcom di Lugano Torrente non ne sapessero niente?”. Il Cs()a il Molino commenta così il decreto di abbandono deciso dal procuratore generale Andrea Pagani, per l’inchiesta penale sullo sgombero e la demolizione di un edificio dell’ex Macello di Lugano. Una decisione che, secondo gli autogestiti, fa “emergere la netta ed evidente contrapposizione tra la parte poliziesca – che parla della chiara possibilità della demolizione di parte dello stabile, di scontri duri, di possibili feriti e addirittura di morti – e quella politica che, con un candore ipocrita e vigliacco, asserisce di non saperne niente della più volte ipotizzata demolizione”.

Il Cs()a il Molino ritiene che non sia rimasta alcuna traccia del “paventato effetto ‘degenerazione’ della manifestazione del 29 maggio”. Un effetto “preso a pretesto dal Municipio di Lugano come giustificazione dello sgombero. O probabilmente solo l’ultima delle beffe, quella che entra di diritto nello spazio temporale della menzogna, dell’infamia e della codardia. Qualificare infatti un’occupazione temporanea e rivendicativa di uno stabile in disuso e di prossima distruzione, è quanto di più assurdo e subdolo si possa prendere a giustificazione. Ad apparire ‘corretta’ risulta invece – paradossalmente – la scelta militare della distruzione della parte abitativa per impedire la possibile rioccupazione della struttura. Il risultato finora ottenuto è lì a dimostrarlo”.

Sempre per il Cs()a è “altresì derisorio, anche se tinto da vaghe sfumature inquietanti, che, ancora prima del nuovo interrogatorio a Karin Valenzano Rossi mercoledì 1 dicembre, il Pg già faceva sapere della sua intenzione di pronunciare un decreto d’abbandono. Una procedura decisamente poco seria che (...) dovrebbe far riflettere sulla credibilità delle così dette istituzioni”. Gli autonomi criticano e definiscono ‘preoccupante’ “la scelta di non interrogare i massimi vertici della polizia cantonale e comunale (Cocchi e Torrente) e il loro responsabile Norman Gobbi”. Insomma, per concludere Il C()sa parla di “una farsa. Uno stato delle cose perlomeno imbarazzante. Uno sfregio alla tanto decantata democrazia. E la conferma della sua natura ipocrita”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abbandono andrea pagani demolizione ex macello il molino lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved